Sanlupo – For Chorus, Cello & Electronics – 17/11/12 Ex Oratorio di San Lupo (Bergamo)

Capita spesso che si organizzino eventi in ambienti insoliti, dando così la possibilità di restituire questi luoghi al pubblico, di farli rivivere e dar loro, insieme a una nuova destinazione d’uso, anche la possibilità di una nuova vita. Non è propriamente questo il caso dell’ex Oratorio di San Lupo, già in passato utilizzato per mostre ed eventi, ma quello che si cerca di fare stasera è restituirlo alla sua originale funzione, quella di ambiente creato per la musica. Anche se certamente, non questo tipo di musica.
In una serata di gelo come questa, che le strette vie che portano verso Bergamo Alta accentuano, creando correnti di vento polare, il calore (in senso proprio e figurato) del cinquecentesco oratorio è quanto mai benvenuto: è questo un piccolo gioiello architettonico, un’aula rettangolare di modeste dimensioni su cui si affacciano due piani balconati, raggiungibli attraverso stretti corridoi e ripide scale di pietra. I musicisti si disporranno al piano terra, mentre il pubblico assisterà dai loggiati. Lo spettacolo, ideato da Alberto Boccardi e da Invisible Show, che da un po’ di tempo organizza in zona appuntamenti legati alla musica meno convenzionale, prevede la presenza di strumenti elettronici, violoncello e di un coro di trenta elementi, all’insegna dell’incontro fra innovazione e tradizione: una cosasanlupo_4 non nuova in assoluto, ma che la possibilità di sentire dal vivo in un contesto del genere rende certamente allettante. I musicisti coinvolti sono Matteo Bennici (Squarcicatrici), che, col suo violoncello, si colloca in prossimità del piccolo altare, su uno dei lati lunghi, Nicola Ratti (Ronin), Attilio Novellino (Sentimental Machines), e lo stesso Boccardi all’elettronica, che occupano gli altri tre lati, mentre tutt’intorno si dispongono i componenti del Coro Antonio Lamotta di Morbegno, diretti dal maestro Davide Mainetti. Mi pare scontato dire che, ancor più che dalla corale, la tradizione, in un contesto simile, è incarnata dal luogo: l’intelligenza dei curatori è l’aver studiato una partitura che non gioca banalmente sul contrato, ma cerca una comunione fra vecchio e nuovo, nel reciproco rispetto. Nei tre movimenti in cui si divide il concerto, coro e strumenti si sanlupo_5spartiscono abbastanza nettamente gli spazi, puntando più a una pacifica convivenza che non una vera e propria interazione: a momenti in cui le frequenze sintetiche tratteggiano atmosfere di quiete o d’attesa se ne alternano altri in cui il puro lirismo del coro, a tratti epico, a tratti solenne, occupa l’intera scena. D’altra parte la voce è l’elemento che, in un simile contesto, si trova più a suo agio e ciò va un po’ a scapito dell’elettronica, che tiene un profilo piuttosto basso, quasi timido, evitando drones ed suoni che potrebbero risultare fuori contesto; centrale è invece il ruolo del violoncello, vero anello di congiunzione fra gli altri due elementi, capace di fondere delicate melodie ad archetto con battiti e suoni spigolosi. Per quasi tutta la performance gli unici attimi di vera comunione sono quelli che ci fanno transitare, senza soluzione di continuità, da suon sintetici, sempre comunque piuttosto caldi, ad altri dove predomina la voce umana; poi, nella terza e ultima parte, l’unione si compie: a un battito sintetico insistito, quasi dub, si sovrappone gradualmente il coro che, con volume sempre maggiore e vocalizzi sempre più serrati, fino a sovrapporsi come fossero sampler vocali: ne esce un crescendo drammatico e coinvolgente, che sfiora il rumore e termina con un silenzio improvviso. Piovono applausi, meritati. È una fine che vale sia come punto d’arrivo, che di partenza: se ci sarà una prossima volta, si partirà da un’intesa già sperimentata.

