Romina Daniele – Aisthanomai. Il Dramma Della Coscienza (Polygram, 2008)

Partirò subito dicendo la cosa più scomoda, ovvero che si tratta di un disco in cui lo spettro di Diamanda Galas adombra tutto come la malattia appesta tutto e tutti in Aguirre Furore Di Dio o per rimanere in ambito musicale, come Lucifer Over London. Immagino che alcuni abbiano anche potuto pensare ad altre italiane che più o meno si cimentano con un tipo di influenza molto simile: Patrizia Oliva (Madame P) e Stefania Pedretti.
Anche se queste ultime diluiscono la fascinazione per Diamanda con giapponesismi assortiti, blues e musica a cappella per la prima e devianza un filo estrema per la seconda, la Daniele potrebbe esserne la risposta più contenuta e "elegante", inteso come connotazione di genere e non qualitativa (sarei invece curioso di vedere cimentarsi in questi campi Cristina Zavalloni). La Daniele sotto quest'aspetto è più contenuta e probabilmente molto più sobria oltre che più prodotta, spesso lo stile delle tracce si avvicina parecchio a dei livelli buoni, anche se l'estensione vocale non è la stessa dei riferimenti (ma anche comprensibile e mi scuso del parallelo); a giudicare dal risultato globale del lavoro neppure la devianza è simile a quella che porta la Galas a fare da catalizzatore di una serie di energie negative che la tengono in bilico fra il canto delle sirene e quello delle Erinni. Per Romina Daniele la base musicale è quella sacra quindi nonostante qualche intervento molto sottile di musica elettronica, il suono spesso si sviluppa su tappeti di organi o simili. La qualità e l'esecuzione sono buone anche se forse i riferimenti sono troppo marcati ed a livello di produzione alcuni riverberi si mangiano un po' troppo le dinamiche delle esecuzioni, soprattutto nei pezzi a cappella. In alcune tracce le buone capacità vocali ed un suono comunque discreto fanno sì che Aisthanomai risulti più che dignitoso, soprattutto là dove l'autrice flirta con uno stile di lettura da piece teatrali. A livello metrico la lingua in certi pezzi sembra più d'impaccio che d'aiuto, tanto da venirmi naturale pensare che forse cantando senza usare nessun linguaggio "classico" stile Meridith Monk e alcune cose di Cathy Barberian (e Paul Chain, perché no!) la renderebbe ancora più libera. Le atmosfere variano fra il sacro ed il buio e a volte sono quasi dark-industriali, là dove i pezzi vanno a fondo. La Daniele è molto brava, alcune tracce sono quasi pronte per colpire all'ascolto, ma manca ancora qualcosa, un po' per la scelta dei suoni nel mixaggio, un po' perché i riferimenti sono ancora troppo marcati tanto da render l'opera ancora un po’ acerba.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Valentina Magaletti & Marlene Ribeiro – Due Matte (Commando Vanessa,…

Nel mettere su nastro un lavoro creato per una residenza artistica tenutasi a Porto nel 2019, Valentina Magaletti (Tomaga, Vanishing…

04 Jun 2020 Reviews

Read more

Squadra Omega - Le Nozze Chimiche (MacinaDischi, 2011)

Momento di felice iperattività per uno dei gruppi più psicotropi della penisola: da poco abbiamo tolto dal lettore l'ottimo disco…

14 May 2011 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra – Insect Tracks (Wallace/Boring Machines/Bronson, 2010)

Tempo di disco dal vivo per i Bachi Da Pietra dopo tre album in quattro anni e un'attenzione crescente da…

22 Jun 2010 Reviews

Read more

Electric Electric - Discipline (Africantape/Herzfeld/Kythibong/Murailles Music, 2012)

Combo francese dedito ad un math rock sfrenato e contagioso questi Electric Electric, che con Discipline registrano un disco davvero…

07 Dec 2012 Reviews

Read more

Blastula – Lingue Di Fuoco (Aimusic/Ambria Jazz, 2012)

Ecco di nuovo il duo voce-batteria messo in piedi da Monica Demuru e Cristiano Calcagnile: fa piacere vedere che simili…

06 Mar 2013 Reviews

Read more

Girl Talk - Night Ripper (Illegal Art, 2006)

Quando ci sei dentro non puoi più scappare. A volte la musica è il nostro stupido e frenetico amore per…

02 Apr 2007 Reviews

Read more

Il Conciorto - S/T (Autoprodotto, 2016)

progetto di Gian Luigi Carlone (Banda Osiris) e Biagio Bagini (scrittore per ragazzi) completamente incentrato sui vegetali del "nostro orto".…

01 Apr 2016 Reviews

Read more

Officine Schwartz - L'Opificio (Luce Sia, 2018)

Finalmente ristampato da Luce Sia il masterpiece del collettivo lombardo datato 1991: il lavoro forse più rappresentativo delle Officne Schwartz…

11 Apr 2019 Reviews

Read more

Franz Rosati – Black Body Radiation (Manyfeetunder, 2015)

Franz Rosati riprende in discorso iniziato con l’album Ruins un paio di anni fa e con Black Body Radiation lo…

21 Mar 2016 Reviews

Read more

Noise Cluster – Planet Of The Lost Dolls (Luce Sia,…

Sono una nostra vecchia conoscenza i Noise Cluster, nome dietro cui si celano Flavio Derbekannte e Arianna Degni Lombardo, solitamente attivi…

25 Oct 2017 Reviews

Read more

John Tilbury / Keith Rowe / Kjell Bjørgeengen - Sissel…

Sissel è il resoconto di un concerto tenutosi nel 2016 al Moving Sound di Stavanger in Norvegia, un ex supermarket…

02 Jun 2018 Reviews

Read more

IQ+1 ‎– Conversaphone Plus (Mappa Editions, 2019)

Un ensemble piuttosto interessante quello degli IQ+1 che con il nuovo album costruisce un linguaggio che si fa ben apprezzare,…

09 Feb 2019 Reviews

Read more

Beats Me! - Out Of The Box (Autoprodotto, 2011)

Frizzantissimo trio romano dedito sia stilisticamente che propositivamente al punk rock settantasette americano con una strizzatina di Buzzcocks. Considerdando…

12 Dec 2011 Reviews

Read more

René Basca And The Biscuits - Definizione Di EP (Bordugo…

E bravi René Basca And The Biscuits. Questo, purtroppo breve, EP è davvero una bella sorpresa. Immaginate uno strano ibrido…

03 Feb 2012 Reviews

Read more

Alberto Boccardi/Lawrence English – split 12” (Fratto9 Under The Sky,…

Del bellissimo spettacolo organizzato all’oratorio di San Lupo a Bergamo un anno fa parlammo a suo tempo nella sezione live.…

13 Dec 2013 Reviews

Read more

The Seven Mile Journey - The Metamorphosis Project (Fonogram Agency,…

The Seven Mile Journey è un quartetto danese, qui alla prese con il suo secondo album (il primo risale al…

11 Jun 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top