RUMUR Volume 1 – 16-17/11/2019, Musil (Cedegolo – BS)

Una rassegna come RUMUR avrebbe meritato un tempo ben maggiore di quello che, per problemi di lavoro e faccende domestiche, abbiamo potuto dedicarle; è però uno di quei casi dove ogni parte rivela lo spirito del tutto e, pur avendo assistito solo ad alcune delle esibizioni, siamo certi di poterne parlare con piena cognizione di causa. Risaliamo la Val Camonica nel tardo pomeriggio di sabato, con l’Adamello illuminato dall’ultimo sole a indicarci la direzione; la strada l’abbiamo percorsa diverse volte, ma mai c’era stata l’occasione di rumur 01sostare a Cedegolo. Il paese della media valle, posto sulla riva sinistra dell’Oglio, ci accoglie con la vecchia centrale idroelettrica dell’Enel, ora trasformata in moderno museo dell’energia, illuminata come fosse ancora attiva. Lo è, in un certo senso, perché sarà lei, nei panni di enorme oggetto sonoro, la protagonista assoluta di questi due giorni che si dipaneranno fra performance, installazioni e conferenze che faranno sì che l’edifico in parte riviva e in parte reinventi sé stesso. C’è solo il tempo per buttare un occhio alla stanza del merchandising prima che le frequenze che annunciano l’inaugurazione del Laboratorio Marino Zuccheri, riempiano gli ambienti. È la prima esibizione della serata e sembra ridare voce alle grandi turbine poste nell’immenso open space del piano terra, sensazione bissata con il successivo concerto di DMNTPS: i macchinari analogici, molti rumur 02provenienti dagli archivi del MUSIL, altri dalla collezione di WK 569, evocano lo spirito del luogo risvegliando i fantasmi delle macchine, mentre gli spazi della centrale modificano il suono a seconda della posizione d’ascolto, consentendo esperienze auditive inedite e affascinanti. Nei sotterranei, dove il palco è già allestito in attesa dei concerti di Marta De Pascalis e Von Tesla che si terranno oltre la mezzanotte, gira in loop il corto Canale Di rumur 03Scarico e si mostrano, in un anfratto dalle pareti di pietra, i disegni di Achille Molinè. Al livello superiore un’altra stanza nasconde, dietro una tenda, Pelton, bella installazione curata da Otolab, mentre nella zona turbine Carlo Giordani con  Dighe e Lorenzo Apolli con  di L’Oro Bianco E Altri Racconti, aiutano ad approfondire la storia del luogo che ci ospita e del territorio circostante. Poco distante continuano i concerti: fra due enormi tralicci, Laura Agnusdei propone la sua elettroacustica sognante e narrativa a un pubblico eterogeneo, indigeni dagli 8 agli 80 anni e forestieri saliti fin qua per l’evento. Più tardi sarà la gioventù locale, venuta a far serata ed ascoltare suoni diversi ma forse non così indigesti anche per un pubblico generalista, ad affollare le sale dell’ultimo piano. Lì, con le grandi vetrate che fanno spaziare lo sguardo sui rilievi circostanti, Neunau gioca in casa e ripropone la sua techno concretista a commento di immagini che rivelano le fonti sonore e gettano un ponte ideale fra il luogo e la poco distante diga del lago Pantano. A seguire le imprevedibili traiettorie elettroniche di dTHEd e la più lineare proposta di Lorem, con disturbanti proiezioni mutaforma, chiuderanno la serata del piano superiore. Per chi resta lo spettacolo prosegue ai piani inferiori, per noi invece la trasferta finisce qui, ma resta negli occhi e nelle orecchie un evento riuscitissimo, capace di far uscire la musica, e più in generale la cultura, dai soliti ambiti ghettizzanti, confrontandosi con le istituzioni e trovando nuovi spazi e nuovo pubblico. Ce ne vorrebbero di più di serate così, ma, per ora, ci accontenteremmo di sapere che ci sarà un RUMUR Volume 2.

