since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Satan Is My Brother – S/T (Boring Machines, 2007)

Gruppo che annovera qualche membro degli Yellow Capra, ma differente dal progetto madre la musica si trova in tutt’altro emisfero. Questo cdr dall’ottima confezione (ed in questo la Boring Machine è abbastanza una sicurezza) presenta un flusso magmatico in salsa lo-fi che continua a ricordarmi roba come Flying Saucer Attack, primi Pram e Third Eye Foundation seppiati. Suoni sbavati, elettronica a bassa risoluzione e quindi volutamente “bassa fedeltà”, jam non troppo pulite ma calde…l’atmosfera che ne esce fuori è quella di un flusso di coscienza dopo sbornia e direi che è una buona qualità per un gruppo del genere. Le tracce dilatate, leggermente ossessive e tagliate in modo non troppo fine, finiscono per avere un loro perchè, si può parlare di scorie da dopo trip-hop andate a male, in fin dei conti se si parla di suono vagamente Bristol, non si può non andare a parare anche lì. Sentendo dischi come questo mi viene da pensare che la vittoria dei freak, dei Genesis P. Orridge della psichedelia, delle derive kraut, di David Tibet e di Stepleton sia ormai assoluta, in un certo senso è anni che la musica inglese risente delle loro ombre malate, ma quando parlando di gruppi del circuito indie si trova uno scenario incasinato da “poche idee…ma confuse ad arte” allora direi che l’influsso dei cattivi maestri da devastazione mentale sia più che mai vittorioso. Il disco di Satan Is My Brother è notturno, per nulla sinistro anche se indubitabilmente poco luminoso, le trombe e l’incedere dub rimangono sempre dietro la coltre di campioni e samples disordinati, resta che questa sia una delle migliori qualità del disco, anzi proprio per questa sua dimensione quasi da registrazione stile quattro tracce, parlerei dei gruppi di Bristol che ho menzionato, visto che molto della loro evoluzione partiva proprio dalle “home-recordings”. Il disco di questo parente stretto del demonio a volte è ingenuo, non troppo lavorato, tagliato a colpi di ascia, ma caldo e con un forte senso per le melodie notturne ed anche in questo ha molta più dignità di molta musica ambient/drone/noise che in questo periodo impazza un po’ dappertutto perchè “quest’anno tira il rumore”.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Back to top