St.Ride – Deutschland Femdom (Solar Ipse, 2016)

Il corpus immenso della discografia degli St.Ride (tredici album, se non ho contato male), coi suoi continui mutamenti stilistici ed una coerenza di fondo invidiabile, andrebbe revisionato in funzione di ogni nuova uscita che induce a guardare sotto occhio diverso e riconsiderare le precedenti; un’impresa improba e affascinante che non è detto prima o poi non tenteremo. Per ora ci accontentiamo almeno di parlarvi di Deutschland Femdom, titolo da discaccio gothic/industrial (o a scelta punk politico con riferimento alla Merkel), e suono non facilmente definibile. Con questo disco il duo genovese esce dagli angusti spazi dell’autoproduzione e lo fa grazie alla meritoria opera della triestina Solar Ipse; certo non una major ma sicuramente una garanzia di discreta visibilità e diffusione, dovute anche alla credibilità guadagnata con l’ottimo omonimo magazine e alla qualità delle precedenti uscite che qui si conferma con un bel digipack a tre pannelli e una masterizzazione effettuata da Rashad Becker ai Dubplates & Mastering di Berlino. In tutto questo gli St.Ride cosa fanno? Ovviamente se ne escono con uno dei loro dischi più ostici. “E ce ne vuole” è il commento che sorgerà spontaneo se solo avete un minimo di dimestichezza con la loro discografia; il fatto è che essere ostici per Edo Grandi e Maurizio Gusmerini vuol dire muoversi in direzione contraria rispetto al senso del comune estremismo, senza perdersi in inutili pose, ma lavorando di sottrazione ed arrivando addirittura ad abbassare i volumi; scende anche il numero dei brani, solo tre, mentre sale (almeno quella!) la durata, intorno al quarto d’ora ciascuno. Lo dicevamo all’inizio, spiegare cosa ci sia in questo CD non è semplice. Elettroacustica? Sì, come macrocategoria ci potrebbe forse stare, almeno per la concretezza dei suoni usati, per certe spigolosità, per l’assenza di una forma stabile e codificata, ma non basta. Prendiamo Sotto Docce Di Petroli: in un’atmosfera lividissima e vuota risuonando battiti radi e lontani, a stento tenuti insieme da ronzii e suoni riverberati; è un dub riduzionista estremissimo dove anche la dilatazione propria del genere si perde nel tendersi del tessuto sonoro che viene colto un attimo prima di smagliarsi irrimediabilmente. Non è più accomodante l’autistica improvvisazione di Dispiega Le Sue Piume, fra battiti discontinui e suono rarefatto che solo a tratti si addensa, mentre Mormorando Evi Fugaci ci sprofonda in un abisso sottomarino dove non ci sono d’appiglio stridori, scariche di percussioni sintetiche, suoni acuti come spilli: ancora un pezzo che ridefinisce l’idea di dub attraverso una cupezza da far impallidire i più scuri act industrial, senza condividerne la mortale seriosità; è tutto, come recita la laconica autopresentazione del gruppo su Bandcamp “uno stupido scherzo per far crollare il mondo”. E quindi, in fin dei conti? Niente. Ce ne stiamo attoniti ad ascoltare quello che gli St.Ride non vogliono comunicarci. Non ci chiedono nulla, al limite, se volete, potete chiedere voi. E darvi una risposta.

Tagged under: ,

1 Comment

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Music For Eleven Instruments - At The Moonshine Park With…

Leggiadro indie-pop orchestrale di chiaro respiro europeo, molto gradevole ed accattivante come la maggior parte delle produzioni siciliane indipendenti e…

14 Dec 2016 Reviews

Read more

The Unit Ama - s/t (Gringo, 2006)

Partire da una base molto semplice. Lavorarci sopra. Ricamare. E poi strappare tutti i fili inutili, tutti gli ornamenti e…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Simm - Too Late To Dream (Ohm Resistance, 2021)

Il bello arriva quando si perdono le speranze, rilasciando i propri gesti più intimi e personali senza più remore. Terza…

23 Nov 2021 Reviews

Read more

Melampus - Hexagon Garden (Riff/Sangue Disken/Old Bicycle, 2015)

Il terzo disco dei Melampus pecca nell'artwork: pulito, essenziale, ben fatto, chiaro. Tutto perfettamente in regola, se non fosse che…

30 Apr 2015 Reviews

Read more

Shoplifting - Ep (Kill Rock Stars, 2004)

Secondo quanto ho imparato dai film, il comunismo, in America, è perseguito per legge. Ai socialisti fanno bere l'olio di…

06 Jan 2007 Reviews

Read more

Kitchen Door - Sodapop Edition n.7

Apriamo l'anno con un rapido sguardo a quello appena trascorso: un pugno di canzoni che ci sono sembrate significative…

09 Jan 2011 Podcasts

Read more

Agatha - Getting Dressed For A Death Metal Party (Wallace/Smartz/Basura/Full…

Il nome avrebbe potuto appartenere ad una formazione emo core di metà di anni Novanta, in "illo tempore" un gruppo…

26 Dec 2007 Reviews

Read more

VØID – S/T (Weirdo/Hanged Man/Moshpit Culture, 2010)

Faceva notare il buon (?) Giorcelli, in una recensione di qualche settimana fa, come, sotto il cielo della musica estrema,…

14 Jan 2010 Reviews

Read more

Deison & Mingle – Low Blood Pressure, Final Muzik CD…

Di tutte le annunciate uscite del Singles Club della Final Muzik, questo Low Blood Pressure è l’unica a non essere…

06 May 2014 Reviews

Read more

Franklin Delano - Come Home (Ghost, 2006)

Non c'è bisogno di presentazioni, in campo di cantautorato indie rock le quotazioni dei Franklin Delano, già altissime, si riconfermano…

03 Apr 2007 Reviews

Read more

Pussy Gillette -s/t (Autoprodotto, 2021)

Austin, Texas. Brent Prager, Masani Negloria, Nathan Calhoun. Lercio rock'n'roll, grasso e con una voce, quella femminile di Masani che non ti…

05 Jan 2022 Reviews

Read more

Sonny and The Sunsets - Longtime Companion (Polyvinyl, 2012)

Il suo tramonto Sonny Smith lo racconta, ma senza mai svelarci troppo sulla separazione dalla fidanzata. Lontano da fenomeni…

17 Jul 2012 Reviews

Read more

Maisie - Maledette Rockstar (Snowdonia/La Zona, 2018)

Tornano i Maisie per un'altro viaggio nel loro mondo, questa volta a base di pop Zappaiolo: i due sono accompagnati…

08 Jan 2018 Reviews

Read more

Andrew Quitter - Forgotten Farms (Diazepam, 2012)

Andrew Quitter pubblica un cassetta C30 per la Diazepam di Mauro Sciaccaluga (Ur, Shiver, Wailing Of The Winds) dal sapore…

11 Apr 2013 Reviews

Read more

That Fucking Tank + G.I. Joe 10/04/09 Arci Kroen (Villafranca…

Va in scena al Kroen la notte dei dui (si può dire "dui"? Vabbè, licenza poetica). I veneti G.I.…

21 Apr 2009 Live

Read more

Jung Deejay – Java Script (Arte Tetra, 2020)

Lo strano giro del mondo (ma sarebbe forse più corretto parlare di “giro di uno strano mondo”) che sempre ci…

20 Nov 2020 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top