Sleepmakeswaves – Love Of Cartography (Bird’s Robe Records, 2014)

Un imperdonabile ritardo è quello che caratterizza principalmente queste recensione. Mi spiace. Ho fatto cose, visto gente, non ho ascoltato molti dischi nuovi. Ricomincio col botto, quindi, parlando – come sempre – bene degli Sleepmakeswaves, che stanno a quello che un pò di tempo fa si usava definire ‘post-rock’ come i biscotti Pan Di Stelle stanno all’idea di merenda: solo il nome basta a farti spuntare un sorriso e a provocare quella voglia di averne una grossa quantità. Che si tratti di roba da far arrivare nello stomaco o al nervo acustico, assicuro che è buona. Molto. La band di Sydney è energia costruita con chitarre rinvigorite al massimo dai delay che creano una sinfonia di ampio respiro – Perfect Detonator -, intrecciano cornici per situazioni che è lo stesso ascoltatore a creare, solleticato e sollecitato dalle dieci tracce di questo che è solo il secondo album – i ragazzi suonano insieme però dal 2006 -. Credo che la parola che meglio descriva Love Of Cartography sia ‘texture’: un colore ottenuto da altri mescolati tra loro, un tessuto compatto di cui, però, se mi avvicino, riesco a distinguere i fili di trama e ordito, qualcosa che, partendo da differenze evidenti, viene reso omogeneo in maniera estremamente ricca – Singularity -. La sensazione di calma prima della tempesta – Great Northern – e un climax continuo che apre la mente ad infinite interpretazioni visive – How We Built The Ocean – sono i protagonisti del lavoro che vede convivere alla grande pezzi tra l’elettronico e l’elettrico – Your Time Will Come Again – e altri che, per quello che mi riguarda, dovrebbe entrare nella top ten dei pezzi post-rock – Something Like Avalanches – anche se ricordano vagamente qualcosa dei tempi d’oro. Non sto a dire i numerosi festival figherrimi a cui gli Sleepmakeswaves hanno partecipato o i grandi nomi con cui questi signori si sono esibiti dal vivo, ormai ne parlo ogni volta che salta fuori il loro nome, però insomma, ecco, l’unica cosa da sapere sul serio credo che sia che ascoltando questo disco non si ha bisogno di nessun’altra droga. Il viaggio è assicurato e si risparmia su eventuali pusher. In tempi di crisi, non è poco. Una curiosità: il disco è stato supportato dal governo australiano e dall’equivalente del nostro ministero della cultura. Mentre qui si investe, al limite, sui cinepanettoni, questa nota dovrebbe davvero far pensare…

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Brain In Vain – Inner Crowd (Monster, 2010)

Ancora bella musica dalla Monster, ancora, da ex-Caboto, musica che trova il coraggio d’esser coraggiosa: la tentazione di copia-incollare qui…

02 Jan 2011 Reviews

Read more

Kongrosian Meets Oreste Sabadin - Bootstrap Paradox (Aut, 2010)

Oltre ad Oreste Sabadin al clarino, dietro al nome Kongrosian compaiono Alberto Callodei al clarino basso, Alessio Faraon alla tromba,…

24 Jul 2010 Reviews

Read more

Mombu – Zombi (Subsound, 2012)

Non si tratta del nuovo lavoro dei Mombu, bensì dell'edizione vinilica (con accluso CD) dell'album dello scorso anno, opportunamente rivisto…

15 Nov 2012 Reviews

Read more

F:A.R./ODRZ/Mulo Muto – 28/10/2017 Spazio Ligera (Milano)

Una serata Luce Sia al sempre attento Ligera è una buona ragione per convergere su Milano, tanto più se il…

27 Dec 2017 Live

Read more

Le Pietre Dei Giganti - Abissi (Overdub, 2019)

Roccioso stoner di provenienza orgogliosamente eighties (Soundgarden) con sinuoso cantato in italiano. I ridondanti arrangiamenti chitarristici riducono un poco l'impatto…

09 Mar 2020 Reviews

Read more

Nils Rostad – Ujamat/Harmony Hammond (Solar Ipse, 2013)

Più che una ristampa quella che ci propone la Solar Ipse è l’edizione CD dei due più recenti album di…

28 Feb 2014 Reviews

Read more

Malagnino Marino Josè - 16-11-2008 (Produzioni Pezzente, 2008)

Altro lavoro che coinvolge Marino Josè Malagnino, deus ex machina dei Psss Psss Psss e boss della Produzioni Pezzente: si…

07 Jan 2009 Reviews

Read more

Gurubanana – Karmasoda (Shyrec, 2011)

Se uno dice "pop rock", voi cosa pensate? Possono due paroline così generiche inquadrare la sostanza di un disco? Non…

11 Oct 2011 Reviews

Read more

On Fillmore/Pupillo, Kazuhisa, Yasuhiro - Phonometak Series #7 (Phonometak/Wallace, 2010)

Era un da un po' di tempo che mi chiedevo che fine avessero fatto questi due geni, perché al di…

26 Mar 2010 Reviews

Read more

Gopota – Music For Primitive (Luce Sia, 2016)

“Calandovi nel suono percepirete chiaramente l’emergere di strutture che cercano di dar ordine al rumore, di imbrigliarlo e disciplinarlo” scrivevamo…

16 Dec 2016 Reviews

Read more

Gabriele Gasparotti - Istantanee Vol.1 (Diodrone, 2019)

Il presupposto fondamentale con cui avvicinarsi a queste istantanee non è immediato benchè sia incastonato nella copertina medesima, autentica dichiarazione…

21 Apr 2020 Reviews

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 5 (06/11/14)

Quinta puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano in diretta con l'ospite speciale Vasco Viviani di…

10 Nov 2014 Podcasts

Read more

Plasma Expander - S/T (Wallace/Here I Stay, 2007)

L'ennesimo frutto del sottobosco che esordisce su Wallace? Degli esordienti?...direi che sì per la prima, visto tratta di un esordio,…

31 Jan 2007 Reviews

Read more

My Dear Killer – Collectable Items (Boring Machines, 2020)

Non è necessario leggere la dichiarazione all’interno del libretto – “This is My Dear Killer final long record and the…

21 Aug 2020 Reviews

Read more

Echran - In Offret (A Silent Place/MGF, 2010)

Quasi non ci speravo più in questo disco, la data del mastering di Ielasi reca 2007, quindi direi che si…

25 May 2010 Reviews

Read more

Slagr - Dirr (Hubro, 2018)

Settimo disco nella discografia degli Slagr, Dirr è opera di questo trio norvegese che si muove lungo coordinate di minimalismo…

11 Apr 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top