Rock And The City – Pop Goes The world

Come sta il Pop oggi: comatoso o vivo e vegeto? Proviamo a cercare di capire che accade, ponendo più domande che risposte guardando al corrente revival degli anni Ottanta. 
Da sotto l’ombrellone, con 35 gradi e in barba alla brezza, si inizia a un certo punto della giornata a far pensieri strani. Uno piuttosto ricco di prove a favore della sua esistenza è che il progresso tecnologico ha reso la quotidianità una purea multicolore, composta da praticamente qualsiasi cosa cinque decadi di rock abbiano prodotto. Un fitto sottobosco follemente intricato, popolato da parrocchiani autoreferenziali e Salvatori della Musica, messia e paria, leccapiedi e confidenti; gomito a gomito, accomunati solo dalla persuasione della propria grandezza. Nel nostro tempo, chiunque incida qualcosa anche in 50 copie può a ben diritto dirsi parte del club: magari ha partorito il disco dell’anno o magari anche no, ma il dato statistico e tassonomico – pur schiacciante – s’ha da tenere in conto.
Il problema giace in buona parte lì: chi decide cosa è minoritario e cosa no? Le vendite ? Ma scherziamo? L’impatto sull’evoluzione stilistica? Bravi, già meglio: ma come si può valutare sul momento il peso di qualcosa che si rivelerà influente in prospettiva? Solo Scaruffi s’accorse e capì gli Slint il giorno stesso dell’uscita di Tweez, ma Egli è il Signore Piero tuo e non avrai altro Piero al di fuori di lui. Ci si deve fare una ragione del marasma e venire a patti col caos entropico, e aiuterebbe non poco smetter di correre dietro ai trend come cani accalorati, per riconquistarsi a forza il tempo del giudizio ponderato e la vita per meditare, ne frattempo (fosse possibile: il meccanismo pare nella fase di non ritorno) farla finita una buona volta di bruciare dischi dell’anno, che poi divengono capolavori del minuto secondo, come fossero cerini.
A tal proposito, e nonostante quanto appena detto, pare che uno dei ritorni più palesi sia quello dei temibili Ottanta, con tutta probabilità il decennio più (in)giustamente bistrattato di sempre: ecco riaffiorare da chissà dove Nuovi Romantici e Vecchie Rettore, spalline giganti e punk-funk, il tempo delle mele e quello delle pere. Sintomi su sintomi e segni su segni s’accavallano, e come sempre la fatica a distinguere grano e loglio prostra fino alla perdita di pazienza. Non tutto oro quel che luccicava nel decennio “glamorous” per definizione, lo si sapeva già allora, nondimeno lo stesso si può dire anche per i sixties (quanti Chad & Jeremy per un Velvet Underground?). In ogni caso – chissà mai perché – al pensiero di un revival degli Erasure un po’ le gambe tremano, e incubi si profilano all’orizzonte: un remake di Sapore Di Mare con Massimo “lobotomia frontale” Ciavarro, Milly Carlucci che massacra di nuovo Sentimental Journey il sabato sera su Canale 5 e via delirando. In tutto ciò, però, un lato positivo c’è: gli eighties portarono indubbie cose buone, l’inizio dell’imbastardimento totale tra generi in primis, poi l’esplosione dell’underground al livello immediatamente superiore (mal gestita dalle major, ma è un altro discorso), il recupero ricco degli anni Sessanta. Ecco: dal momento che già ci pensano gli Warlocks a rifare il Paisley Underground, nell’aria si percepisce la voglia di quel guitar pop di metà decennio, tra Cartolina e Creazione, respiro a pieni polmoni di brezza Byrds correndo tra i prati inseguendo Emily (a proposito: bye bye Syd…), nel cielo flash purpurei e paura della guerra nucleare un giorno sì e l’altro pure. Poi il rock è morto e risorto, l’innocenza – vedova inconsolabile – gli è andata presto dietro: lo spirito non può più essere lo stesso, e oggi rimane il desiderio di un pop frizzante e arguto che attiri l’attenzione e arricchisca la giornata. I gruppi che ci provano – pur bravi, e meno male che esistono Envelopes o Concretes – sono però gruppi e basta, non custodi di rilevanti tradizioni sonore per le generazioni future o Atlanti che si caricano sulle spalle i turbamenti di intere generazioni. C’è internet (anche) per quello, e sai il sollazzo, per cui quando va bene si resta con mezz’ora di buone canzoni in mano, ben scritte e suonate ma di rado dotate di un guizzo in più; quando butta male, l’anonimato soffocante avvolge tutto in una pantomima necrofila.
A raschiare il fondo speranzosi, tuttavia, qualcuno con un’attitudine miscelatoria figlia dei tempi lo trovi (Architecture In Helsinki e Broken Social Scene esempi di fresca data, Flaming Lips quello d’antan), che dal polpettone presente ricavano qualcosa di interessante e magari semi inaudito, che si affatica a collegare terre emerse e vi s’aggira con la bussola smagnetizzata e la mappa colma di scarabocchi. L’esplorazione è la via. Mandare a farsi benedire certezze e comodità e osare. Il Pop di Genio è il terzo segreto di Fatima, e qualcuno ce lo sta rivelando. Accorgetevene, prima che sia troppo tardi.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Far - At Night We Live (Arctic Rodeo, 2010)

