Stefano Ferrian – Lophophora (deNOIZE, 2012)

Stefano Ferrian (conosciuto ai più come chitarrista degli Psychofagist) ritorna con il seguito di quel primo capitolo in solo che aveva dato il via al suo deNOIZE project, una serie di mini cd in una confezione digipack extra lusso, ottima risoluzione audio e tutti incentrati sulle droghe. Se alcuni riferimenti di Ferrian nel primo lavoro vi avevano fatto pensare ad un musicista molto influenzato da Mike Patton o dai cataloghi Ipecac e Tzadik, o che abbia punti di riferimento molto ampi come i musicisti di quel giro, con questo nuovo disco avrete la riconferma di quanto avevate già pensato, compreso il fatto che il novarese comunque viaggi su un livello decisamente superiore a molti che si cimentano in queste cose. Un po’ è dovuto al fatto che questo fonico politrumentista sia anche infarcito di diversi tipi di influenze avant-metal, come anche di gruppi tipo Primus, King Crimson o cose che mi hanno anche ricordato i mai sufficientemente apprezzati Sleepy Time Gorilla Museum. Chitarre acustiche e arrangiamenti morbidi quando il lavoro si tiene sul tenue, melodie sinistre che tutto ad un tratto sbottano in esplosioni fra il nuovo metal ed i Neurosis di Souls At Zero. Ferrian suona chitarra, sax, basso, oggetti, synth, batteria elettronica, chitarra classica e canta, il tutto in modo molto fluido e tecnico, anzi, da questo punto di vista sembra un musicista che non mette mai in secondo piano l’aspetto tecnico del lavoro, forse in questo senso sembra dare continuità al suo background metal. La traccia si divide in otto movimenti e non perde mai di intensità, Ferrian riesce a mantenere la tensione in modo costante sia che maneggi materiali jezzeuse, sia che adoperi soluzioni post-noise. Questo secondo lavoro conferma tutte le ottime impressioni che avevo già avuto con il disco d’esordio, si tratta di un musicista che ha già dimostrato in più di un’occasione di avere degli assi nella manica.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Bad Powers - S/T (The End, 2012)

Un' atmosfera palpabilmente febbricitante ammanta questo esordio tutto nuovaiorchese. Infatti dalle ceneri ancora fumanti dei Made Out Of Babies (tre…

21 Dec 2012 Reviews

Read more

Alessandro Calbucci, Matteo Uggeri - The Distance (Why Not Ltd,…

Partiamo subito dicendo che di Matteo Uggeri abbiamo già un'intervista su questa stessa webzine, mentre per onore della cronaca va…

07 Jan 2009 Reviews

Read more

The Great Saunites & Attilio Novellino - Radicalisme Mècanique (Manza…

One side strikes back. Torna il formato vinilico più gettonato degli ultimi tempi, una volta tanto giustificato non da mere…

26 Feb 2014 Reviews

Read more

Luther Blissett – Bloody Sound (Bloody Sound Fucktory/Eclectic Polpo/Brigadisco et…

Secondo lavoro per la interessante formazione bolognese dei Luther Blissett che ritorna dopo qualche rimaneggiamento tra le sue fila: perso…

18 Oct 2011 Reviews

Read more

Sleepmakeswaves - Love Of Cartography (Bird's Robe Records, 2014)

Un imperdonabile ritardo è quello che caratterizza principalmente queste recensione. Mi spiace. Ho fatto cose, visto gente, non ho ascoltato…

13 Mar 2015 Reviews

Read more

Suzanne's Silver - The Crying Mary (Radio Is Down, 2007)

Sicilia, Uzeda, noise rock, post-rock... fin troppo facile dirlo visto che sono compari di etichetta dei Bellini e che il disco è…

16 Sep 2007 Reviews

Read more

True Widow – S/T (End Sounds, 2009)

Con un po' di ritardo recuperiamo questo disco d'esordio dei True Widow, la nuova band capitanata da Dan Phillips, ex…

22 Jun 2010 Reviews

Read more

Tor Lundvall: la melodia che viene dal ghiaccio

Tor Lundvall è un nome che nell'ambito elettronico/ambient non è notissimo, ma senz'altro chi viene in contatto con la sua…

23 May 2010 Interviews

Read more

Cannibal Movie – Avorio (Sound Of Cobra, 2011)

Continua a far proseliti, dalle nostre parti, un certo suono psichedelico e dilatato e forse mai come in…

20 Sep 2011 Reviews

Read more

Montezuma – Di Nuovo Lontano (Dischi Dell'Apocalisse/Dicks And Decks/OnlyFuckingNoise/Mukkake, 2011)

Sarà sempre la solita questione anagrafica, ma immagino per un momento di tornare indietro un paio di lustri orsono  inneggiando…

17 Jan 2012 Reviews

Read more

AA. VV. - Brigadisco 4 - Capropoli (Brigadisco, 2012)

Le compilation della Brigadisco si preoccupano, di anno in anno, di fornire una panoramica sui gruppi che transitano dalle parti…

13 Sep 2012 Reviews

Read more

MojaSfera - Equilibrio Infranto (Autoprodotto, 2008)

A volte è davvero difficile. L'incomprensione, la poca disposizione all'analisi e spesso una buona dose di convinzioni dure a morire.…

17 Nov 2008 Reviews

Read more

Napalmed - III (Autoprodotto, 2008)

Dio santo, se solo esistesse una giustizia a questo mondo gente come la Parodi starebbe sciogliendosi sotto ad una colata…

31 Jan 2009 Reviews

Read more

The Hutchinson - Clan (Wallace, 2009)

Seconda prova altamente infiammabile per la macchina da guerra trentina degli Hutchinson. Groove mostruosi che fagocitano in un unico…

16 Apr 2010 Reviews

Read more

Attilio Novellino/Collin McKelvey - Hyperhunt (Random Numbers, 2017)

La Split Series della Random Numbers nasce con l’intento di documentare su nastro la scena italiana più sperimentale. Questo quinto…

02 Mar 2018 Reviews

Read more

Shonen Knife – Free Time (Damnably, 2011)

Ho scoperto le Shonen Knife anni fa grazie ad uno splendido split 7" in compagnia degli Shudder To Think (senza…

25 Oct 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top