RUMUR Volume 1 – 16-17/11/2019, Musil (Cedegolo – BS)

Una rassegna come RUMUR avrebbe meritato un tempo ben maggiore di quello che, per problemi di lavoro e faccende domestiche, abbiamo potuto dedicarle; è però uno di quei casi dove ogni parte rivela lo spirito del tutto e, pur avendo assistito solo ad alcune delle esibizioni, siamo certi di poterne parlare con piena cognizione di causa. Risaliamo la Val Camonica nel tardo pomeriggio di sabato, con l’Adamello illuminato dall’ultimo sole a indicarci la direzione; la strada l’abbiamo percorsa diverse volte, ma mai c’era stata l’occasione di rumur 01sostare a Cedegolo. Il paese della media valle, posto sulla riva sinistra dell’Oglio, ci accoglie con la vecchia centrale idroelettrica dell’Enel, ora trasformata in moderno museo dell’energia, illuminata come fosse ancora attiva. Lo è, in un certo senso, perché sarà lei, nei panni di enorme oggetto sonoro, la protagonista assoluta di questi due giorni che si dipaneranno fra performance, installazioni e conferenze che faranno sì che l’edifico in parte riviva e in parte reinventi sé stesso. C’è solo il tempo per buttare un occhio alla stanza del merchandising prima che le frequenze che annunciano l’inaugurazione del Laboratorio Marino Zuccheri, riempiano gli ambienti. È la prima esibizione della serata e sembra ridare voce alle grandi turbine poste nell’immenso open space del piano terra, sensazione bissata con il successivo concerto di DMNTPS: i macchinari analogici, molti rumur 02provenienti dagli archivi del MUSIL, altri dalla collezione di WK 569, evocano lo spirito del luogo risvegliando i fantasmi delle macchine, mentre gli spazi della centrale modificano il suono a seconda della posizione d’ascolto, consentendo esperienze auditive inedite e affascinanti. Nei sotterranei, dove il palco è già allestito in attesa dei concerti di Marta De Pascalis e Von Tesla che si terranno oltre la mezzanotte, gira in loop il corto Canale Di rumur 03Scarico e si mostrano, in un anfratto dalle pareti di pietra, i disegni di Achille Molinè. Al livello superiore un’altra stanza nasconde, dietro una tenda, Pelton, bella installazione curata da Otolab, mentre nella zona turbine Carlo Giordani con  Dighe e Lorenzo Apolli con  di L’Oro Bianco E Altri Racconti, aiutano ad approfondire la storia del luogo che ci ospita e del territorio circostante. Poco distante continuano i concerti: fra due enormi tralicci, Laura Agnusdei propone la sua elettroacustica sognante e narrativa a un pubblico eterogeneo, indigeni dagli 8 agli 80 anni e forestieri saliti fin qua per l’evento. Più tardi sarà la gioventù locale, venuta a far serata ed ascoltare suoni diversi ma forse non così indigesti anche per un pubblico generalista, ad affollare le sale dell’ultimo piano. Lì, con le grandi vetrate che fanno spaziare lo sguardo sui rilievi circostanti, Neunau gioca in casa e ripropone la sua techno concretista a commento di immagini che rivelano le fonti sonore e gettano un ponte ideale fra il luogo e la poco distante diga del lago Pantano. A seguire le imprevedibili traiettorie elettroniche di dTHEd e la più lineare proposta di Lorem, con disturbanti proiezioni mutaforma, chiuderanno la serata del piano superiore. Per chi resta lo spettacolo prosegue ai piani inferiori, per noi invece la trasferta finisce qui, ma resta negli occhi e nelle orecchie un evento riuscitissimo, capace di far uscire la musica, e più in generale la cultura, dai soliti ambiti ghettizzanti, confrontandosi con le istituzioni e trovando nuovi spazi e nuovo pubblico. Ce ne vorrebbero di più di serate così, ma, per ora, ci accontenteremmo di sapere che ci sarà un RUMUR Volume 2.

