Slowcream – Wax On Wool (Nonine, 2009)

La Nonine è stata una delle migliori sorprese dello scorso anno in ambito elettronico e per di più si tratta di un elettronica per nulla fredda, molto easy listening pur non tradendo la sua origine berlinese. Questo disco degli Slowcream non smentisce le ottime impressioni che avevo avuto dopo aver ascoltato il primo lavoro, Slowcream come al solito vede coinvolto in prima persona Me Rabenstein che oltre ad aver licenziato i vari dischi sulla label berlinese ha in piedi collaborazioni in ambiti più o meno limitrofi con un numero imprecisato di altre persone. In questo Wax On Wool Rabenstein ed il gruppuscolo di musicisti che gli ruota attorno si sono regalati un lavoro da top class “con bicchieri di cristallo” come diceva Fresh Prince (al secolo Will Smith). Soft-tronica morbidissima, jazzeuse da colonna sonora per un road-movie notturno girato nella città del reichestag e degli angeli di Wenders. Un disco prodotto in modo ineccepibile e che sembra addirittura semplice nella costruzione delle varie tracce… e sottolineo: sembra. Le basse frequenze sono molto presenti ma ultradiscrete e sui tappeti che vanno a creare solitamente disegnano le melodie le voci di tastiere, pianoforti e synth, poi fiati, chitarra e qualche arrangiamento di archi, poi su tutto resta un parlato che finisce per essere molto efficace. Più che altro la voce quando c’è è molto presente ma non si tratta di un cantato vero e proprio, in realtà si tratta di una voce profonda e cavernosa che ricorda quella di Black Sifichi già ospite con gli String Of Consciousness e in pianta stabile nei [1] Kilo Of Black Bondage uscito su Wallace e che rimane uno dei dischi migliori mai editi dalla label di Mirko Spino. Effetto maledettamente notturno e sorprendentemente rilassato, ancora di più che nel disco d’esordio, per il resto si tratta di ritmiche semplici e lasciate in sospensione, tappeti rossi e velluto anche nell’ambientazione sonora delle tracce, quindi morbidezza che attutisce tutto ovattandolo e che si sposerebbe perfettamente con luce soffusa e vestaglietta in raso (ah vecchi puttanieri!). A suo modo si tratta di un disco sexy, anche semplicemente per i testi ultraminimali e che vengono snocciolati in una perfetta ambientazione da Back Dahlia nel corso delle varie tracce.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Sleepmakeswaves - Love Of Cartography (Bird's Robe Records, 2014)

Un imperdonabile ritardo è quello che caratterizza principalmente queste recensione. Mi spiace. Ho fatto cose, visto gente, non ho ascoltato…

13 Mar 2015 Reviews

Read more

Adamennon/Shiver – S/T (Diazepam, 2020)

Se, durante la successione di antichi e più recenti capodanni, dal 31 ottobre al 31 dicembre, la distanza fra i…

29 Dec 2020 Reviews

Read more

Dalton: malinconia, disincanto e voglia di rivincita

Quattro chiacchiere al bar (immaginario ovviamente) con Fabio Leggieri, chitarrista dei Dalton: la band capitolina al traguardo del terzo album…

25 May 2020 Interviews

Read more

Mattia Coletti – Moon (Wallace/Bloody Sound Fucktory, 2014)

Con Moon Mattia Coletti torna a uno stile vicino a quello delle origini, dopo che gli sviluppi tentati successivamente a…

04 Feb 2015 Reviews

Read more

Golem Mecanique - Nona, Decima et Morta (Ideologic Organ, 2020)

Golem Mecanique è il monicker della francese Karen Jebane che approda sulla Ideologic Organ della Editions Mego con il nuovo…

08 Apr 2020 Reviews

Read more

Daniel Lercher - Missa Brevis (Chmafu Nocords, 2015)

Continuano le uscite interessati dell'austriaca Chmafu, questa volta si tratta del disco di Daniel Lercher Missa Brevis, tratto da una…

05 Sep 2016 Reviews

Read more

Rage Against The Sewing Machine Vs. Indch Libertine – S/T…

Del duo bolognese delle Rage Against The Sewing Machine avevamo già avuto occasione di parlare in occasione del Tago Fest:…

02 Sep 2011 Reviews

Read more

Bastion - S/T (Interregnum, 2009)

Non ce li saremmo mai aspettati così scuri, l'emiliano Yukka Reverberi e il tarantino Valerio Cosi; ma la particolarità dell'incontro,…

10 Jul 2009 Reviews

Read more

Zavoloka Vs. Kotra - To Kill The Tiny Groovy Cat…

Non è bello dirlo, ma spesso leggendo titolo e nome di un gruppo dell’est verrebbe da pensare che sia arretrato…

02 Dec 2006 Reviews

Read more

Uncodified – Behaviour Traits Of Stalkers (Diazepam, 2013)

Con un titolo del genere, con un Black Death Synth che spicca fra la strumentazione, con Marco Deplano (Wertham) che…

24 Feb 2014 Reviews

Read more

Attilio Novellino - Through Glass (Valeot, 2012)

Attilio Novellino abbandona il monicker Un Vortice Di Bassa Pressione e si presenta col proprio nome per il suo secondo…

24 Apr 2012 Reviews

Read more

Petrolio - Di Cosa Si Nasce (Taxi Driver/Brigante/Dio Drone e…

Enfatico industrial primi anni novanta per la creatura di Enrico Cerrato (Infection Code) che rispolvera per l'appunto un genere a…

15 May 2017 Reviews

Read more

Stefano Giaccone - Come Un Fiore (La Locomotiva, 2007)

Mi ritrovo a scrivere che a parte le dovute eccezioni non ho mai sopportato il cantautorato italiano, neppure gli intoccabili…

02 Jan 2008 Reviews

Read more

R.U.G.H.E. - S/T (Niente, 2009)

Non amo molto il radical minimalismo delle edizioni Niente, però non c'è dubbio alcuno che l'etichetta fondata dagli St.ride fornisca…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Lucertulas - Tragol De Rova (Robotradio, 2007)

Tempo fa qualcuno durante il concerto dei Botch mi bofonchiò: "e checcazzo questo è uno dei gruppi che ti riconcilia…

14 Dec 2007 Reviews

Read more

AA.VV. - Bonus Tracks (Mondadori, 2007)

E che cosa c'è da dire? In realtà poco, dato che questa è un'operazione puzzolente tipo quelle delle riviste che…

10 Jun 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top