Stop The Wheel – Morning (Madcap, 2006)

Amo passare il mio tempo, qualcuno direbbe sprecare, il mio tempo nei negozi dell'usato. E non parlo di dischi. I mercatini, quelli di periferia, quelli dei tipi che svuotano le case, in tutti i sensi, legali e non. Mi piacciono le cose vecchie, quelle che hanno vissuto e non chiedono altro che di vivere "anchora" come diceva la scritta sul vocabolario Castiglioni-Mariotti di Latino. In realtà spero sempre di fare qualche affare incredibile. Trovare qualcosa di inestimabile valore per cinque euro. Ovviamente non ci sono mai riuscito, e la storia di quando ci sono andato più vicino mi pare poco adatta a questo disco, la serberò per un'altra occasione.
Ero dunque in un mercatino e trovavo dunque una chitarra da barbiere, quelle da serenata, degli anni sessanta, puro legno d'orgoglio italico, mal conciata ed infangata. La portavo a casa, la pulivo et riparavo, et decidevo di tirare su un gruppo, o un momento di solipsistico one man band show, per ridonarle vita. Andavo il giorno dopo ad un concerto e rimanevo di sasso vedendo che qualcun'altro già lo stava facendo. Un segno o un monito? Irrilevante quesito, unica risposta: uno splendido concerto. Stop The Wheel, già in forza ai padovani Jennifer Gentle suona questo chitarrino dall'inizio alla fine del disco con gran perizia e dedizione, e si dice sia solo da due anni che studia. Il ragazzo è eccezionale nella riproposizione di sonorità assai vintage, tra la scena folk dei figli di Guthrie prima e di Dylan e Seeger poi, lontano dai clamori dei trend prewarfolk di devendr-iana memoria. Un disco che non mi stanco di ascoltare per le divertenti atmosfere a tratti quasi fahey-iane e i cantati dei Beatles più pop rurali. Perfetto combo degli appena citati elementi è Where Are We Going Now?, che vive praticamente di sole voci e chitarra. Qui e là spuntano altri strumenti a sottolineare la bontà e la varietà dei brani; la batteria di Bastard He Was registrata al limite della distorsione riporta alla memoria il miglior Microphone/Mt.Eerie. Senza dubbio, per gusto personale, la migliore uscita della Madcap, non me ne voglia nessuno. Tanto sapete dove trovarmi, nei mercatini dell'usato a ravanare tra i libri ammuffiti e le macchine fotografiche d'epoca.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Majak - Scavengers (Autoprodotto, 2014)

Hardcore apocalittico e senza compromessi per questa agguerrita pattuglia genovese. Un brillante esordio dove scorgiamo tanto i cicloni ascensionali dei…

04 Nov 2014 Reviews

Read more

Mark Putterford - Phil Lynott: The Rocker (Omnibus Press, 2002)

La fascinazione per i Thin Lizzy mi ha preso così per caso, un mattino di settembre. E' una di quelle…

19 Nov 2006 Reviews

Read more

Dead Elephant, da Pasolini al grande mietitore

Nuova uscita, ancor nel 2011, per gli italianissimi Dead Elephant che con questo Thanatology confermano appieno di aver raggiunto la…

28 Jan 2012 Interviews

Read more

Yuk! Interventi a cadenza casuale e necessaria numero 3 -…

Etica. Un parolone. Però mi interessa perchè, parlando di musica, segna lo sfumato confine tra le proposte che valgono qualcosa…

13 Oct 2012 Articles

Read more

Bear Claw - Slow Speed: Deep Owls (Sickroom, 2007)

Ascoltando I Bear Claw come sempre ero ignaro di chi fossero e da dove venissero, perché se leggo i comunicati…

20 Oct 2007 Reviews

Read more

Geoff Farina - The Wishes Of The Dead (Damnably, 2012)

Ispirato dalla nuova vita rurale presso il fiume Kennebck nel freddo Maine, torna in punta di piedi Geoff Farina (ex…

05 Apr 2012 Reviews

Read more

Pietro Riparbelli - Uncodified Signals (Oak, 2014)

Continua la ricerca della Oak Editions intorno ai suoni di confine che vanno a braccetto con l'ambient nelle sue diverse…

29 May 2014 Reviews

Read more

Stefano Isidoro Bianchi - Prewar Folk, "The Old Weird America":1900-1940…

Uscito da un po' di tempo, ma solo da qualche mese distribuito nelle librerie, il libro di Stefano Isidoro…

18 Jun 2009 Reviews

Read more

Bobby Soul E Les Gastones - 28/06/09 (Nervi - GE)

Non sarebbe nostra intenzione dare spazio ai deliri del bieco Radu Kakarath: i suoi folli progetti, chi ci segue…

07 Sep 2009 Live

Read more

Marcus Fjellstrom - Epilogue M EP (Rev Laboratories/Aagoo, 2013)

Marcus Fjellstrom è un musicista elettronico qui al suo quinto disco: il background contemporaneo e da colonna sonora si sente…

26 Jul 2013 Reviews

Read more

L'Uomo Di Vetro - A Merry Christmas (Autoprodotto, 2006)

Bellissime grafiche e tessiture strumentali ipnotiche opportunamente sporcate da impeti di batteria e da una foga non comuni. L'Uomo Di…

07 Jun 2007 Reviews

Read more

Pest Sound - 76 Kilos Laughing (Stuntkite, 2006)

Mi scoccia ripetermi (bugiardo) eppure è strano come a volte un disco formalmente perfetto non arrivi dove dovrebbe. Pest Sound…

28 Mar 2007 Reviews

Read more

Murcof & Philippe Petit - First Chapter (Aagoo/Rev Laboratories, 2013)

Un disco dal titolo First Chapter non può essere che l'inizio di un qualcosa e questa collaborazione tra Murcof e…

18 Nov 2013 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 25 (16/04/15)

Puntata numero venticinque della terza stagione di The Sodapop Fizz, questa volta l'ospite di Emiliano e Stefano è Gianluca Becuzzi che porta…

20 Apr 2015 Podcasts

Read more

Eagle Twin - The Thundering Heard (Songs Of Hoof And…

È un vero peccato (mi verrebbe da dire un crimine) che gli Eagle Twin, che della linea evolutiva che parte…

03 Apr 2018 Reviews

Read more

BIP - The Autumn EP (Tafuzzy, 2009)

Mini album di esordio a nome BIP, collettivo non ben definito prima noto col nome Bancali In Pietra, all'insegna di…

13 Mar 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top