Tagged under: , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Trou Aux Rats - Amour Et Sépulcre (Nashazphone, 2018)

Può esistere un disco "romantico" di Romain Perrot aka Vomir? E come può suonare? Domande a cui dà risposta la…

27 Feb 2018 Reviews

Read more

Des Moines - Like Freshly Mown Grass (Dinotte/We Work, 2018)

Pur essendo orientati prevalentemente verso altri ambiti, capita talvolta, per particolari congiunzioni astrali, di imbattersi in lavori che sono il…

14 Nov 2018 Reviews

Read more

Nedry - In A Dim Light (Monotreme, 2012)

Si dice che nel Regno Unito si stia evolvendo una nuova scena musicale tutta dedita a sonorità che, fino a…

12 Apr 2012 Reviews

Read more

Newdress - Newdress (Kandinsky, 2010)

Quando si infila nel lettore un cd che si presenta così ben confezionato (illustrazioni di Mirko Pellizzoli, packaging e grafica…

19 Jan 2011 Reviews

Read more

A Place To Bury Strangers + Bambara - 26/10/13 Interzona…

Si annuncia un'altra serata di gran livello questa dell'Interzona, in linea con una programmazione che privilegia la messa in scena…

08 Nov 2013 Live

Read more

Tristan Da Cunha – Soçobrar (Taverna/Delphic/Cruel Bones, 2017)

Italianissimo nonostante l’uso del portoghese nella ragione sociale e nei titoli, Tristan Da Cunha è un duo formato da Francesco…

26 Jul 2017 Reviews

Read more

I/O - Polytone (Fratto9 Under The Sky/Ebria, 2007)

Puzza di piccolo gioiello questo disco nuovo degli I/O, ma detto fuori dai denti, non credo che ci volesse molto…

30 Mar 2007 Reviews

Read more

Little Black Dress - Dunes EP (Idol, 2013)

Gli EP sono creature strane. Benedetti se si deve parlare di qualcosa che è mediocre, terribilmente dolorosi se si tratta…

02 Aug 2013 Reviews

Read more

Girl Talk - Night Ripper (Illegal Art, 2006)

Quando ci sei dentro non puoi più scappare. A volte la musica è il nostro stupido e frenetico amore per…

02 Apr 2007 Reviews

Read more

Zeus! + Vulturum + 7Bloodyhopes + Heisenberg – 06/03/11 La…

Essendo rimasto a pernottare nelle terre del Megawolf dopo la sua festa di compleanno ed essendo l'orario della sveglia assai…

03 Mar 2011 Live

Read more

Turner Schimana – Dope Beat Rosengarten (Chmafu Nocords, 2012)

Già un'altra volta, per il disco del Pivot Quartet, la Chmafu aveva dato alle stampe il lavoro di musicisti incontratisi…

04 Mar 2013 Reviews

Read more

Satori Junk - S/T (Taxi Driver, 2015)

Stavo leggendo poc'anzi su una webzine concorrente (ebbene si, lo faccio) un'aspra critica al cantato definito "cantilenante" dei Satori Junk.…

09 Apr 2015 Reviews

Read more

Kirameki - A Fit Of The Jerks (Bearsuit, 2008)

Cosa chiedete ad un disco? Coerenza? Chiarezza? Intensità? Continuità? Oppure cercate di farvi stupire il più possibile? Sperate sempre, ad…

22 Jan 2009 Reviews

Read more

Drink To Me – Brazil (Unhip, 2010)

Brazil, secondo album del trio eporediese, segna un’evoluzione netta rispetto al precedente Don’t Panic Go Organic. Abbandonate quasi completamente le…

10 Mar 2010 Reviews

Read more

Almeno Sei Metri Da Terra - S/T (Lanterna Pirata, Taxi…

Furioso screamo senza fiato nella migliore tradizione italica (Storm(o), La Quiete) per questa band genovese di esordienti. Nove pezzi da…

06 Apr 2020 Reviews

Read more

Spock’s Beard - Octane (SPV/InsideOut, 2005)

Per carità, non vi inganni la pompa di benzina! Non siamo dinnanzi agli ennesimi imitatori dei Kyuss né tanto meno…

15 Sep 2006 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top