since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

St.Ride – Cercando Niente (Niente, 2010)

Che qui a Genova nascesse una etichetta così interessante non ce lo sognavamo nemmeno: invece Edoardo e Maurizio degli St.Ride hanno spiazzato tutti e nel giro di un anno e mezzo hanno pubblicato ben sei dischi davvero di qualità. A casa loro la fanno da padroni con tre uscite a loro nome, ma non per questo si sono ripetuti nei contenuti, anzi i loro registri si sono allargati e di parecchio: una prima uscita elettronica (Volume 2) poi una, bellissima, fatta di registrazioni di onde medie (Onde) e ora addirittura un disco cantato in italiano con tanto di chitarra e batteria!
Maurizio Gusmerini si è infatti spostato principalmente a voce e chitarra, mentre Edoardo Grandi si occupa come sempre delle elettroniche e della registrazione, con l’aggiunta del “nostro” ospite Andrea Ferraris alla batteria in metà dei pezzi: il risultato è un disco di no-wave molto rumorosa, mescolata con stRidii ed elettronica, in cui la fanno da padroni gli eccezionali testi in italiano, decantati con voce plumbeo/stentorea e variamente filtrata. Come sempre nello stile del gruppo il disco non è precisamente “digeribile”, ma la presenza del cantato aiuta senz’altro la fruibilità senza però diminuire l’effetto da pugno nello stomaco… anzi! Nella iniziale Requiem una lista infinita di generi musicali è un mantra recitato che viene sciorinato senza pietà, mentre in Sotto Controllo il loop campionato da Haiku degli Ovo ti perfora le orecchie e allo stesso tempo il testo recita “sei dentro di me/ma sei contro di me/…/se abbasso la guardia/ti prendi il mio spazio/”; i rapporti interpersonali e quel caterpillar sparato su di noi a mille all’ora che è la società sono i temi dei testi e in quest’ottica il pezzo migliore è Conflitto Interiore, un hit single post atomico dove parole senza compromessi (“ma quand’è che te ne vai/…/mi sta bene anche se muori”) rendono bene l’idea del mood complessivo di Cercando Niente. Incompromissorio ma divertente, musicalmente vario e “sostanzioso”: se Devo, PIL e Pansonic fossero in questo momento in cima alla classifica, questo disco gli farebbe compagnia di sicuro, speriamo che non resti un tesoro per pochi.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Back to top