Sister Iodine – Venom (Nashazphone, 2018)

Ho verificato tramite foto e video live reperibili in rete (se vi interessa qui trovate il più recente): i Sister Iodine sono sempre un trio chitarra/basso/batteria formato da Erik Minkkinen, Lionel Fernandez e Nicolas Mazet. Il dubbio era legittimo dopo il primo ascolto di questo Venom, quarto album della band che arriva cinque anni dopo il precedente Blame: se non per brevi momenti non uno degli strumenti è riconoscibile e a produrre l’ineffabile rumore che ascoltate in questo doppio vinile potrebbe essere qualsiasi cosa; sospettavo vivamente dell’elettronica analogica. Invece no, onore alla capacità di produrre un simile casino con una strumentazione tutto sommato canonica. L’avrete capito, se i primi lavori del terzetto erano ascrivibili all’ambito del noise-rock più radicale, questo album rompe gli argini e,  portando agli estremi la concezione degli Shigtings, si propaga in ogni territorio di suono oltranzista, una tendenza già presente in Blame che qui diventa preponderante. La cartella stampa tira in ballo industrial, power electronics e addirittura black metal (è molto trasfigurato, ma fondamentalmente sono d’accordo), ma questi riferimenti rischiano di essere fuorvianti se non si pone il giusto accento sul processo di produzione – alludo in particolare alla fisicità insita nella musica del gruppo – che è fondamentale. Venom è rumore massimalista e ipereffettato a base di feedback, stridori industriali, urla distorte, clangori riverberati prodotto da tre stronzi – stronzi come solo certi francesi sanno essere – con l’unico intento di provocarvi un orribile mal di testa. Sono indifendibili, me ne rendo conto, ma devo ammettere che questo è un disco con un suo fascino e una sua ragione d’essere (e non sto parlando di semplice masochismo da noise addicted). Certo, al primo ascolto vi sembrerà solo un’accozzaglia di rumore indistinto e probabilmente sarà così anche dopo il secondo e il terzo; onestamente non so darvi una motivazione per insistere se non che, dopo un po’, improvvisamente attraversate la linea, il velo si squarcia e cominciate a capire, a distinguere delle strutture nel caos delle composizioni (?), a coglierne le sfumature (??), ad apprezzarne la poetica (???). Allora comprenderete il senso del dramma insito nell’orrendo monolite noise di Blaaack, vi emozionerete nel riconoscere una batteria all’opera in Nous Sommes Surannés (Vivons De Nos Idéaux Passés), nel capire che quel suono distorto in I’m Game e It è in realtà una voce (più o meno) umana (per la cronaca è quella di Stephen Bessac dei Kickback) e vi commuoverete nell’ascoltare una chitarra che cerca di parlarvi in mezzo alla tempesta d’acciaio di Æmbre. Forse i live dove i Kanhate avevano ecceduto con le droghe o quelli più rovinosi dei Wolf Eyes possono essere in qualche modo paragonabili, ma l’impressione è che i Sister Iodine abbiano imboccato una strada lungo cui per parecchie miglia non incontreranno nessuno. Per qualcuno sarà una splendida catarsi, per altri un orrendo cacarsi il cazzo. A quest’ultimi va doverosamente la nostra solidarietà, ma noi stiamo coi primi.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Ninni Morgia & Marcello Magliocchi – Season Two (Solar Ipse,…

La parola scritta si fa suono e così Solar Ipse, ottima fanzine cartacea, si trasforma in etichetta discografica per dare…

19 Jun 2012 Reviews

Read more

The Eagle Twin Ascend the Iceburn: intervista a Gentry Densley

Dopo aver ripercorso la carriera di Gentry Densley dagli esordi (Iceburn) ai nostri giorni (Ascend e Eagle Twin) nell'articolo monografico,…

07 Mar 2012 Interviews

Read more

Two Dead Bodies - Reflect (Afe/Bar La Muerte, 2006)

I due cadaveri nelle sacche nere sono quelli di Luca e Andrea al secolo chitarra e voce degli I/O e…

11 Sep 2006 Reviews

Read more

Dino Betti Van Der Noot - God Save The Earth…

Nel caso di God Save The Earth ci troviamo di fronte ad un disco che bene o male bazzica l'ambito…

13 Nov 2009 Reviews

Read more

Murder - Tu M'Uccidi (Autoprodotto, 2010)

Sorpresa sorpresa! I Murder ti ammazzano sul serio, ma né di noia né dalle risate. Al secolo Carlo Marrone…

21 Mar 2010 Reviews

Read more

Host Skull – Totally Fatalist (Antephonic, 2011)

Sconcertante è l'unico termine che può descrivere questo lavoro di una band, gli Host Skull, che sono in realtà due,…

12 Oct 2011 Reviews

Read more

Port Of Souls - The Life And The Damage Done…

Ancora garage roll al fulmicotone. Dopo qualche assestamento nella formazione ritorna il quartetto meneghino più californiano della barriera di…

23 Nov 2011 Reviews

Read more

The Soul - Hardfunkinvasion (Autoprodotto, 2009)

Lo avevamo incontrato sulla doppia compilation di funk italiano assemblata sotto la supervisione di Bobby Soul ed ecco qui il…

01 Nov 2009 Reviews

Read more

H!U/Stelvio – Pulsatilla (Casetta/Subincision/Light Item, 2018)

Il percorso artistico di H!U – giunto alla quinta tappa - si fa stavolta meno solitario grazie a Stelvio, che…

09 Jul 2018 Reviews

Read more

Heroin in Tahiti - Peplum (Yerevan Tapes, 2014)

Tornano con un 7" i romani Heroin In Tahiti e tornano pure quelle atmosfere "psichedelizziottesche" di borgata che tanto…

07 May 2014 Reviews

Read more

Mingle &The Land Of The Snow -Vuoto/Leere (Luce Sia, 2016)

C’è in rete un video di Giovanni Lindo Ferretti girato sulle sue montagne, pochi secondi di ripresa e una breve…

20 Jan 2017 Reviews

Read more

Hidden Reverse - Six Cases Of Sleep Disorder (Azoth, 2017)

Gli Hidden Reverse sono Simon Balestrazzi e Massimo Olla, che qui danno seguito alla notevole cassetta edita qualche anno fa…

18 Dec 2017 Reviews

Read more

Sergeant Buzfuz - Here Come The Popes (Part Three) (Blang,…

Here Come the Popes è una serie di singoli incisa dai Sergeant Buzfuz, bizzarra compagine di stanza a South London,…

11 Nov 2009 Reviews

Read more

Neubau - Rymdmyr (Digital Nonine, 2008)

Nuova etichetta di elettronica da Berlino, per quanto di "elettronica" si tratti il termine tutto sommato va relativamente stretto alla…

08 Jun 2008 Reviews

Read more

Belanov - Paragraph (Dying Giraffe, 2008)

Dopo essere recentemente passati per l'Italia in occasione di un minitour che ha toccato esclusivamente il nord della Lombardia (!)…

24 Oct 2008 Reviews

Read more

The Martha’s Vineyard Ferries - Mass. Grave (Africantape, 2013)

Da una battuta tra amici nasce il nome di questo trio formatosi quasi per caso e composto per i due…

09 Jan 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top