Sarram – A Bolu, In C (Talk About, 2017)

I rituali primitivo-futuristi degli Hermetic Brotherhood Of Lux-Or e di tutto il giro di Macomer, le sinfonie post-industriali orchestrate nel sud dell’isola da Corrado Altieri, Simon Balestrazzi, Gianluca Becuzzi e Massimo Olla, i vocalizzi stregheschi  fra avanguardia e tradizione di Dalila Kayros, le geometrie strumentali dei Plasma Expander, le arti improvvisative di Paolo Sanna, Elia Casu e degli altri artisti free sono solo alcune delle espressioni musicali attraverso cui la Sardegna dà voce alle proprie molteplici anime. A queste oggi si aggiunge quella di  Sarram, progetto di Valerio Marras (Thank U For Smoking, Spheres, Charun) incentrato sul suono di una chitarra che, grazie a un sapiente uso degli effetti, è  un’intera orchestra. Il termine “a bolu” in sardo ha a che fare col volo e la velocità e in effetti i 37 minuti del disco, un’unica traccia suddivisa in ben riconoscibili movimenti, suggeriscono un rapido excursus a volo d’uccello sui vari ambienti della Barbagia, zona montuosa che nelle serie fotografica di Borbore Frau che accompagna il disco (una stampa originale è inserita in ogni digipack) viene trasfigurata dal continuo passaggio dal macro al microcosmo e dall’uso di punti di vista insoliti. È dunque musica impressionista e poeticamente descrittiva quella che Marras ci propone: inizia come post-rock sognante per rabbuiarsi improvvisamente con distorsioni quasi neurosisiane e tornare poi a delicatezze che introducono l’unico momento ritmato del disco, cadenze elettroniche che si sovrappongono a suoni ambientali sullo sfondo. Da qui ci si immerge in un drone torbido dai toni decisamente drammatici smorzati da un nuovo inserto di melodie cristalline che concludono la prima parte del lavoro; il seguito si adagia su soundscapes che ripropongono in chiave ambientale, meno dinamica e senza soluzione di continuità, gli umori già espressi in precedenza. Da A Bolu, In C si esce  con quella sensazione di spaesamento che si ha quando ci si risveglia mentre si sogna o quando al cinema riaccendono le luci, segno che il disco funziona, riuscendo a trasportarci in una Barbagia che è al contempo luogo reale e della mente. Viste le precedenti esperienze di Marras non so se si possa parlare con ragione di esordio, fatto sta che Sarram è un progetto già dotato di piena maturità e molte – al momento poco prevedibili – possibilità di evoluzione: almeno una per ognuno dei generi interpretati in questo disco, al netto di tutte le possibili combinazioni.

Tagged under: , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

GRAMS - Live at San Pietro in Vincoli MMXIX (…

Il 26 maggio 2019 al Jazz is Dead di Torino 5 loschi figuri calcano un palco. Anzi no, non siamo su…

04 May 2022 Reviews

Read more

Adriano Zanni - Soundtrack For Falling Trees (Bronson, 2017)

Adriano Zanni è l'uomo delle sorprese. Non ci aspettavamo il suo ritorno sulle scene col 7" Falling Apart e ora…

07 Aug 2017 Reviews

Read more

The Great Saunites & Attilio Novellino - Radicalisme Mècanique (Manza…

One side strikes back. Torna il formato vinilico più gettonato degli ultimi tempi, una volta tanto giustificato non da mere…

26 Feb 2014 Reviews

Read more

Vanessa Van Basten - Psygnosis EP (Consouling Sounds, 2008)

Questo forse è uno dei pochi gruppi genovesi che oltre ai Port Royal e ai Banshee negli ultimi tempi ha…

07 Jan 2009 Reviews

Read more

Savage Republic – 27/01/10 Kroen (Villafranca – VR)

Non era vero niente, avevamo scherzato: il Kroen c'è ancora, gode di ottima salute e continua a proporre ottima musica.…

01 Feb 2010 Live

Read more

Ultravixen – Avorio Erotic Movie (Wallace, 2008)

No, amici niente tettone all'orizzonte, anzi, banane au go-go, ma non quelle che lucidate guardandovi film di Meyer, bensì quelle…

04 Dec 2008 Reviews

Read more

Sleepmakeswaves - In Today Already Walks Tomorrow (Monotreme, 2014)

Tornano gli australiani già amati con ...And So We Destroyed Everything a stupire e ammaliare con le cinque meravigliose tracce che…

21 May 2014 Reviews

Read more

Franklin Delano - Come Home (Ghost, 2006)

Non c'è bisogno di presentazioni, in campo di cantautorato indie rock le quotazioni dei Franklin Delano, già altissime, si riconfermano…

03 Apr 2007 Reviews

Read more

Klasse Kriminale – Vico dei Ragazzi (Randale Records, 2020)

Tenere botta per 35 anni, suonando musica senza futuro come il punk è già di per sé qualcosa di incredibile.…

18 May 2020 Reviews

Read more

Colony Open Air Day 2 - Pala Brescia 22-23/07/2017 (Brescia)

Ci vuole un po’ di tempo per recuperare le energie in vista di un secondo giorno che si preannuncia impegnativo…

31 Aug 2017 Live

Read more

Dalila Kayros – Transmutations part [I] - The Yin Side…

Mancava da tempo il nome di Dalila Kayros sulla copertina di un disco, dal 2013 per la precisione, anno di…

21 Mar 2018 Reviews

Read more

Harembee – Different Strokes EP (Autoprodotto, 2010)

Il progetto, attivo da diversi anni, è giunto al suo secondo EP. Una ben stringata presentazione danno di loro i…

24 Apr 2011 Reviews

Read more

Il Disagio – Il Prezzo Dell’Anima (Hanged Man, 2010)

Cosa si può ancora chiedere a un genere come l'hardcore, quello nudo e crudo, con al massimo qualche traccia di…

10 Oct 2010 Reviews

Read more

Paolo Bragaglia & Ganzfeld Frequency Test - The Man…

Facce note mai perse di vista che ritornano più in forma che mai, della serie: quando la maturità artistica, ma…

02 Dec 2021 Reviews

Read more

Maggot/Heifetz – Plays The Music Of Slobodan Kajkut (God, 2013)

Uno split LP in cui due formazioni chitarra-batteria interpretano composizioni di Slobodan Kajkut, dal tono evidentemente minimalista: il suono, nei…

20 May 2013 Reviews

Read more

Cobson - Like A Bike Without Brakes EP (Autoprodotto, 2007)

Gradevole e vezzoso rockettino profumatamente distorto per questo giovane trio di Montpellier. Una voce femminile inserita in un sound…

25 Jan 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top