Slumberwood – Yawling Night Song (A Silent Place, 2009)

I gruppi che ti mandano un cd senza scritto un cazzo, anche un semplice: "oh, minchia… tipo, io ti mando il cd, che me lo recensisci?!!" oppure un "tipo, so che ti faccio un favore a mandarti un disco decente vista la merda che ascolti! Ma non ringraziarmi!" un po’ mi fanno cascare le palle (e seppiatelo le press sheet le leggo via internet, se e quando le leggo), poi per certi versi meglio così forse, in fin dei conti mica dobbiamo essere amici, devo solo recensire il vostro cazzo di disco. Fatto questo piccolo excursus sui rapporti umani stile Findus alle soglie del 2010, mi viene da pensare che siamo tutti freak ma da trenta metri di distanza, comunque andando al disco partiamo dicendo che è davvero bello. Uno dei dischi più melodici che abbia sentito di recente su A Silent Place e che a dire il vero ha sfornato una serie di lavori molto tenui e morbidi come Arc, Aidan Baker, Fabio Orsi, tanto per nominarne alcuni. "Recorded and produced by Marco Fasolo", vi dice nulla? Beh, trattasi di mister Jennifer Gentle e la produzione vintage o comunque con alcuni richiami vecchiotti c’è e bene e ci sta che è una crema, non aspettatevi nulla di troppo sperimentale: trattasi di neo-psichedelia, folk dilatato e per di più molto melodico, la produzione fatta per bene lo fa brillare come una Lucy In The Sky With Diamonds esplosa sotto la lingua a tarda sera. Chitarre, batteria acustica e super aperta con i piatti che Nick Mason gli darebbe un bell’ok dal banco di regia, armoniche a bocca, voci tenui o roca alla Beefheart, per il resto è roba vintage senza essere necessariamente una riproposizione sterile di cose che ascoltava quel drogato di vostro zio, quello che si fumava le canne. Voci molto belle soprattutto quando sono leggere e a volte hanno un po’ di andamento indie-lo-fi (che per il nome sarebbe da far giochi di parole con la Slumberland, anche se a dire il vero non c’entra una sega). Qualche parte delirante e quasi garagesca ma quel che resta sono alcune melodie quasi-emo, roba che mi domanderei quasi se qualche scoria del dopo Green records (il gruppo è di Padova) sia rimasta in sospensione nell’atmosfera dopo il Grande Freddo. Certe melodie sono davvero piacevoli ed il disco egli Slumberwood finisce per suonare amabile, morbido e per nulla banale, insomma roba che se l’indie fosse questo non sarebbe per nulla un dispiacere, anzi.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Fuzz Orchestra – Morire Per La Patria (Wallace/Boring Machines/Brigadisco e…

Tornano col loro noise '70 diversamente strumentale, cinematografico e politicizzato, i Fuzz Orchestra e, per la prima volta su disco,…

20 Dec 2012 Reviews

Read more

Trapcoustic - Rugiada (Tape, Union Editions 2022)

Registrare la prima parte di una trilogia dei fenomeni il giorno di natale, nel 2020, dà un tono al proprio…

06 Mar 2022 Reviews

Read more

Nekrasov/Humiliation – Split CD (New Scream Industry, 2009)

Con un po' di ritardo, ma anche questo CD viene dagli antipodi portato a mano dal nostro boss, mi appresto…

18 Jan 2011 Reviews

Read more

Maurizio Abate – A Way To Nowhere (Boring Machines/Black Sweat,…

Membro del collettivo Eternal Zio e collaboratore dei più svariati musicisti (Jooklo Duo, Kawabata Makoto degli Acid Mothers Temple, BeMyDelay…)…

05 Jun 2014 Reviews

Read more

dQtç – Nullachtfünfzehn (Invaders, 2011)

Si definiscono un trio di improvvisazione noise ma Antoine Läng, voce ed elettronica, Vincent Membrez, synth, e Lionel Friedli, batteria,…

07 Dec 2011 Reviews

Read more

Made In Mexico - Guerrilaton (Skin Graft, 2008)

C'è qualcuno, nel folto e preparato pubblico di Sodapop, che creda ancora in Babbo Natale? Poche mani vedo, bene. Alla…

23 Jan 2009 Reviews

Read more

Marraffa/Giust/Vasi/Tabellini - Old Red City (Setola Di Maiale, 2010)

Ennesimo live che coinvolge Giust ed altri improvvisatori che negli ultimi anni sono comparsi parecchie volte in quello che Stefano…

10 Mar 2011 Reviews

Read more

Noise Cluster – Planet Of The Lost Dolls (Luce Sia,…

Sono una nostra vecchia conoscenza i Noise Cluster, nome dietro cui si celano Flavio Derbekannte e Arianna Degni Lombardo, solitamente attivi…

25 Oct 2017 Reviews

Read more

IQ+1 ‎– Conversaphone Plus (Mappa Editions, 2019)

Un ensemble piuttosto interessante quello degli IQ+1 che con il nuovo album costruisce un linguaggio che si fa ben apprezzare,…

09 Feb 2019 Reviews

Read more

Aucan – Dna EP (Africantape/Ruminace, 2010)

È un laboratorio, questo EP, dove gli Aucan manipolano il proprio codice genetico partendo dal presupposto che "il domani è…

08 Feb 2010 Reviews

Read more

Andrea Rottin - Songs About Nightmares (Madcap Collective, 2008)

La Madcap continua imperturbabilmente nel suo percorso all'insegna del folk, per dirla tutta: dell'indie-folk. Anche questo disco firmato Andrea Rottin…

27 Jan 2008 Reviews

Read more

A Spirale - Agaspastik (Fratto9 Under The Sky/Deserted Factory, 2009)

Il trio composto da Maurizio Argenziano, chitarra, Mario Gabola, sax, e Massimo Spezzaferro, batteria, arriva con Agaspastik al suo terzo…

15 Oct 2009 Reviews

Read more

Fine Before You Came + Vulturum – 25/09/09 Arci Kroen…

Lontani nello stile musicale ma vicini nello spirito, essendo nati, in tempi diversi, dal substrato della scena punk hardcore degli…

13 Oct 2009 Live

Read more

A Sphere Of Simple Green - With An Oblique Glance…

Gli A Sphere Of Simple Green sono un trio formato da Adriano Orrù al contrabbasso, Silvia Corda al piano preparato…

05 Feb 2018 Reviews

Read more

Orange - Certosa (Midfinger, 2009)

L'album degli Orange arriva nelle mie mani corredato da un semplice booklet contenente i testi dei brani, e nulla più.…

03 Oct 2009 Reviews

Read more

Il Guaio - S/T (Lingua, 2014)

Dalla Lingua Records, satellite dell' universo Minus Habes, arriva questa interessante deriva electro pop. Il Guaio è un piacevole incrocio…

17 Jul 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top