Ritornano i Far, per qualcuno degli illustri conosciuti ma resta che si tratta di un gruppo con parecchi dischi all'attivo…

23 Jun 2010 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi - Deeper (CD Luce Sia, 2022)

Deeper è la terza parte di una trilogia iniziata nel 2017 e comprendente i lavori RedruM e TheenD, in questo…

29 Mar 2022 Reviews

Read more

Marcus Fjellstrom - Epilogue M EP (Rev Laboratories/Aagoo, 2013)

Marcus Fjellstrom è un musicista elettronico qui al suo quinto disco: il background contemporaneo e da colonna sonora si sente…

26 Jul 2013 Reviews

Read more

The Shoreditch Trio - Again (Amirani, 2010)

Mi spiace essere diventato sempre più lento nel recensire i dischi, ma se può esser di vostro interesse, me li…

26 Apr 2012 Reviews

Read more

Visti e sentiti: cronaca frammentaria di un’estate in musica

Senza pretese di essere esaustivi, un rapido excursus su quanto ci è capitato davanti agli occhi (e nelle orecchie) in…

14 Sep 2012 Live

Read more

Squadra Omega – Altri Occhi Ci Guardano (MacinaDischi/Sound Of Cobra/Outside…

È stato un periodo assai prolifico quello appena trascorso per  la Squadra Omega, che ha portato all’uscita di ben tre…

16 Oct 2015 Reviews

Read more

Mastodon - Blood Mountain (Warner Bros, 2006)

L’allontanamento dalla Relapse in virtù di una major non sembra aver intaccato particolarmente la creatività e la furia dell’eclettico quartetto…

01 Dec 2006 Reviews

Read more

Chapter - Two (The Biographer) (Saiko, 2007)

Copertina extralusso stile piccolo libro "di una volta" con tanto di booklet strafigo per questo duo svizzero, in fin dei…

17 Oct 2007 Reviews

Read more

Stefano Ferrian - Amphetamine (dE-NOIZE, 2011)

Un esordio? Non esattamente, visto che si tratta sì del primo disco solista di Stefano Ferrian, ma stiamo comunque parlando…

15 May 2011 Reviews

Read more

IQ+1 ‎– Conversaphone Plus (Mappa Editions, 2019)

Un ensemble piuttosto interessante quello degli IQ+1 che con il nuovo album costruisce un linguaggio che si fa ben apprezzare,…

09 Feb 2019 Reviews

Read more

K11 - Another Temple To The Great Beast 666 (Utech,…

Pietro Riparbelli riprende la sigla K11 e torna sul luogo del delitto, quell'Abbazia di Thelema a Cefalù che già era…

04 Nov 2013 Reviews

Read more

Khem – The Cross (Old Europa Cafè, 2013)

Ancor più che un collettivo, come essi stessi si definiscono, Khem mi pare essere un’entità dotata di un proprio carattere…

18 Apr 2014 Reviews

Read more

AA.VV. - Pera Ascognüda (Tera Salvaria, 2013)

Non è inutile parlare di un'opera già esaurita in fase di prenotazione (solo 53 gli esemplari prodotti) quando si sta…

25 Sep 2013 Reviews

Read more

Murder - Tu M'Uccidi (Autoprodotto, 2010)

Sorpresa sorpresa! I Murder ti ammazzano sul serio, ma né di noia né dalle risate. Al secolo Carlo Marrone…

21 Mar 2010 Reviews

Read more

Fvrtvr - Demon Cycle 1-9 (Niente, 2010)

L'etichetta dietro alla quale si muovono gli St.ride si allarga e con questa nuova uscita oltre ad aprire ai musicisti…

04 May 2010 Reviews

Read more

Derma - Signore E Signori, Buonanotte... (Luce Sia, 2021)

Glorioso ritorno in gran spolvero dopo due anni di silenzio. EBM, Sinth wave e Kraftwerk: musica a nostro giudizio immortale,…

25 Oct 2021 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top