Simon Balestrazzi – Redshift (Azoth, 2018)

Si presenta con una grafica concettuale piuttosto interessante Redshift, il nuovo album di Simon Balestrazzi, efficace controparte visiva di un’uscita che richiama i suoi lavori più sonicamente astratti e meno narrativi. Un linguaggio che poggia su un sostrato elettroacustico, dove gli studi di oggetti, gong e piatti collimano e si intrecciano all’interno di una visione sonora del tutto personale.
Si potrebbe leggere nell’inizio un qualche tributo a un vecchio collaboratore e altro nome di spessore della scena internazionale, Z’ev, nell’utilizzare un impasto sonoro spettrale fatto di echi metallici e rintocchi, ma, se di questo si tratta, l’incedere mostra subito un carattere del tutto peculiare, dove la mano di Balestrazzi è evidente e riconoscibile nelle rarefazioni elettroniche come nell’approccio compositivo. Una prima traccia che gestisce e trattiene la tensione in modo magistrale, coinvolgendo immediatamente l’ascoltatore nella deriva di sommessi droni di sfondo che danno la giusta profondità alla stratificazione. Itinerario che strada facendo si arricchisce di asprezze e feedback crudi che risaltano accordandosi ai bagliori metallici, vagando tra silenzi, sospensioni e sbalzi improvvisi. Intermezzi di lavorio materico incalzano poi in ambientazioni sempre più tese, in cui annegano voci, rarefazioni concrete e field recordings tenendo agganciata costantemente la tensione al giogo del naufragio. Fino all’ultima traccia dalla tematica estatica che evita il banale grazie a un’attenta sovrapposizione di frasi al limite dello stridente che ondeggiano sul tappeto costante; finale che riaccorda il tutto facendo emergere una visione macronarrativa complessa.
Un disco che convince a pieno per il suo modo di trattare argomentazioni modern classical innervando il suono con potenti e affascinanti prospettive elettroacustiche, mostrando un’eleganza compositiva che tiene assieme un percorso non facile all’interno di una poetica mai scontata e avvincente. Un altro prezioso tassello in una discografia dalla qualità sempre molto alta.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Plunkett - 14 Days (Autoprodotto, 2006)

Lascia perdere le tue “10 ragazze per me”. Piuttosto, 14 giorni ti posson bastare? Ne mancano proprio 14 alla fine…

16 Dec 2006 Reviews

Read more

Gabriel Kuhn - Straight Edge (Shake, 2011)

Per Odino! Se c'è un libro che credo non avrei mai comprato è questo, ma vista la mia storia individuale…

25 Jan 2012 Reviews

Read more

Justice - Woman (Ed Banger, 2016)

E' tornato, dopo un silenzio duranto cinque anni, il duo francese. Quando si parla di Justice mi sembra evidente che…

02 Dec 2016 Reviews

Read more

Starcontrol - The Ages Of Dreams (Autoprodotto, 2012)

Secondo EP per il trio della provincia nord milanese, cinque tracce che appoggiano su suoni che pescano direttamente negli anni…

17 Jan 2013 Reviews

Read more

GNU - Experimental Open Session @ SPM Ivan Illich (Setola…

Non so se avete sentito parlare o visto qualche cosa del giro degli improvvisatori bolognesi, ma se ancora non vi…

07 Jan 2009 Reviews

Read more

Merzbow – MONOAkuma (Room40, 2018)

Se un amico neofita mi chiedesse 10 dischi fondamentali per comprendere il genere noise, tra quei dieci ce ne sarebbero…

13 Dec 2018 Reviews

Read more

Downfall Of Gaia - Epos (Shove et al., 2011)

In quest'anno scolastico la Shove ce l'ha messa tutta per arrivare a giugno con il massimo dei voti e per…

12 May 2011 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 23 (02/04/15)

Puntata numero ventitre della terza stagione di The Sodapop Fizz: Maurizio Gusmerini  è ospite di Emiliano e Stefano con una serie…

08 Apr 2015 Podcasts

Read more

Quitzow - Art College (Young Love, 2008)

C'è stato un periodo in cui l'indierock stava prendendo una piega strana, insperata all'epoca: nel sottobosco americano, con il miglioramento…

24 Jan 2009 Reviews

Read more

Okkervil River - I Am Very Far (Jagjaguwar, 2011)

A costante scadenza, come un film di Woody Allen, tornano i talentuosi Okkervil River, sempre con la fedelissima Jagjaguwar. Il…

06 May 2011 Reviews

Read more

Meteor - Magic Pandemonio (Wallace/Villainferno, 2017)

Era un disco cruciale questo per il duo chitarra/batteria dei Meteor: dopo un 7” e un 12” entrambi one side…

23 Oct 2017 Reviews

Read more

Orchestra Esteh – Abacinabradhydrakonirvm, Rebirth Of A Dead Volcano (L'Arca…

Inquieta un po’ ascoltare questa musica, con questo sottotitolo (col chilometrico titolo nemmeno mi cimento), dopo aver letto solo qualche…

13 Jan 2017 Reviews

Read more

JeanVasBrûler - Firmament Pentagramme (XcRoCs, 2009)

Firmament Pentagramme si presenta sotto forma di cd 3" e da quello che mi pare di capire dovrebbe essere un…

29 Jul 2009 Reviews

Read more

Loveless Whizzkid - We Were Only Trying To Sleep (Seahorse,…

Mi sarei aspettato dai Loveless Whizzkid, catanesi come gli Uzeda, l'ennesima riproposizione di quei suoni anni '90 immersi in un…

06 Aug 2013 Reviews

Read more

Oscenità Sulla Luna – 21/07/12 Spazio 4 (Piacenza)

Incubo di una notte di mezza estate. L'ultima cosa che ci saremmo aspettati di vedere e sentire è una carrellata…

27 Jul 2012 Live

Read more

Vibraphonic – Space Frogs (Floating Forest, 2014)

Ancora un disco Floating Forest, ancora Davide Merlino, ancora in duo, ma stavolta accompagnato da Pasquale Murra, anch’egli vibrafonista. Si…

18 Mar 2016 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top