Stefano De Ponti – Fin d’Ersástz/20xx–2016 (Grotta, 2017)

Con meno di vent’anni di musica e un’età anagrafica che non tocca i quaranta è ancora lontano il tempo dei bilanci, ma può essere il momento di fare il punto della situazione, guardarsi indietro (e dentro) per andare avanti. È quello che fa Stefano De Ponti con questa cassetta pubblicata in edizione limitatissima (solo 37 copie) dalla Grotta Records, un piccolo scrigno che racchiude, debitamente sintetizzate, le esperienze finora fatte in una forma che non ha nulla di nostalgico o del riassuntivo: Fin d’Ersástz / 20xx – 2016 è il punto d’arrivo di un’esperienza che si pone come punto di partenza di nuove avventure, che forse sono già qua. Per l’artista le due tracce che riempiono i lati del nastro si potrebbero prestare a un ascolto infinito è l’idea è quanto mai felice: per una musica che ignora l’idea di genere (e per certi versi, vedremo, anche quella di musica) un fluire senza inizio né fine è ideale per cogliere ogni volta aspetti nuovi e approfondire ciò che già si è sentito. Vien quasi da pensare che sia possibile – probabilmente lo è – iniziare l’ascolto in un punto a caso e – alla maniera di certi romanzi burroughsiani – vivere un’esperienza ogni volta diversa. Quel che è certo è che attraversare Fin d’Ersástz vuol dire addentrarsi nell’anima di De Ponti, conoscendone i gusti e gli ispiratori; tutto ci viene poi restituito senza soluzione di continuità né gerarchie in un lavoro che combina cinema e post-rock, avanguardia e monologhi, dialoghi e musica, rumore e teatro e del quale siamo talvolta allocutori, talaltra semplici spettatori, talaltra ancora naufraghi trasportati dal flusso sonoro. Inutile citare i riferimenti stilistici e le fonti: nel complesso processo di composizione tutto si combina dando vita a un’opera affatto nuova e se da un lato è ovvio che questa sia solo una delle possibili forme ottenibili da queste fonti, dall’altro è essa stessa passibile di molteplici letture. Si torna sempre lì, all’idea che le cose siano di continuo rimesse in gioco, che nulla sia stabile ma continuamente ricreabile. De Ponti, nel comunicato stampa, parla di un lavoro pubblicato  “prima di addentrarmi in un futuro di rivoluzioni e attese”; fatico a credere che, in un’opera così complesso eppure aperta alle interpretazioni di chi le si voglia accostare con la dovuta passione e curiosità, non si trovino i germogli del De Ponti prossimo venturo ma è cosa che solo il tempo saprà dirci. Nell’attesa ci teniamo ben stretto Fin d’Ersástz.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Barabba - Primo Tempo (Autoprodotto, 2022)

Notturno trip hop in italiano per alcuni dei volti più noti del panorama indie rock di casa nostra. Uno di…

05 Apr 2022 Reviews

Read more

Red Worms' Farm + Squadra Omega + A Flower Kollapsed…

Fra i tanti festival che si propongono di riempire le lunghe e caldi notte estive nella Pianura, quello di Curtarolo,…

29 Jul 2011 Live

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 25 (16/04/15)

Puntata numero venticinque della terza stagione di The Sodapop Fizz, questa volta l'ospite di Emiliano e Stefano è Gianluca Becuzzi che porta…

20 Apr 2015 Podcasts

Read more

Le-Li - My Life On A Pear Tree (Unhip/Garrincha, 2010)

Parlavamo tempo fa di pop pandistelle, ed eccolo qua il regalo perfetto per Emiliano Zanotti, il debutto di Le-Li: qui…

24 Mar 2010 Reviews

Read more

Kinit Her - The Poet & The Blue Flower (Avant!,…

Una sorta di avvicinamento (super) uomo/natura, testa fra le nuvole, seduto su vette altissime e purissime: questa la copertina (opera…

18 Oct 2013 Reviews

Read more

Firetail - Nylon (VeniVersus, 2018)

Particolare interessante come Vittorio Veneto sia un luogo speciale per la musica: gruppi ed etichette di quella città hanno sempre…

07 Mar 2018 Reviews

Read more

Tetuan - Qayin (Brigadisco/Onlyfuckingnoise, 2013)

Ritornano i Tetuan dopo la tiepida accoglienza riservata su questa webzine con l'esordio Tela. La band marchigiana, partita da un…

20 Mar 2013 Reviews

Read more

Il Lungo Addio – Fuori Stagione (Wallace/Old Bicycle, 2016)

Nonostante gli illustri nomi che accompagnano il progetto, il lavoro del Lungo Addio risulta fiacchissimo e noioso fin dalle prime…

28 Oct 2016 Reviews

Read more

Der Blutharsch + Deutsch Nepal + Bain Wolfkind + Varunna…

La primavera sta portando da queste parti alcuni nomi storici della scena post-industriale e dintorni: dopo Brighter Death Now e…

30 Mar 2012 Live

Read more

Sneers - For Our Soul, Uplifting Lights To Shine As…

Non sappiamo se Maria Greta Pizza e Leonardo Oreste Stefanelli, che compongono questo duo formatosi, come spesso capita, a Berlino,…

18 Dec 2013 Reviews

Read more

Il Disagio – Il Prezzo Dell’Anima (Hanged Man, 2010)

Cosa si può ancora chiedere a un genere come l'hardcore, quello nudo e crudo, con al massimo qualche traccia di…

10 Oct 2010 Reviews

Read more

Paramount Styles - Heaven's Alright (Cycle/Konkurrent, 2011)

Torna Scott McCloud (per chi non lo conoscesse consiglio anche un ascolto delle sue vecchie band: Girls Against Boys, New…

19 Dec 2011 Reviews

Read more

Makhno - Leaking Words (Neon Paralleli/Wallace/Brigadsico e altre, 2018)

Non era necessario arrivare al terzo disco per capire che Makhno è una delle esperienze più autenticamente hardcore che potete…

31 May 2018 Reviews

Read more

L’Esperimento Del Dr. K - S/T (Flamingo, 2019)

Horror garage punk  senza compromessi e con il ciuffo di Glenn Danzig. Punto di forza del quartetto genovese è sicuramente…

30 Mar 2020 Reviews

Read more

Ubik - Circadian Rythms, Sleep Disorder (Farmacia901, 2012)

E' sorprendente che quando meno te lo aspetti esca sempre qualche disco capace di sorprenderti per gusto, qualità e fatto…

04 Oct 2012 Reviews

Read more

Miriam In Siberia - S/T EP (Autoprodotto, 2006)

Ho una sana allergia per l'indierock cantato in italiano: voci che richiamano sempre troppo qualche altro cantante che al momento…

30 Jan 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top