Rara Avis – Mutations/Multicellulars Mutations (dEN, 2013)

Prendete Stefano Ferrian al sax tenore e soprano, Simone Quatrana al piano, Luca Pissavini al contrabbasso e SEC_ ai nastri ed elettronica: quattro bei nomi del giro impro italiano, attivi in un ambito che va dal jazz all’elettronica. Ora aggiungete un fuoriclasse con Ken Vandermark coi suoi sax baritono e tenore e provate a immaginare cosa possa saltar fuori da un progetto come Rara Avis.
Non è facile, lo ammetto. La carne al fuoco è tanta, gli ambiti di competenza i più disparati, ma il modus operandi dell’ensemble è tale da permettere a tutte le varie componenti di confluire in un solco al contempo organico e vario, senza sacrificare la fruibilità: assente una sezione ritmica designata e  azzerata ogni gerarchia fra gli strumenti, tutto viene ricostruito su basi nuove, liberi da ogni sovrastruttura, mentale in primis. L’improvvisazione è il campo di gioco che è stato scelto, il jazz lo stile prevalente, ma è reso in una forma talmente libera ed aperta che si compenetra senza problemi con elementi di elettroacustica e musica concreta. Nascono così sei brani che si prestano ad essere fruiti come un’unica, lunga traccia, che passa da momenti minimali ad altri più densi e nervosi (Natural Selection, Speciation), da melodie malinconiche (Gene Flow) ad accelerazioni serrate che sfociano in liberatorie orge strumentali (Mutation). Più che la forza muscolare i musicisti preferiscono però mettere in evidenza la complessità e bellezza della trama, senza trascurare una sensibilità melodica che, pur occultata da strutture poco convenzionali, è uno degli elementi più caratterizzanti dell’ensemble: quella di Mutations è musica anarchica nel senso ideale e più pieno del termine, dove la libertà assoluta non scade mai nel caos fine a sé stesso. Ma i Rara Avis non si fermano qui: c’è un secondo CD, Multicellular Mutations, dove i cinque si associano liberamente in forma di duo o terzetto e vanno a battere ancora nuovi percorsi. I brani sono sempre sei, ma decisamente più brevi dei precedenti: si apre e si chiude con un duetto tra Ferrian e Vandermark, che dimostrano ottimo affiatamento sia quando c’è da dare libero sfogo agli strumenti sia con atmosfere più soffuse, mentre nel mezzo si sperimentano tutti le possibili combinazioni e stili, dalle schermaglie elettroacustiche fra l’americano e SEC_ al jazz dal sapore classico del terzetto Vandermark/Quatrana/Pissavini, segno che l’ensemble non si preclude nessun tipo di linguaggio. In definitiva siamo al cospetto di un progetto complesso e affascinante che, com’è naturale, troverà la massima compiutezza dal vivo, ma che anche su disco riesce ad essere pienamente appagante: ad ogni ascolto rivela sempre nuovi aspetti e sfumature.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Grand Drifter - Only Child (Subjangle/Sciopero, 2021)

Un saluto fugace via messenger. Una risposta. Dopo 14 mesi un messaggio per propormi l’ascolto di un singolo, ringraziandomi poi per averlo…

22 Dec 2021 Reviews

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 8 (27/11/14)

Ottava puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano in diretta da soli per la defezione dell'ospite,…

01 Dec 2014 Podcasts

Read more

Father Murphy – 13/04/12 Agorà Del Polaresco (Bergamo)

Se avete letto la recensione del nuovo album dei Father Murphy, potrete capire che l'occasione di vederli dal vivo a…

27 Apr 2012 Live

Read more

The Verge Of Ruin – Learn To Love Solitude (Setola…

Si presenta con un titolo bellissimo l’esordio di The Verge Of Ruin - duo che mette insieme le esperienze di…

14 Mar 2018 Reviews

Read more

Napalm Death - Smear Campaign (Century Media/EMI, 2006)

Ancora veterani. Suppongo che suonare Grind/Death sulla soglia dei quaranta ti faccia vivere una quotidianità piuttosto normale, forse più o…

29 Nov 2006 Reviews

Read more

Hexn - YY (Zen Hex, 2018)

Onestamente le primo uscite di Hexn, al secolo Alberto Brunello, non avevano destato in me particolare interesse: si accodavano al…

08 May 2018 Reviews

Read more

Palkosceniko Al Neon - Disordine Nuovo (BJS/Box Populi, 2010)

Ritorna il crossover romano dei Palkosceniko Al Neon che, dal precedente lavoro, sono cresciuti in maturità e consapevolezza personale:…

16 Oct 2010 Reviews

Read more

L'Uomo Di Vetro - A Merry Christmas (Autoprodotto, 2006)

Bellissime grafiche e tessiture strumentali ipnotiche opportunamente sporcate da impeti di batteria e da una foga non comuni. L'Uomo Di…

07 Jun 2007 Reviews

Read more

Moodring – Scared Of Ferret (Silber, 2009)

Gruppo nato da una delle costole degli americani Rollerball (l'ennesimo; D'Annunzio, fosse vivo, creperebbe d'invidia) i Moodring schierano i veterani…

25 Nov 2009 Reviews

Read more

Mombu + Monsieur Gustavo Biscotti – 25/03/11 Arci Tom (Mantova)

Dopo aver apprezzato il disco stavo tenendo d'occhio le date del duo composto da Luca Mai (Zu) e Antonio Zitarelli…

29 Mar 2011 Live

Read more

X Congresso Post Industriale – 31/10/2015 Kindergarten (Bologna)

Non si poteva mancare quest’anno Al Congresso Post Industriale che la Old Europa Cafè organizza per al decima volta e…

11 Nov 2015 Live

Read more

Woods - Songs Of Shame (Woodsist, 2009)

Piccoli grandi album ogni tanto spuntano fuori, specie in questo terribile 2009 di crisi. Quei dischi fatti con poco, piccoli…

21 Jul 2009 Reviews

Read more

Antonello Cresti - Lucifer Over London (Aereostella, 2010)

Sarebbe ahimè troppo sostenere che questo libro, dall'eloquente sottotitolo di "Industrial, folk apocalittico e controculture radicali in Inghilterra", vada a…

15 Oct 2010 Reviews

Read more

Stefan Fraunberger - Quellgeister #1 (Chmafu Nocords, 2014)

Questo disco parte dall'idea di Stefan Fraunberger di andare a suonare un vecchio organo in una vecchia chiesa al centro…

27 May 2014 Reviews

Read more

Ronin – Fenice (Audioglobe/Tannen, 2012)

Riprende la saga dei Ronin, senza un cambio vero e proprio, ma con un lavorio incessante verso uno stile che…

21 Mar 2012 Reviews

Read more

Iceburn/Ascend/Eagle Twin: la poetica del ghiaccio e del fuoco di…

Gentry Densley ha rappresentato, nel circuito hardcore degli anni '90, una figura di assoluto rilievo, che ha contribuito a ridefinire…

05 Mar 2012 Articles

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top