Foto di Anna Arzuffi e Orén

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Cezary Gapik - The Sum Of Disappearing Sounds (Karlrecords, 2012)

Immagino che molti di voi si lamentino della ripetitività dei dischi, del modo manicheo con cui gruppi o musicisti minori…

11 Oct 2012 Reviews

Read more

The Young Gods – 3/11/2018, Workout Pasubio (Parma)

Il Rumore Del Lutto, festival che indaga i confini fra vita e morte, è ormai un appuntamento fisso dell’autunno parmigiano,…

08 Nov 2018 Live

Read more

The Great Saunites – Nero (HYSM?/Neon Paralleli/Il Verso Del Cinghiale/Hypershape,…

L’opera al nero di The Great Saunites è un disco in tre atti che prosegue la cavalcata del duo lodigiano…

29 Aug 2016 Reviews

Read more

Kill Your Boyfriend - S/T (Shyrec, 2013)

Un side project. L'unione di un Wora Wora Washington e Kitsune, una drum machine e via verso spazi siderali e…

16 Jul 2013 Reviews

Read more

The Show Must Go Home

Uno dei problemi maggiori per un certo tipo di musica, chiamiamola genericamente "di ricerca", è certamente quello degli spazi: in…

12 Nov 2011 Articles

Read more

Kill Me Tomorrow / Dance Disaster Movement - Split CD…

Non credo di aver ben capito quello che sta succedendo. Il ballo spastico è diventato di moda? La presentazione mi…

16 Aug 2006 Reviews

Read more

AA.VV. - Bonus Tracks (Mondadori, 2007)

E che cosa c'è da dire? In realtà poco, dato che questa è un'operazione puzzolente tipo quelle delle riviste che…

10 Jun 2007 Reviews

Read more

The Machine – Redhead (Rekids, 2010)

Matt Edwards (già Radio Slave e Rekid – un album su Soul Jazz con questo secondo pseudonimo), esordisce con la…

21 Jan 2011 Reviews

Read more

Dialvogue (Andrea Bolzoni/Daniele Frati) – Improvising Dialogues (Setola Di Maiale,…

Un duo su Setola Di Maiale mi predispone sempre bene all'ascolto: di tutti i lavori pubblicati, le formazione a due…

26 Feb 2013 Reviews

Read more

Appliance - Re-Conditioned (RROOPP, 2010)

Etichetta interessante la RROOPP, si concentra su pochissime uscite, una all'anno e poi stampa un triplo cd di una formazione…

03 Nov 2010 Reviews

Read more

Black Engine - Ku Klux Klowns (Wallace, 2007)

Un basso limaccioso come il design di un Humvee, i loop di una risonanza magnetica, la chitarra di un Jeff…

29 May 2007 Reviews

Read more

VV. AA. - Eternallyt. The Corrugated Complication (Asbestos Digit, 2018)

Arrivano a cinquanta le uscite della Asbestos Digit e il risultato viene marcato con questa compilation a tiratura limitata e…

04 Aug 2018 Reviews

Read more

Nytt Land – 14/09/2019 VII Midgard Viking Folk Fest (Viadana…

Sono insolite connessioni culturali quelle che portano, in questa notte di luna piena e rossa, i siberiani Nytt Land (quattro…

17 Sep 2019 Live

Read more

Le Scimmie - Colostrum (Red Sound/Metaversus, 2016)

Trio che arriva da Vasto e senza indugio alcuno si lancia nella scrittura dell'inenarrabile. Doom dallo spazio profondo denso di…

16 Nov 2016 Reviews

Read more

Dead Boomers – Family Money (Sabbatical, 2010)

Ultimo disco della partita australiana in mio possesso, quello dei Dead Boomers era fra i più attesi dopo aver letto…

28 Jan 2011 Reviews

Read more

Plaisir - The Cosmic Key & The Comic Mood (Autoprodotto,…

Per coronare una settimana bruttina mi metto ad ascoltare gli ultimi demo-autoproduzioni che aspettano sulla pila degli arretrati: assicuro che…

25 Feb 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top