St.Ride – Quando Arrivo Arrivo (Niente, 2012)

Immagino sia impossibile chiedere al duo composto da Edo Grandi e Maurizio Gusmerini di rimanere fermo in un punto; così, dopo gli ottimi risultati in ambito off-pop di Tutto Va Bene, gli St.Ride danno un taglio alle melodie sghembe e al cantato in italiano e riprendono il discorso di Primitivo, mettendo in mostra il loro lato meno rock. Ammetto che un po’ mi spiace, avevo molto amato pezzi “da classifica” come Mi Piaci e Mi Annoio, ma anche in questo nuovo episodio non mancano le ragioni d’interesse.
In realtà, più che una brusca sterzata, Quando Arrivo Arrivo sembra la versione fratturata e scarnificata del predecessore, a cui sono state asportate con chirurgica precisione alcune parti: il risultato è una reinvenzione completa. Come fossero ingegneri del suono di una dimensioni parallela, gli St.Ride progettano e inscenano una continua lotta fra suoni spigolosi e silenzio, costruendo con maniacale attenzione strutture che seguono geometrie insolite, ma che, alla prova dei fatti, stanno in piedi. È il caso, ma prendete l’indicazione del genere col beneficio d’inventario, del funk aritmico di Topi Sulla Lavagna e Quando Arrivo Arrivo, dell’hip hop irregolare di Accelerazione Anagrammatica, del free sottosopra di Arrotolo Spirito Pratico, dove la chitarra dà un vago ritmo e tutto il resto va apparentemente per conto suo. Per quanto, a un ascolto superficiale, possa sembrare un esercizio di estro gratuito, Quando Arrivo Arrivo (e in generale tutta l’opera degli St.Ride), è in realtà una studiata e intrigante ricerca di equilibri “altri”, senza che si faccia uso delle facili scappatoie dell’ironia e del nonsense: basta dare un’occhiata ai titoli, talvolta davvero geniali, figli di un dadaismo capace di svelare, con un fulmineo accostamento, l’essenza delle cose. E in questa logica non può essere un caso trovare, verso la fine, un pezzo bellissimo come Canotto Con Cartella, tre minuti e mezzo di ritmi regolari, voce tremolante, chitarra che punteggia un’atmosfera lirica e notturna (beninteso, in stile St.Ride) e sembra volerci dire che il nostro mondo è ancora lì, semplicemente coesiste con tutte le altre realtà: è solo una delle tante possibili.

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Three Second Kiss - Long Distance (Africantape, 2008)

Formazione nuova, vita nuova, ma pur sempre vecchi Three Second Kiss, sia nel bene che nel male. Il gruppo non…

16 Mar 2008 Reviews

Read more

Tristan Da Cunha – Soçobrar (Taverna/Delphic/Cruel Bones, 2017)

Italianissimo nonostante l’uso del portoghese nella ragione sociale e nei titoli, Tristan Da Cunha è un duo formato da Francesco…

26 Jul 2017 Reviews

Read more

The Tall Ships – On Tariffs And Discovery (Minority, 2011)

That's only post-rock, but I like it. Ecco cosa ho pensato qualche minuto dopo aver iniziato ad ascoltare On Tariffs…

04 Apr 2011 Reviews

Read more

Airportman - David (Lizard, 2014)

Atmosfere di cupo minimalismo accompagnano David, concept degli Airportman legato al tema della morte, in particolare alla storia di un…

24 Feb 2015 Reviews

Read more

G. C. Neri - Logos (Black Widow, 2008)

Forse un po' in anticipo sui tempi di uscita, segnalo comunque questo nuovo progetto del polistrumentista genovese Giorgio C.…

11 May 2008 Reviews

Read more

Kongrosian Meets Oreste Sabadin - Bootstrap Paradox (Aut, 2010)

Oltre ad Oreste Sabadin al clarino, dietro al nome Kongrosian compaiono Alberto Callodei al clarino basso, Alessio Faraon alla tromba,…

24 Jul 2010 Reviews

Read more

Mai Mai Mai – Theta (Boring Machines, 2013)

Tre anni fa, quando esplose la bomba, non mi impressionò praticamente nulla del giro della famigerata Borgata Boredom, né il…

08 Jan 2014 Reviews

Read more

Valla II – Lullabies (Autoprodotto, 2012)

Capita a volte, rovistando a caso nel ciarpame della rete, di pescare qualche perla. Così, poco tempo fa, ci è…

31 May 2012 Reviews

Read more

Me Raabenstein - R (Nonine, 2012)

L'eterno ritorno di Me Raabenstein, ma non in senso ebraico e neppure in termini di tematiche, è semplicemente che questo…

04 May 2012 Reviews

Read more

Centauri - S/T (Lepers, 2014)

In un periodo in cui persino i beniamini Woods non danno le stesse identiche sensazioni di una volta, in zona,…

16 Jul 2014 Reviews

Read more

Dyskinesia - L'Ultimo Giorno (Centre Of Warm/Frohike/Creative Fields, 2008)

In tutta onestà sulle prime avevo un po' snobbato i Dyskinesia, credendo si trattasse del solito combo hardcore che si…

19 Jun 2010 Reviews

Read more

Doppler - Songs To Defy (SK, 2008)

Fa piacere notare che sotto il profilo musicale Lione non si sia mai addormentata. Se negli anni novanta ne…

21 Nov 2008 Reviews

Read more

MINIM – Construct (Kasuga Records, 2019)

Devo essere sincero, quando leggo che un disco è pubblicato in SD card metto mano alla pistola. Diciamo che, fuor…

09 Jul 2019 Reviews

Read more

Beats Me! - Out Of The Box (Autoprodotto, 2011)

Frizzantissimo trio romano dedito sia stilisticamente che propositivamente al punk rock settantasette americano con una strizzatina di Buzzcocks. Considerdando…

12 Dec 2011 Reviews

Read more

The Rambo – The Stabbing (Wallace/Il Verso del Cinghiale/Villa Inferno/Cloudhead,…

In due, una chitarra e una batteria e a peggiorare la situazione due maschere che ricordano i wrestler messicani calate…

09 Dec 2016 Reviews

Read more

Slobber Pup – Black Aces (Rare Noise, 2013)

È ancora tempo di supergruppi? Se quella di associare grossi nomi è pratica mai invalsa (e anzi vitale) in ambito…

10 Jan 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top