Shinkei – Binaural Beats (Koyuki, 2007)

Anno nuovo, vita nuova e nuove etichette, diciamo pure che questa copre un campo stranamente poco calcato nel Bel Paese. La Koyuki infatti a quanto pare è completamente focalizzata su di un'estetica di tipo minimalista e per quanto possa essere pedante scriverlo: minimalista non significa tre suoni buttati a caso e cose fatte in fretta e furia (dato che ormai l'importante è sempre più darsi una ragione sociale da artista). In questo caso non si tratta di minimalismo alla Young, Reich, Riley, Glass ma di “minimal electronics” quindi roba che ha referenze in etichette come la Raster Noton, con gente come Günter Müller, Jason Kahan, Tetutzi Akyiama, Toshimaru Nakamura e in casa nostra un nome su tutti: Luca Bergero, al secolo noto come Fhievel. Se non siete pratici del genere, sappiate che un concerto torinese di Müller rimarrà nella storia perché mentre suonava, la gente parlando copriva quei suoni sporadici che a tutti gli effetti erano il concerto. Ora senza discutere sul fatto se si tratti di un genere da ascolto casalingo o da live in un luogo adeguato, avrete capito che si tratta di qualcosa che duella spossatamente con il silenzio, credete quindi che sia un caso che alcuni dei nomi storici del genere siano nipponici o crucchi? Ebbene no, da una parte un formalismo tutto teutonico, dall’altra una mentalità tutta zen non possono che andare a nozze con un rigore in cui il discorso è la punteggiatura. Pochi suoni per di più catalogabili in frequenze ultracute e frequenze basse, a quanto pare entrambe dovrebbero essere ottenuti da un software disegnato per correggere le onde cerebrali (che in sé è già tutto un programma), il tutto viene distribuito nello spazio con una parsimonia degna del compianto Stockhausen (compianto da chi poi? visto che sui tg italiani nei necrologi illustri di fine anno non ne hanno neppure fatto menzione), la pulizia e la qualità del suono con me ben potete intendere è curata in modo quasi ossessivo anche perché se il foglio è bianco e si vuole usare solo la tempera è ovvio che se ne cerca una di qualità e si considera dove posarla in modo quasi maniacale. Vista la difficoltà del genere ed il fatto che non sia una proposta così consueta (se parliamo di minimal electronics nel vero senso della parola) azzarderei quasi che il 3” sia il suo formato ideale. Shinkei in quest’occasione distribuisce brillantemente le carte sul tavolo da gioco facendo sì che il grosso del corpo di Binaural Beats emerga giusto nella seconda metà, i suoni sono gelidi e sintetici come un rituale di accoppiamento fra intelligenze artificiali, come da copione, la materia è e rimane quella per tutti, il punto è un po' nel dove e come posizionarli e a quanto pare Shinkei lo sa bene. Sul secondo mini cd 3” Philip Lemieux riprocessa il lavoro di Shinkei e rimaneggia ulteriormente il lavoro originale tanto che per buona parte dell’inizio se non si ascoltasse il cd con religioso silenzio sarebbe quasi difficile distinguere i fruisci da rumori di fondo e da eventuali disturbi esterni. La parte più interessante del suo lavoro di reinterpretazione arriva sul finale ma resta comunque meno interessante del lavoro originale. La fattura del 3” è ottima e a quanto pare inaugura una collana a la Koyuki intende dare il via; vista la qualità del materiale e la radicalità e la qualità della prima proposta auguro altre cento di queste uscite.

Tagged under: , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Made In Mexico - Guerrilaton (Skin Graft, 2008)

C'è qualcuno, nel folto e preparato pubblico di Sodapop, che creda ancora in Babbo Natale? Poche mani vedo, bene. Alla…

23 Jan 2009 Reviews

Read more

Eagle Twin/Pombagira - Split LP (Mordgrimm, 2010)

Pubblicato in occasione del tour che ha visto i due gruppi attraversare l'Europa, toccando anche l'Italia (se ve la siete…

30 Oct 2010 Reviews

Read more

The Shipwreck Bag Show - Il Tempo... Tra Le Nostre…

    Forse è eccessivo definire questo un album di canzoni sebbene "ubriache e sbilenche", come fa il comunicato stampa che lo…

10 Apr 2009 Reviews

Read more

Jennifer Gentle - The Midnight Room (Sub Pop, 2007)

Bisogna mettere un disclaimer. Subito. Non sono un amante delle sonorità psichedeliche. Non ho un background di Pebbles, Nuggets o…

03 Sep 2007 Reviews

Read more

Dalila Kayros – Transmutations part [I] - The Yin Side…

Mancava da tempo il nome di Dalila Kayros sulla copertina di un disco, dal 2013 per la precisione, anno di…

21 Mar 2018 Reviews

Read more

Prague - The Great Dark Nothingness (Under My Bed, Eaten…

La pluridecennale carriera di Alessandro Viccaro giunge con questo album sul bagniasciuga deserto di Jesus & Mary Chain abbandonandosi ad…

15 Feb 2016 Reviews

Read more

23RedAnts & Pablo Orza – Red Night (Setola Di Maiale,…

Il violoncello gode ultimamente, in campo avant, di grande considerazione, dalle composizioni neoclassiche di Julia Kent a quelle più cinematiche…

04 Apr 2016 Reviews

Read more

dUASsEMIcOLCHEIASiNVERTIDAS – 4 (Eclectic Polpo, 2012)

E' una grande sorpresa l'ascolto di questo entusiasmante combo portoghese dall'impossibile nome di dUASsEMIcOLCHEIASiNVERTIDAS (si, so cosa significa, qualche anima…

13 Apr 2012 Reviews

Read more

Nils Rostad – Ujamat/Harmony Hammond (Solar Ipse, 2013)

Più che una ristampa quella che ci propone la Solar Ipse è l’edizione CD dei due più recenti album di…

28 Feb 2014 Reviews

Read more

Rella The Woodcutter – I Know When It's Time To…

Secondo capitolo della trilogia di Rella The Woodcutter su Boring Machines (che comprende anche uno split 7" con My Dear…

11 Apr 2012 Reviews

Read more

AA.VV. - Funk In Italia (Funk In Italy, 2009)

Questa recensione è stata un parto lungo ma per nulla sofferto, il fatto è che recensirsi una doppia compilation funk…

10 Feb 2009 Reviews

Read more

Shiver - They Will Feed On Us (Diazepam, 2011)

La seconda uscita a nome Shiver per Mauro Sciaccaluga (Ur, Wailing Of The Winds, Deprivation) sulla sua Diazepam si nota…

15 May 2012 Reviews

Read more

Hidden Reverse - Six Cases Of Sleep Disorder (Azoth, 2017)

Gli Hidden Reverse sono Simon Balestrazzi e Massimo Olla, che qui danno seguito alla notevole cassetta edita qualche anno fa…

18 Dec 2017 Reviews

Read more

Russell And The Wolf Choir - The Ivy Leaf Agreement…

Cinque brani per Russell And The Wolf Choir, direttamente da Romford, ormai periferia nordest di Londra: la musica sembra però…

18 Dec 2014 Reviews

Read more

Parallel 41 - Parallel 41/Faraway Close (Baskaru, 2012)

Parallel 41 sono Julia Kent (violoncello) e Barbara De Dominicis (voce ed effetti). New York e Napoli. Due città così…

07 Feb 2012 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra - Quarzo (Santeria/Wallace, 2010)

Quarto album in studio per i Bachi Da Pietra, a pochi mesi di distanza dal live che suggellava il vecchio corso…

05 Nov 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top