Sergio Sorrentino – Dream: American Music For Electric Guitar (Mode, 2018)

Sergio Sorrentino, la sua chitarra elettrica, un pugno di autori fondamentali per la musica americana meno ortodossa: sono questi gli elementi principali di Dream: American Music For Electric Guitar, un disco che è un tributo ma anche una rilettura di brani fra loro lontani e qui riuniti nell’unità spaziale del supporto digitale. Si tratta di suono americano ormai solo all’anagrafe: se i nomi collocano queste  composizioni nell’ambito della musica colta statunitense l’ascolto ci restituisce un suono  patrimonio della musica di ricerca tutta (e per questo rimarcarne l’origine è quanto mai doveroso). In dubbio se avvicinarmi a Dream con piglio filologico, ricercando gli originali per poi confrontarli, oppure abbandonarmi al puro ascolto, ho finito – scelta quanto mai fortunata  – per farmi guidare dalla lettura delle note di copertina vergate dallo stesso Sorrentino, utili ad inquadrare storicamente le tracce, a mettere in luce particolarità tecniche e a rivelare le storie che i brani portano con sé. Se Dream di John Cage denincia anche all’ascoltatore meno esperto la sua natura pianistica, è interessante sapere che Rose Of Beans di Alvin Curran è la costola di un più ampio brano per accordion, tuba, violino, piano, viola e percussioni, mentre si apprezza ulteriormente la complessità di Going West di Christian Wolff nello scoprire che la seconda parte è scritta per due spartiti; fa simpatia e mette tutto in una luce molto pop la notizia che Van Stiefel, nel comporre Urutora-Man, si è ispirato al personaggio di Ultraman e lascia a bocca aperta la vicenda di The Possibility Of A New Work For Electric Guitar di Morton Feldman, brano mai più eseguito da quando lo spartito fu rubato nel 1966 a New Heaven (MA) e ricostruito a distanza di quarant’anni partendo da alcuni appunti  recuperati da uno studente norvegese in un archivio svizzero e dalle registrazioni originali trascritte dal  chitarrista statunitense Seth Josel: un vero intrigo internazionale! Nonostante l’apparenza non si tratta di semplici curiosità: tali notazioni “umanizzano” questa musica e permettono di accorciare la distanza che inevitabilmente si crea con l’ascoltatore meno esperto, consentendogli di apprezzare composizioni dove il fatto tecnico non è mai disgiunto dall’atto espressivo. Giusto per tornare a brani che già abbiamo citato, Rose Of Beans muta per piccole variazioni sempre più serrate quasi fosse il commento a un inseguimento di un film poliziesco e Urutora-Man  ha un tono che sa di sogni d’infanzia al di là delle fantasticherie di supereroi; sempre in tema di colonne sonore,  Alpha Aloha di Jack Vees, con la chitarra processata elettronicamente che assume toni classicheggianti, si mette in lizza per una possibile risonorizzazione di 2001: Odissea Nello Spazio, Mare Undarum di Elliot Sharp alterna spigolose improvvisazioni a momenti di austerità con una dinamicità che cattura l’ascoltatore, Warmth di David Lang parte con un suono cristallino che va via via saturandosi fino a mette in scena una dissonante orchestralità. Sorrentino è alle prese con scuole e stili fra più disparati, ma il suono della chitarra elettrica, vero minimo comun denominatore fra tutti i brani, lega tutto in un insieme coerente: proprio questa è la magia di un disco del genere.

Tagged under: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

True Widow – S/T (End Sounds, 2009)

Con un po' di ritardo recuperiamo questo disco d'esordio dei True Widow, la nuova band capitanata da Dan Phillips, ex…

22 Jun 2010 Reviews

Read more

Maurizio Bianchi/Cria Cuervos - Azazel (Silentes, 2009)

Dopo la notizia dell'abbandono definitivo di Maurizio Bianchi alla "musica" (si fa per dire) in occasione del trentennale dai suoi…

23 Dec 2009 Reviews

Read more

Steven Blush - American Punk Hardcore (Shake, 2007)

In attesa di vedere finalmente il film, ecco American Hardcore traduzione di un libro di Steven Blush che rischia di…

24 Apr 2007 Reviews

Read more

Vonneumann - Il De’ Metallo (Ebria, 2009)

Chiude i battenti, ahinoi, la Ebria Records e lo fa lasciando in eredità un disco che, ce ne fosse…

08 May 2009 Reviews

Read more

Jonathan Inc. - Lost: Time (Arctic Rodeo, 2011)

'There's a word on my lips, which I could not explain' canta jonathan Anderson in Long Gone e fa il…

25 Nov 2011 Reviews

Read more

Camillocromo - Rocambolesca (Autoprodotto, 2011)

Non credereste mai alla roba che ci viene mandata da recensire per questo sito: dalla musica italiana al punk rock…

28 Jul 2011 Reviews

Read more

Hobocombo - Now That It’s The Opposite, It’s Twice Upon…

Hobocombo su disco, finalmente. Dopo averli apprezzati al No Fest di Torino la scorsa estate, per il gruppo di Andrea…

18 Feb 2011 Reviews

Read more

Thee Oh Sees - Carrion Crawler/The Dream EP (In The…

Per me questi Thee Oh Sees non sbagliano un colpo. E dopo averli visti nel maggio di quest’anno esibirsi in…

20 Dec 2011 Reviews

Read more

The Cubical - Arise Conglomerate (Halfpenny/Cargo, 2012)

Gustosa terza uscita per questo quintetto di Liverpool sempre pù scollato dalle asperità punx 'n' roll degli esordi in favore…

04 Apr 2013 Reviews

Read more

Yann Novak - Blue.Hour (Farmacia901, 2012)

Yann Novak vive e lavora nella città di Los Angeles dove donnine prosperose e omaccioni muscolosi corrono al rallentatore sulla…

19 Apr 2013 Reviews

Read more

Cristopher Walken - I Have A Drink (Taxi Driver, 2012)

Granitico heavy rock tutto genovese per l'etichetta di Maso Perasso che ancora una volta si conferma come uomo che non…

24 Oct 2012 Reviews

Read more

Raccoo-oo-oon - Behold Secret Kingdom (Release The Bats, 2007)

Qualche nota per cominciare, i Raccoo-oo-oon provengono da Iowa City, Iowa, USA. Raccoon invece è il procione, l’orsetto lavatore americano,…

16 Aug 2007 Reviews

Read more

Gli Imperdibili - Vado A Vivere Da Solo (Autoprodotto, 2014)

"Scusa Diego ma a volte mi interrogo sui tuoi gusti". Forse ha ragione Andrea: ascolto musica di merda. Non mi…

07 Jul 2014 Reviews

Read more

Damo Suzuki’s Network – 23/01/11 Vinile 45 (Brescia)

Torna a Brescia il vecchio kamikaze Damo Suzuki dopo l'estemporanea esibizione col duo locale dei Don Turbolento della scorsa primavera,…

23 Jan 2011 Live

Read more

...And You Will Know Us By The Trail Of Dead…

A volte ritornano. A volte era meglio che non ritornassero, ma dico subito che non è questo il caso. Era…

28 Sep 2012 Live

Read more

Nedry - Condors (Monotreme, 2010)

Devo ammettere di aver cercato altrove il piacere solipsistico dell'ascolto negli ultimi mesi, lontano dal clamore suscitato dalla scena dubstep…

15 Apr 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top