since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Sleeping People – Growing (Temporary Residence, 2007)

Ricordate la Temporary Residence? L’etichettina americana post-rock melodico che fra le altre cose aveva stampato alcuni capolavori come Tarentel, Cerberus Shoal e Halifax Pier (ora qualcuno nei celebrati Red Sparrows)? Per fortuna o sfortuna non si è convertita al funk punk o alla rock wave stile "dai ragazzi, che se Ian Curtis è un mito l'ha fatto per far fare due euro/dollari pure a noi". Il fatto è che ha anche sperimentato, tanto da far anche uscire un Violetta Beauregarde che bene o male ne spostava ulteriormente il catalogo, ciò non toglie che la radici e la fisionomia della label non ne sono uscite completamente trasformate. Gli Sleeping People, nella migliore tradizione rock americana, sono tecnici, fisici, curati e competenti in materia di rock, il loro enorme problema è di fare math-rock così simile al loro riferimento base che a tratti mi è sembrato di sentire dei Don Caballero sotto tono. Il disco non è per nulla brutto, anzi a tratti hanno il riff assassino ed il pezzo che gli gira attorno, il "sotto tono" era riferito al fatto che non si trattava comunque dei Don Caballero e tanto meno dei Battles (di cui non sono per nulla un fan). Un bel problema direi visto che anche il disco di Damon Che su Relapse dove sostituisce tutti gli soci con dei cloni non tiene fede al blasone del gruppo, resta che anche quel disco annacquato rende più di buona parte dei replicanti. Giusto per inquadrare ulteriormente il suono direi che siamo attorno al periodo di quella bomba What Burns Never Returns con la differenza che gli Sleeping People sono meno erranti e più melodici. Buffo ho appena notato che la band proviene da San Diego e dire che una volta da lì venivano Swing Kids e gente che viaggiava su altre coordinate, però un buon parallelo ci può stare d’altro canto potremmo dire che i primi Tristeza (i migliori) stavano al post-rock come gli Sleeping People stanno al math-rock. Non malaccio ma mentre i Williams e Che saccheggiavano King Crimson, Ac/Dc, hardcore, hard rock, progressive, etc, loro rubano solo da un paio di tasche… e la monocoltura impoverisce il terreno.

Tagged under: , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Back to top