Stefano De Ponti & Eleonora Pellegrini – Physis (Manyfeetunder/Grotta, 2017)

Parte da lontano questo progetto di Stefano De Ponti ed Eleonora Pellegrini e chissà che questo disco non sia solo un punto intermedio dell’intero percorso; di certo è comunque un punto significativo su cui conviene soffermarsi. Pensato inizialmente come performance teatrale che combinasse suono e movenze fisiche per narrare l’evoluzione della natura dalle origini a un possibile futuro, ha attraversato festival teatrali, compilation (Burnt Circuits Kept Under My Bed, di cui vi parlammo) ed esperienze personali e si presenta ora in una forma che riassume e comprende tutto questo. Physis è scandito da tre momenti – posti all’inizio, a metà a alla fine del lavoro – in cui la voce, che fa le veci del corpo nell’opera unicamente sonora, è protagonista. In Non Dèi Da Invocar Eleonora Pellegrini recita con partecipe drammaticità un estratto da La Strada di Cormac McCharthy, quasi un’invocazione (a dispetto del nome); Canto rivisita la Come Wander With Me cantata da Bonnie Beecher in un episodio di Ai Confini Della Realtà e la trasforma in un brano brevissimo e di bellezza abbagliante che dice del desiderio di fuga dal mondo combinando voce e droni come potrebbero farlo Martyn Bates o Andrew King; la conclusiva Oracle getta invece uno sguardo utopistico e speranzoso sul futuro e lo fa con un canto a cappella a cui nulla potrebbe essere aggiunto o tolto senza infrangerne la magia. A fare da ponte fra questi momenti sono sezioni di suoni minimali e soffusi – solo a tratti stridenti – di violoncello e chitarra preparata e field recordings narrativi che fanno parlare gli elementi (acqua, legno, pietre, metallo) o evocano il paesaggio: non semplici riempitivi dunque ma passaggi essenziali per la comprensione dell’opera, che suggeriscono il pellegrinare di uno spirito che solo a tratti si incarna nella voce. Physis è un’opera viva, che nasce alla confluenza fra musica, letteratura, teatro e sentimento della natura e da qui cresce, col confronto e la sperimentazione, prendendo la forma di quella che potremmo definire come una lunga preghiera. Un ascolto non sempre facile – non potrebbe esserlo visto il tema – ma appagante, che ci dà la possibilità di vivere il concept ancor pirma che ascoltarlo.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

AIPS Collective – Postcards From Italy (Oak, 2013)

L’Archivio Italiano dei Paesaggi Sonori è un collettivo di musicisti il cui intento è quello di promuovere la cultura del…

14 Jan 2014 Reviews

Read more

Sarram – A Bolu, In C (Talk About, 2017)

I rituali primitivo-futuristi degli Hermetic Brotherhood Of Lux-Or e di tutto il giro di Macomer, le sinfonie post-industriali orchestrate nel…

29 Mar 2017 Reviews

Read more

F:A.R./ODRZ/Mulo Muto – 28/10/2017 Spazio Ligera (Milano)

Una serata Luce Sia al sempre attento Ligera è una buona ragione per convergere su Milano, tanto più se il…

27 Dec 2017 Live

Read more

Bhopal - Where Morality Fails (Demo, 2006)

Esaltante tecno crust di matrice Tragedy per questo quintetto alessandrino. Drammatici passaggi velati di malinconia che rendono i tre pezzi…

21 Sep 2006 Reviews

Read more

Last Minute To Jaffna - Volume I (Concubine/Swarm Of Nails/Hypershape/Consouling…

Avevamo incontrato i cinque torinesi (recentemente ridottisi a quartetto) sulla compilation Clouds From The Earth, segnalandoli nel gruppo dei migliori;…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Le Singe Blanc – Babylon (Bar La Muerte, 2010)

Nuova prova discografica per il trio francese di Metz. La ricetta cambia poco rispetto al precedente BaïHo (la recensione è…

30 Mar 2011 Reviews

Read more

Jane & The Magik Bananas - Inscrutable Intentions (Unrock, 2020)

Dopo un lungo periodo di silenzio ritornano i Jane & The Magik Bananas, impro trio dal nome rock’n’roll formato da Sam…

28 Apr 2020 Reviews

Read more

Sunn o))) + The Secret - 01/10/11 Fillmore (Cortemaggiore –…

Stephen O'Malley, a parere di chi scrive, è sempre stato più un ottimo manager che non un musicista: capace di…

21 Oct 2011 Live

Read more

Iron - Lovefreakmutant (Spina Bifida/Fucking Clinica, 2010)

A proposito di freak e di delirio, se Mennella si butta nei lavori in solo ed in coppia anche l'altra…

29 Aug 2010 Reviews

Read more

Rage Against The Sewing Machine Vs. Indch Libertine – S/T…

Del duo bolognese delle Rage Against The Sewing Machine avevamo già avuto occasione di parlare in occasione del Tago Fest:…

02 Sep 2011 Reviews

Read more

Trio Banana - Arthur Dent EP (Bubca, 2013)

La prima volta in cui mi sono imbattuto nel Trio Banana è stato poco più di un anno fa. Erano…

22 Apr 2013 Reviews

Read more

Johnny Mox – We = Trouble (Musica Per Organi Caldi,…

Non assomiglia a nulla della roba che si sente in giro, il nuovo disco di Johnny Mox, che sembra affondare…

21 May 2012 Reviews

Read more

Pål Asle Petterson + Ubeboet + UR - The Twists…

Zan Hoffman, che citando le release sheet è "sperimentatore di suoni e rumori dal 1985", porta avanti un progetto dal…

09 Jun 2008 Reviews

Read more

Ensemble Uzi - S/T (Autoprodotto, 2009)

Fa uno strano effetto sapere che un terzetto del genere, musica improvvisata che evita accuratamente la struttura…

28 Jul 2009 Reviews

Read more

Futeisha – Dannato (Old Bicycle/ Brigadisco, 2014)

Sempre alla ricerca di nuove strade e con l’evidente esigenza di non farsi incasellare in un suono o in un…

25 Jul 2014 Reviews

Read more

Massimo Volume + Bancale - 26/07/09 Musical Zoo Festival (Brescia)

Onore al merito delle nove realtà bresciane (tutte rigorosamente ignorate nel fumetto/report sulla scena locale pubblicato su…

02 Sep 2009 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top