Red Sector A – Transients (Silentes, 2014)

La metà dei ’90 passati a riempire le piste da ballo alternative di mezza Europa, nascosto sotto vari pseudonimi, poi collaborazioni con etichette importanti quali Minus Habens e Relaese: è un percorso che ha valicato diversi steccati quello di Andrea Bellucci, che infatti ci consegna ora un disco difficilmente etichettabile.
Non che Transients, quinto lavoro a nome Red Sector A, proponga qualcosa di nuovo in assoluto, ma è musica che rifugge una collocazione precisa, in bilico fra ambient, techno e dub, strutturate partendo da una componente ritmico-robotica, un vero e proprio esoscheletro che contiene i vari elementi che danno carne alle pulsazioni inorganiche. Proprio i beat preponderanti rischieranno, al primo impatto, di far apparire l’album monotono; è in effetti un lavoro molto coeso, che rivela tutte le sue sfumature solo dopo un ascolto attento: per una volta abbiamo un album ritmato ma cerebrale, risultato di uno lavoro di composizione al limite del maniacale. Se si esclude l’iniziale Luv 246, quasi ballabile con la sua wave sporcata di white funk sintetico, il resto dei pezzi si caratterizza per una danzabilità accennata ma regolarmente negata, fra intrecci intricatissimi e ritmiche fratturate. È il caso della sfuggente avant rock di Halo II Halo in compagnia di Teho Teardo, della quasi jungle The Dept Of Balance, in collaborazione con l’ex Clock DVA Dean Dennis, della techno incompromissoria di Temple Of The Temple con Templezone o di Transients (ospite Retina.it), giocata sulla convivenza fra battiti discontinui e synth modulari. Completano il novero degli ospiti di riguardo Lagowski (per la già citata Luv 246), Fabrizio Modonese Palumbo e Eraldo Bernocchi, che presta la sua chitarra alla stratificata Think – L. Tanti ospiti che non snaturano, anzi arricchiscono, lo spirito di un’opera che vede comunque alcuni dei momenti migliori nei brani composti dal solo Bellucci, livido nel tessere le trame disturbate di Calia e della noir Lysh, placido e melodico nel disegnare i ritmi ambient di Ego. Musica in transito dal dancefloor alla metropoli di Blade Runner.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Mulo Muto & Black/Lava – Worlds Corroding Under Xenomorphs’ Ejaculations…

Dal confine italo-svizzero - ideale punto d’incontro fra le due entità che collaborano in questo progetto – allo spazio profondo…

31 Mar 2022 Reviews

Read more

Md. After Hussain & Paq – Matir Gaan: Songs From…

La musica è sempre fatta da incontri. Che siano due persone, oppure una corda con un dito. Md. After incontra Andrea…

12 Apr 2022 Reviews

Read more

Mattia Coletti – The Land (Bloody Sound Fucktory/Town Tone/Wallace, 2011)

Verso l'opera di Mattia Coletti nutro sentimenti contrastanti: ho amato incondizionatamente ogni suo lavoro in duo, dai Polvere (con Xabier…

14 May 2012 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 26 (23/04/15)

Puntata numero ventisei della terza stagione di The Sodapop Fizz, questa volta l'ospite di Emiliano e Stefano è Attilio Novellino con la…

27 Apr 2015 Podcasts

Read more

Toni Bruna - Fogo Nero (autoproduzione, 2021)

La mente fa strani, stranissimi collegamenti. Evoca piccole cose che, anni fa, hanno lasciato un segno. Formigole. Nel 2011 a Trieste accadde…

14 Feb 2022 Reviews

Read more

VV. AA. - Éxotic Ésoterique Vol. 2…

Mi allineo totalmente ai Bloody Riot (e ai Colonna Infame Skinhead, Pinta Facile, Tear Me Down): odio i freakkettoni e…

26 Apr 2017 Reviews

Read more

Marvin – Hangover The Top (Africantape, 2010)

Continua da parte dell'Africantape l'esplorazione del suono post in tutte le sue sfaccettature. Quello che propongono i Marvin, terzetto francese…

01 May 2010 Reviews

Read more

Giovanni Dal Monte – Visible Music For Unheard Visions…

Non so se avete ascoltato la puntata di Sodapop Fizz che aveva per ospite Alberto Boccardi (se ve la siete…

04 Aug 2015 Reviews

Read more

Firetail - Nylon (VeniVersus, 2018)

Particolare interessante come Vittorio Veneto sia un luogo speciale per la musica: gruppi ed etichette di quella città hanno sempre…

07 Mar 2018 Reviews

Read more

St.ride - Microstorie (Torto Editions, 2021)

Sorprendente ritorno per i genovesi St.ride, arrivati a quello che potremmo definire l'album definitivo. Un disco accessibile (si fa per…

03 Jun 2021 Reviews

Read more

My Dear Killer/Tettu Mortu – Cinque Pezzi Facili, Volume 3…

Due gruppi, cinque pezzi a testa, cinque uscite programmate: torna a distanza di otto anni la serie di split della…

16 Jan 2013 Reviews

Read more

Ufomammut & Lento - Supernaturals Record One (Supernaturalcat, 2007)

Ritornano carichi pesanti e carichi liquidi: una metafora da broker navale che ben sintetizza questo felicissimo connubio. E ancora una…

26 May 2007 Reviews

Read more

Klasse Kriminale – Vico dei Ragazzi (Randale Records, 2020)

Tenere botta per 35 anni, suonando musica senza futuro come il punk è già di per sé qualcosa di incredibile.…

18 May 2020 Reviews

Read more

Shonen Knife – Pop Tune (Damnably, 2012)

"Quando le vidi la prima volta dal vivo, mi trasformai in una isterica ragazzina ad un concerto dei Beatles". Queste…

12 Sep 2012 Reviews

Read more

Skrima - Tapes (Disasters By Chioce, 2018)

Debutto che viene da lontano per Skrima, progetto di Salvo Pinzone in cui come dichiarato dal titolo sono proprio i…

25 Jun 2018 Reviews

Read more

Bluermutt - Decivilize After Consumption (Nexsound, 2008)

Bluermutt ha venticinque anni, vive a Barcellona, ed è la nuova uscita della Nexsound: arrivata alla numero quattro, l'etichetta di…

28 Feb 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top