St.Ride – Cercando Niente (Niente, 2010)

Che qui a Genova nascesse una etichetta così interessante non ce lo sognavamo nemmeno: invece Edoardo e Maurizio degli St.Ride hanno spiazzato tutti e nel giro di un anno e mezzo hanno pubblicato ben sei dischi davvero di qualità. A casa loro la fanno da padroni con tre uscite a loro nome, ma non per questo si sono ripetuti nei contenuti, anzi i loro registri si sono allargati e di parecchio: una prima uscita elettronica (Volume 2) poi una, bellissima, fatta di registrazioni di onde medie (Onde) e ora addirittura un disco cantato in italiano con tanto di chitarra e batteria!
Maurizio Gusmerini si è infatti spostato principalmente a voce e chitarra, mentre Edoardo Grandi si occupa come sempre delle elettroniche e della registrazione, con l’aggiunta del “nostro” ospite Andrea Ferraris alla batteria in metà dei pezzi: il risultato è un disco di no-wave molto rumorosa, mescolata con stRidii ed elettronica, in cui la fanno da padroni gli eccezionali testi in italiano, decantati con voce plumbeo/stentorea e variamente filtrata. Come sempre nello stile del gruppo il disco non è precisamente “digeribile”, ma la presenza del cantato aiuta senz’altro la fruibilità senza però diminuire l’effetto da pugno nello stomaco… anzi! Nella iniziale Requiem una lista infinita di generi musicali è un mantra recitato che viene sciorinato senza pietà, mentre in Sotto Controllo il loop campionato da Haiku degli Ovo ti perfora le orecchie e allo stesso tempo il testo recita “sei dentro di me/ma sei contro di me/…/se abbasso la guardia/ti prendi il mio spazio/”; i rapporti interpersonali e quel caterpillar sparato su di noi a mille all’ora che è la società sono i temi dei testi e in quest’ottica il pezzo migliore è Conflitto Interiore, un hit single post atomico dove parole senza compromessi (“ma quand’è che te ne vai/…/mi sta bene anche se muori”) rendono bene l’idea del mood complessivo di Cercando Niente. Incompromissorio ma divertente, musicalmente vario e “sostanzioso”: se Devo, PIL e Pansonic fossero in questo momento in cima alla classifica, questo disco gli farebbe compagnia di sicuro, speriamo che non resti un tesoro per pochi.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Matteo Uggeri: "music for those who want to live in…

Immagino che Hue (al secolo Matteo Uggeri) e gli Sparkle in Grey non risultino proprio una novità per molti nostri…

01 Mar 2007 Interviews

Read more

Antea - Trepverter (Taxi Driver Records, 2014)

Malinconico e ondulato il groove dei genovesi Antea ricorda sì i più ispirati Tool, ma al contempo, con l'incalzare degli…

01 Oct 2014 Reviews

Read more

Sean Carey - All We Grow (Jagjaguar, 2010)

Non sempre le cose sono come sembrano: Sean Carey è sì il batterista dei Bon Iver, ma per nostra fortuna…

22 Jul 2010 Reviews

Read more

Malagnino Marino Josè - 16-11-2008 (Produzioni Pezzente, 2008)

Altro lavoro che coinvolge Marino Josè Malagnino, deus ex machina dei Psss Psss Psss e boss della Produzioni Pezzente: si…

07 Jan 2009 Reviews

Read more

Lite - Phantasia (Transduction, 2008)

Prima una precisazione dovuta, visto che a questo punto, dopo aver ascoltato almeno tre uscite della Transduction, ho iniziato a…

09 May 2008 Reviews

Read more

Adriano Zanni - Soundtrack For Falling Trees (Bronson, 2017)

Adriano Zanni è l'uomo delle sorprese. Non ci aspettavamo il suo ritorno sulle scene col 7" Falling Apart e ora…

07 Aug 2017 Reviews

Read more

Snail Mail - Lush (Matador, 2018)

Quanti dischi indierock avete sentito in questi anni che avevano tutto al posto giusto ma non vi dicevano in realtà…

03 Jul 2018 Reviews

Read more

Le-Li - My Life On A Pear Tree (Unhip/Garrincha, 2010)

Parlavamo tempo fa di pop pandistelle, ed eccolo qua il regalo perfetto per Emiliano Zanotti, il debutto di Le-Li: qui…

24 Mar 2010 Reviews

Read more

The Star Pillow - All Is Quiet (Paradigms/Taverna, 2015)

Parziale cambio di rotta per The Star Pillow, che torna come agli esordi ad essere composto dal solo Paolo Monti:…

08 May 2015 Reviews

Read more

Ovo – Abisso (Supernatural Cat, 2013)

Nonostante le numeroso uscite discografiche, anche su etichette di nome come Load e l'attuale Supernatural Cat e i palchi calcati…

28 Oct 2013 Reviews

Read more

The Caretaker – Patience (After Sebald) (History Always Favours…

Album ambizioso a nome The Caretaker, ovvero Leyland James Kirby. In un attimo Patience ti conduce ti trasporta in…

27 Aug 2012 Reviews

Read more

Delius/Pellegrino/Giust/Thomas/Heenan - Three Nights In Berlin (Setola Di Maiale, 2010)

Altro lavoro che coinvolge Stefano Giust oltre a ad una serie assortita di improvvisatori di livello, come al solito si…

02 Mar 2011 Reviews

Read more

Josco - Kahn Tam-ngan Roum Kan (Somehow, 2012)

Quando la situazione scappa di mano: l'irlandese Gerard McDermott aka Josco era intenzionato a pubblicare qualche remix del suo EP…

14 Jan 2013 Reviews

Read more

Giulio Aldinucci - Archipelago EP (Other Electricities, 2013)

Secondo episodio della discografia di Giulio Aldinucci dopo l'abbandono del monicker Obsil e prima uscita su cassetta, questa volta per…

17 May 2013 Reviews

Read more

Blistrap - On Stage (Setola Di Maiale, 2009)

Avevamo già recensito i Blistrap qualche tempo fa, si tratta di un gruppo di nomi parecchio interessanti che comprende Stefano…

30 Jan 2011 Reviews

Read more

My Dear Killer – Collectable Items (Boring Machines, 2020)

Non è necessario leggere la dichiarazione all’interno del libretto – “This is My Dear Killer final long record and the…

21 Aug 2020 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top