Simm – Too Late To Dream (Ohm Resistance, 2021)

Il bello arriva quando si perdono le speranze, rilasciando i propri gesti più intimi e personali senza più remore. Terza opera a nome Simm in 25 anni, dopo Welcome e Visitor Eraldo Bernocchi torna a fresare materia dub oscura con questo monicker, rendendo visibili e materici i frantumi di una musica che scarica colpi fra le scapole con elegante e rugginosa possenza.
Si gioca in casa Ohm Resistance, casa di Kurt Gluck aka Submerged, spirito affine che, vedendo le sue produzioni, di slanci verso l’oscurità sonora più grassa ne ha parecchi.  Lo scenario si dipana fra un’assolato stato brado, un deserto nel quale i serpenti sono stati sostituiti da cavi scoperti ed al posto di rinoceronti ed elefanti sono le carcasse di vecchie auto a sguazzare nel fango. Nulla di nuovo direte, ma è l’intensità e la ferocia a fare la differenza. Quando arrivano Phelimuncasi al microfono poi (in Gqom Squbulo, recuperatevi la loro raccolta 2013-2019, da Durban con furore) vedere con che grazia si sposano le loro liriche sincopate con gli improvvisi appesantirsi della ritmica ci fanno sognare un passo in più, verso un matrimonio nel fango che avrebbe le carte in regola per fare sfracelli. Sale il tasso di umidità, sale la temperatura e ci si infila sempre più in profondità. Non di solo ferro (arrugginito) vive però il disco, su the Space I Left si vola quasi leggiadri ma è un attimo. Ad una certa entra Flowdan da east London e catalizza. Passa i quaranta, stava con la Roll Deep ed ha bazzicato con the Bug, quindi ha stile e spessore. Sta dietro, come si conviene, sciogliendo rime come da una caverna di gomma. Si continua a scendere tra scudisciate ed inserti vocali come apparizioni. Undertaker ed A Loud Darkness, che la colonna sonora per l’inferno è sempre la più bella. Squarci, risonanze, vibrazioni, Simm si muove come fosse un rospo della canna, batrace che può raggiungere e superare i 20 cm di grandezza. Plastico, pronto a saltare, mandando in risonanza orecchie e corpi. Musica dal baricentro basso, con la quale ondeggiare, perfetta per gli allenamenti di pugili oltre i 130kg. Noi, di grazia, siamo un filo più leggeri ma che importa. Alziamo i cappucci e torniamo a muoverci a ritmo, mirando alle carcasse.

 

 

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Aidan Baker - Dog Fox Gone To Ground (Afe,…

Grande Aidan Baker! Per stare dietro alle sue uscite, ai progetti in cui è coinvolto ed alla sua produzione letteraria…

10 Sep 2006 Reviews

Read more

The Unit Ama - s/t (Gringo, 2006)

Partire da una base molto semplice. Lavorarci sopra. Ricamare. E poi strappare tutti i fili inutili, tutti gli ornamenti e…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Stefano De Ponti – Apparizione #7 (Apparizione, 2015)

Capita che, al Blau Studio di Milano, vi siano delle apparizioni, apparizioni di artisti, che si prestano a session di…

26 Oct 2015 Reviews

Read more

Luca Sigurtà – Grunge (Silken Tofu, 2017)

Se questo disco di Luca Sigurtà sia una svolta verso nuovi orizzonti, l’inizio di un percorso parallelo o un episodio…

28 Feb 2018 Reviews

Read more

Aara - En Ergô Einai (Debemur Morti, 2020)

In soli due anni gli svizzeri Aara sono riusciti a emergere nell'affollato panorama black metal attuale: il secondo disco del…

28 Aug 2020 Reviews

Read more

Kick – Light Figures (Anomic/Dischi Sotterranei/Sour Grapes, 2022)

Eleganza, buon gusto, stile, voce femminile, occhiali neri. Il secondo disco dei Kick, duo con batterista aggiunto (così si evince dalle…

19 Apr 2022 Reviews

Read more

Trapcoustic - Rugiada (Tape, Union Editions 2022)

Registrare la prima parte di una trilogia dei fenomeni il giorno di natale, nel 2020, dà un tono al proprio…

06 Mar 2022 Reviews

Read more

Child Abuse - S/T (Lovepump United, 2007)

Una copertina da togliere il sonno al vostro nipotino, nonostante il blasonato autore, e un disco da ascoltare a testa…

30 May 2007 Reviews

Read more

Persian Pelican - How To Prevent A Cold (Autoprodotto, 2012)

Placidamente pop. Indie pop. Elettroacusticamente indie pop. Questo giusto per tentare di riassumere in maniera funzionale il secondo lavoro, dopo…

23 Jan 2013 Reviews

Read more

Sigillum S - Emptiness Spheres (Luce Sia, 2020)

Rarefatto e speziato ritorno per i tecnopadri dell'area grigia. Power trio a tutti gli effetti quello che incarna le nuove…

02 Feb 2021 Reviews

Read more

Okkervil River - I Am Very Far (Jagjaguwar, 2011)

A costante scadenza, come un film di Woody Allen, tornano i talentuosi Okkervil River, sempre con la fedelissima Jagjaguwar. Il…

06 May 2011 Reviews

Read more

Fine Before You Came + Vulturum – 25/09/09 Arci Kroen…

Lontani nello stile musicale ma vicini nello spirito, essendo nati, in tempi diversi, dal substrato della scena punk hardcore degli…

13 Oct 2009 Live

Read more

The Shivas - Without (K, 2013)

Partendo dal presupposto che la K è un'etichetta che ha positivamente segnato la mia tarda adolescenza (Bikini Kill, Built To…

08 Aug 2013 Reviews

Read more

Lunar Dump - Lipo (XO La Factory/Soviet, 2021)

Duo veronese dinamico e sognante che, come tutti i fratelli di sangue (al secolo Paolo e Zeno Camponogara) che suonano…

18 Jan 2022 Reviews

Read more

Marvin - Barry (Africantape, 2013)

Francesi, terzo album per l'Europa e debutto nel Nuovo Mondo, famosi per i loro live: i Marvin non le mandano…

31 Jul 2013 Reviews

Read more

Dans Les Arbres - Volatile (Sofa, 2019) / Mausoleum (Bandcamp…

Dans Les Arbres è un ensemble composto dal clarinettista francese Xavier Charles e i norvegesi Christian Wallumrød (piano), Ivar Grydeland…

10 Jan 2020 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top