Skullflower – The Black Iron That Fell From The Sky, To Dwell Within (Bear It Or Be It) (Nashazphone, 2017)

Una trilogia in vinile sull’oscurità dell’antico Egitto e sull’ombra da cui provengono i sogni più cupi poteva trovare pochi interpreti più adatti degli Skullflower: la formazione, ormai stabilmente composta da Matthew Bower e Samantha Davies, si propone di dar voce, nell’arco di tre dischi, a Set, Horus e al serpente Apep, divinità dotate ognuna di precisi attributi. Quella del primo, protagonista di questo lavoro e vorticosamente raffigurato in copertina, è proprio l’oscurità, ma Set è un dio complesso e per certi versi ambiguo, che presiede il caos e le tempeste, veglia sui deserti e protegge gli stranieri (quindi anche i due artisti alle prese con le musiche di una terra lontana); è l’assassino del fratello Osiride ma anche il difensore della barca solare durante il viaggio nelle ore notturne. Il contatto con lui viene stabilito la sera del solstizio d’inverno del 2016 e l’album è composto di getto. Nell’apparente uniformità di una musica dilatata e informe, nemmeno eccessivamente rumorosa (in linea con alcune tracce di Draconis e The Spiral Of Great Harm), gli Skullflower riescono a cogliere e rendere palesi diversi aspetti del dio: Blue Lidded Daughter Of Sunset, un raga vibrante e dissonante, sembra alludere alla parte più mistica, il drone spaziale e sinistramente psichedelico di Feral Alchemy apre un canale di comunicazione fra la terra e gli spazi siderali evocando il viaggiatore cosmico, la lunga The God That Licks Up The Blood Dew’d KalasFrom The Altar Of Set, che occupa l’intera seconda facciata, dà voce al lato più caotico dello spirito di Set, trasportandoci al centro di un deserto in tempesta dove ci giungono suoni lontani e indistinti. Se mai si dovesse risonorizzare Lucifer Rising di Kennet Anger non ci sarebbe che da chiedere, ma per ora The Black Iron That Fell From The Sky… ha un compito diverso, che assolve alla perfezione: farci compiere il primo passo in un mondo lontano sotto ogni punto di vista, dove i musicisti sono al tempo stesso  guide e medium di entità misteriose. Non abbiate paura, venite…

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Langhorne Slim - S/T (Kemado, 2008)

A tre anni dal precedente When The Sun's Gone Down, a sua volta seguito dell'autoprodotto Slim Pickens, uscito ben nove…

18 Sep 2008 Reviews

Read more

Victor Bockris - Keith Richards (Omnibus Press, 2006)

Provvidenziale, questo ristampone in paperback piuttosto economico che la Omnibus sforna a 14 anni dalla prima uscita del volume originale.…

10 Dec 2006 Reviews

Read more

Le Singe Blanc - Strak! (Magdalena/Keben, 2006)

In questo disco la scimmia bianca (questa la taduzione del mome Le Singe Blanc) sembra davvero "stracca", che esattamente come in…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

Boslide - Nazisti Da Operetta (Death First!, 2019)

Spiace dover registrare il primo passo falso nella carriera del diabolico ed ambiguo gruppo romano: dopo due uscite in due…

24 Feb 2020 Reviews

Read more

Hey!Tonal - S/T (Africantape, 2009)

Innanzitutto la line-up: Kevin Shea (Storm & Stress, Get The People, Talibam!, Coptic Light, People…), Mitch Cheney (Rumah Sakit, Sweep…

27 Mar 2009 Reviews

Read more

Israel Martinez – The Minutes (Aagoo, 2013)

Israel Martinez è al suo settimo lavoro e si è sempre interessato al mondo della musica ambient/elettronica e sperimentale anche…

23 May 2013 Reviews

Read more

King Dude – Tonight’s Special Death (Avant!, 2011)

Ci arriva dal profondo nord-ovest degli Stati Uniti, passando per Bologna dove la Avant! gli ha ripubblicato in vinile (con…

06 Dec 2011 Reviews

Read more

Vinzenz Schwab - Dings #1 (Canto Crudo, 2014)

Dall'Austria arriva Vinzenz Schwab, un altro musicista contemporaneo da aggiungere alla schiera di quelli che hanno già trovato posto sulle…

19 Jun 2015 Reviews

Read more

Enkil/La Furnasetta – Industrial Archeology (Luce Sia, 2019)

Chi si appresta all’ascolto di Industrial Archeology, cassetta split pubblicata da Luce Sia, non può farsi illusioni: il titolo e…

27 Aug 2019 Reviews

Read more

Hermetic Brotherhood Of Lux-Or - Sex And Dead Cities (Boring…

In questi ultimi anni nessuno ha saputo raccontare la Sardegna, il suo spirito, la sua storia e il suo presente,…

27 Dec 2019 Reviews

Read more

The Dust Dive - Asleep Or Awake Walk (Own, 2005)

Alle volte, ti trovi in situazioni in cui ti sembra di percepire il famoso cespuglio di sterpi che rotola come…

07 Jan 2007 Reviews

Read more

Ubik - Anything You Don't See Will Come Back To…

Marco Bonini è un chitarrista jazz con esperienze in ambito improvvisativo (ad esempio lo potete ascoltare negli Acre o nei…

20 Sep 2017 Reviews

Read more

Kevin Devine - Brother's Blood (Arctic Rodeo, 2009)

Secondo disco Arctic Rodeo che mi capita fra mani ed orecchie e l'impressione è che si sia sintonizzata su gente…

31 Oct 2009 Reviews

Read more

qqqØqqq – Burning Stones Of Consciousness (Casetta/DreaminGorilla e altre, 2017)

Sulla carta la proposta di qqqØqqq, il duo formato da  Tomaso Busatto e Carlo Mantione, sembra la perfetta somma dei…

26 Mar 2018 Reviews

Read more

KK Null – Cryptozoon Stereo Condensed Mix (Aagoo, 2014)

Il prolifico samurai KK Null, già con gli Zeni Geva ma ultimamente sempre più frequentemente in solitaria, ha trovato nell’Aagoo…

12 Oct 2015 Reviews

Read more

Qui/Ultrakelvin – Split LP (Macina/Antena Krzyku, 2017)

Allarga i propri orizzonti la Macina Dischi, collaborando con l’etichetta polacca Antena Krzyku e soprattutto mettendo a disposizione degli americani…

26 Feb 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top