Tagged under: , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Wyns - A Place Like This (Autoprodotto, 2011)

Nota di colore che non c'entra nulla: credo che Luino, sul Lago Maggiore, il paese da dove provengono i giovani…

27 Jan 2012 Reviews

Read more

Alga Kombu - In Fin Dei Corpi (Sincope, 2016)

Spigoloso post-punk bolognese non esattamente al passo con i tempi (uscita terrificante, ma lasciamola lì) ma non per questo di…

03 Feb 2017 Reviews

Read more

L'Inverno Della Civetta - S/T (DreaminGorilla/Greenfog/Taxi Driver, 2014)

L'Inverno Della Civetta è il primo documento che testimonia la collaborazione tra tutti quegli artisti che da anni orbitano intorno…

28 Apr 2014 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi/Fabio Orsi - Dust Tears And Clouds (Silentes, 2013)

Dopo anni di silenzio torna una delle collaborazioni più azzeccate della scena elettronica ambient italiana: Silentes pubblica un disco doppio…

03 Mar 2014 Reviews

Read more

Nido Di Vespe - Primo Sangue (Autoprodotto, 2009)

Ancora turbamenti tardo-adolescenziali ad alzo zero esattamente come per gli Inkarakua. L'unica differenza è che, in questo caso, il…

28 Jun 2010 Reviews

Read more

Primal Scream - Beautiful Future (B-Unique , 2008)

Arrivarci, a vedere il futuro rosa! E forse qualcuno la personale quadratura del presente l'ha trovata, tanto da cantarla a…

25 Sep 2008 Reviews

Read more

Renato Cantini - Neverwhere (Even, 2010)

Krishna sia lodato, non solo per i dolcetti gratis ai concerti degli Shelter di tanti anni fa ma anche perché…

27 Apr 2010 Reviews

Read more

Anthony Cedric Vuagniaux - Le Clan Des Guimauves (Plombage/Suisa, 2014)

Il compositore svizzero Anthony Cedric Vuagniaux arriva alla terza uscita sulla lunga distanza, sempre restando nel genere della colonna sonora,…

31 Mar 2015 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi - Ultrasonic Bathing Apparatus (Sincope, 2015)

Un rollio di basse frequenze capace di spaccarvi i woofers apre Ultrasonic Bathing Apparatus di Simon Balestrazzi, uno dei musicisti…

11 Jan 2016 Reviews

Read more

Belf/Grubbs/Pilia - Onrushing Cloud (Blue Chopstick, 2010)

Esame di laurea per i nostri due connazionali, Andrea Belfi (ex Rosolina Mar e coinvolto in innumerabili progetti) e Stefano…

23 Sep 2010 Reviews

Read more

DoF - Rid The Tree Of Its Rain (Abandon Building,…

Neve o no, mi sento alle porte della primavera, sta cambiando la luce e più passano gli anni più sono…

12 Mar 2010 Reviews

Read more

Claudio Rocchetti/The Haunting Green – Final Muzik CD-Singles Club 05…

Laddove anche gli Psychic TV fallirono -pubblicare un disco al mese per un periodo prolungato- la Final Muzik persevera con…

06 Oct 2014 Reviews

Read more

Mashrooms – S/T (Wild Love, 2011)

In maniera tutt'altro che banale i siciliani Mashrooms riescono nella difficile impresa di fare un disco che, pur muovendosi in…

27 Sep 2011 Reviews

Read more

The Wisdom - Hypothalamus (Heavy Psych Sounds, 2014)

Misticismo, oriente, terzo occhio e quanto altro potrebbe venire in mente ad un americano che tratta di argomenti che non…

09 Jun 2014 Reviews

Read more

Metroschifter + Lucertulas – 28/11/09 Interzona (Verona)

"Quando all'inferno non c'è più posto, i morti camminano sulla terra" diceva un personaggio in Zombi di Romero. Beh, l'inferno…

30 Nov 2009 Live

Read more

VV.AA. - Trasponsonic Dolmen (Trasponsonic, 2019)

Questa è una recensione impossibile e facilissima al contempo. Impossibile perché rendere conto in un numero umano di battute di…

11 Jun 2020 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top