Squadra Omega – 06/05/10 Locanda di Campagna (Lonato – BS)

In quella che voleva essere una stagione riassuntiva con il meglio delle precedenti puntate, gli Squadra Omega (gente di Mojomatics, Be Invisible Now! ed "ex membri di…" vari ed eventuali)  esordienti totali, rappresentano sicuramente il miglior gruppo visto sul lastricato (non potendo parlare di palco…) della Locanda. Formazione a doppio terzetto, con sax e batteria speculari e il sintetizzatore che basso a bilanciarsi reciprocamente, un po' King Crimson di Thrak, un po' Prime Time colemaniani. Ma alla fine, assolutamente Squadra Omega. Prima di iniziare è doveroso spendere due parole sul particolare look dei nostri: face panting in stile aborigeno (o Guerrieri Della Notte?), tuniche nere bordate oro e in un caso (il sassofonista di sinistra, l'altro è sobriamente scalzo e rasato a mo' di bonzo) agghiacciante mocassino scamosciato su cui non mi dilungherò al fine di non offendere il valido musicista, che pare andare assai orgoglioso di tali calzature. Ma bandiamo queste facezie: quando i sei iniziano a suonare si è subito in balia di un'onda che fluirà ininterrotta per i successivi 45 minuti, con qualche stacco ma senza vere e proprie interruzioni; non ci sarà verso di uscirne. Un esercizio d'ipnotismo a base di poliritmi squadra_omega_locanda_grandee melodie circolari, basso carrarmato e synth striscianti, psichedelia che opportunamente concede poco e nulla al frichettonismo, trasmettendo anzi un senso di disciplina rituale; e vedendo i sei tunicati davanti a noi, non è poi un'idea così peregrina. Doveva essere simile l'atmosfera in certi raduni kraut, o quella che si respirava durante le jam fra Ornette Coleman e i Master Musician Of Jajouka, ma al giorno d'oggi è raro sperimentare un simile trasporto. Gli unici momenti di ritorno in sé sono quelli di stasi fra un blocco e l'altro, a volte enfatizzati da un cambio di strumenti come quando i due frontman posano i sax per imbracciare la chitarra (Mocassino) e imboccare una pipa (Bonzo). Questo è forse l'unico momento di distrazione di tutto il concerto; non per il fatto in sé, ma perché l'odore dolciastro del tabacco ammorba subito l'aria (e fortuna che si è praticamente all'aperto), riconducendoci per un attimo in questa dimensione. Alla fine sono quattro i momenti che conto e mi pare di riconoscere alcune sequenze di Tenebroso, fra jazz notturne e quadrature noise che esaltano il lavoro di basso, per chiudere con dei sax singhiozzanti, che si interrompono e ripartono per poi tacere definitivamente: e ci ritroviamo nel portico del locale. Miglior gruppo visto durante la stagione, dicevo all'inizio, ma senza dubbio in gara per l'assoluto.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Abysmal - The Plague/Bleak Serenades/333 EP (Autoprodotto, 2007/2008)

In un epoca di sovraesposizione, di vendita, di mercificazione dell'orrore, di prostituzione mediatica ed estremo decadimento intellettuale, fa grande…

05 Oct 2010 Reviews

Read more

Paolo Spaccamonti/Stefano Pilia – Frammenti​/​Stand Behind The Men Behind The…

Bella idea quella di far condividere un vinile a due delle figure di punta della chitarra solista italiana di ambito…

07 Aug 2013 Reviews

Read more

Girl Talk - Night Ripper (Illegal Art, 2006)

Quando ci sei dentro non puoi più scappare. A volte la musica è il nostro stupido e frenetico amore per…

02 Apr 2007 Reviews

Read more

Titor - Rock Is Back (Inri, 2012)

Tanto erano alte le aspettative per il nuovo Titor quanto gigantesca è stata la delusione nel notare che dei nove…

20 Jun 2012 Reviews

Read more

Boredoms + Kes Band + Bum Creek - 09/10/10 The…

Arriviamo perfettamente in orario alla serata più "in" del mese al Melbourne festival: alla mezzanotte sarà il 10/10/10 e il…

03 Sep 2010 Live

Read more

16 Barre / Watch The Dog - Li Ho Visti…

Il problema principale di un certo di tipo di hip hop è la più completa e totale autoreferenzialità, benché…

11 Dec 2009 Reviews

Read more

Maria Assunta Karini/Francesco Paolo Paladino/Simon Fisher Turner - Ghosts Of…

Terzo volume della serie 13 private sounds per la Silentes, dedicata a soddisfare anche la vista oltre che l'udito: questa…

19 May 2014 Reviews

Read more

Presi Per Caso - S/T (Autoprodotto, 2006)

La loro storia è molto rock. Un gruppo formato da detenuti che hanno unito le loro passioni musicali e, anche…

07 Nov 2006 Reviews

Read more

The Ex + Ililta Band - 21/03/09 Interzona (Verona)

Trent'anni (beh, qualcuno quasi cinquanta, mi sa...) e non sentirli. Gli olandesi The Ex, in occasione del trentennale, battono…

28 Mar 2009 Live

Read more

Rosolina Mar/Trumans Water - Split (Robotradio, 2007)

La Robotradio grazie ad un parto gemellare, oltre a Lucertolas, regala un nuovo capitolo della sua personale serie che unisce…

19 Dec 2007 Reviews

Read more

Sebadoh - Secret EP (Autoprodotto, 2012)

Anche se sono stati tra le mie band favorite in assoluto, consideravo i Sebadoh dopo 13 anni di ibernazione un…

04 Sep 2012 Reviews

Read more

Massimo Volume + Bancale - 26/07/09 Musical Zoo Festival (Brescia)

Onore al merito delle nove realtà bresciane (tutte rigorosamente ignorate nel fumetto/report sulla scena locale pubblicato su…

02 Sep 2009 Live

Read more

Marco Ferrazza - Citizen (Setola Di Maiale, 2018)

Interessante lavoro di Marco Ferrazza nell'ambito dell'elettronica acusmatica e concreta, musica con una spiccata vena sinfonica che le dà un…

30 Mar 2018 Reviews

Read more

Testing Vault – Threnody For The Suicidals (Anedonia) (Ho.Gravi.Malattie,…

Dei vari progetti musicali di Daniele Santagiuliana avevamo finora trascurato Testing Vault, fra tutti quello maggiormente longevo e prolifico, nonché,…

14 Mar 2019 Reviews

Read more

Démodé – S/T (Autoprodotto, 2009)

E’ un pregevolissimo ep di quattro pezzi il debutto, autoprodotto, di questi Démodé di Udine, un sestetto clarinetto, violino, saxofono,…

06 Jan 2011 Reviews

Read more

Mathieu Ruhlmann - As A Leaf Or A Stone (Afe,…

Nel darmi questo disco da recensire, mi è stato detto che tanto quanto avrei dovuto abbassare il volume per ascoltare…

03 Jul 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top