Rage Against The Sewing Machine Vs. Indch Libertine – S/T (Suonigrezzi, 2010)

Del duo bolognese delle Rage Against The Sewing Machine avevamo già avuto occasione di parlare in occasione del Tago Fest: harsh noise rigorosamente analogico fra pedalini, voci campionate e ovviamente, macchine da cucire, avevano regalato una delle esibizioni migliori del festival. Mi avevano talmente convinto da spingermi ad acquistare questa loro cassetta, reigstrata in collaborazione con l’altrettanto rumoroso concittadino Indch Libertine.
Copertina a tema (la vedete nella foto) e contenitore in plastica pasticciato con pennarelli e pastelli, in modi e gradi diversi per ogni copia, lasciavano immaginare quale fosse il contenuto, visto anche quello che della collaborazione si può ascoltare su Youtube. To Appreciate The Benefits Of A Reasonable Industrial Camping, il brano che occupa la prima facciata si apre con l’Hallelujah di George Frideric Händel che fa da intro al Dies Irae di Giuseppe Verdi; il resto sono altre arie operistiche. To Appreciate The Benefits Of A Reasonable Industrial Camping (Adult Version), sull’altro lato, segue lo stesso identico schema, ovviamente con altri pezzi. Quindi? Un errore di copiatura della cassetta o uno scherzo… dadaista? In fondo, una cosa del genere è l’opposto di 20 Jazz Funk Greats dei Throbbing Gristle: là copertina accettabile e musica improponibile, qui copertina industrial e musica ascoltabile. Propenderei più per la seconda ipotesi, ma non v’è alcuna certezza. Come dite? Ho rovinato la sorpresa? Ma no… In fondo, qui si parla solo della mia copia. Magari su altre ci sono effettivamente le due versioni di To Appreciate The Benefits Of A Reasonable Industrial Camping, brano di noise-industrial in collaborazione fra Rage Against The Sewing Machine e Indch Libertine, o almeno ce n’è una, sull’altro lato l’operetta, magari brani diverse da quelli che ho io. Forse il grado di rovinatura del contenitore rivela qualcosa del contenuto (io ho preso quello più pasticciato, ma c’erano altri che lo erano molto meno). Insomma, ci sono ancora un sacco di possibilità. Come diceva quella vecchia checca di William Burroughs: “Nulla è vero, tutto è permesso”.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Hexn - YY (Zen Hex, 2018)

Onestamente le primo uscite di Hexn, al secolo Alberto Brunello, non avevano destato in me particolare interesse: si accodavano al…

08 May 2018 Reviews

Read more

Host Skull – Totally Fatalist (Antephonic, 2011)

Sconcertante è l'unico termine che può descrivere questo lavoro di una band, gli Host Skull, che sono in realtà due,…

12 Oct 2011 Reviews

Read more

Eternal Zio – Vibbria (Autoprodotto, 2011)

Questo CD-R si presenta in modo assai dimesso, una semplice busta dalla grafica incerta e bruttina, con solo l'indicazione del…

08 Aug 2011 Reviews

Read more

Pulseprogramming - Charade Is Gold (Audraglint, 2011)

Ci eravamo lasciati otto anni fa con i Pulseprogramming: e chi si sarebbe immaginato fossero mai tornati. Sodapop nel suo…

29 Sep 2011 Reviews

Read more

Nudist - See The Light Beyond The Spiral (Santavalvola/Taxi Driver/Shove/Deathcrush/Oniric/DioDrone,…

Nella più contemporanea tradizione sludge, il viatico dei nostrani Nudist fuoriesce istantaneamente dall'atmosfera come attacca l'apripista Horror Vacui. Immediatamente veniamo…

01 Apr 2015 Reviews

Read more

Le Singe Blanc + Ada-Nuki - 24/04/09 Arci Kroen (Villafranca…

Capitano certe volte clamorose botte di culo, fare una cosa con sufficienza, per noia o semplicemente perché non c'è nulla…

04 May 2009 Live

Read more

My Dear Killer – The Electric Dragon Of Venus (Boring…

Sorprende vedere come un'etichetta nota per la musica di ricerca come la Boring Machines stia, col tempo, accogliendo sotto la…

13 Mar 2013 Reviews

Read more

Mattia Coletti – The Land (Bloody Sound Fucktory/Town Tone/Wallace, 2011)

Verso l'opera di Mattia Coletti nutro sentimenti contrastanti: ho amato incondizionatamente ogni suo lavoro in duo, dai Polvere (con Xabier…

14 May 2012 Reviews

Read more

Kern/Batia Hasan – The Commercial Tape (Kaczynski, 2020)

Il secondo volume della serie Tape Session della Kaczynski conferma la felice idea di associare artisti in qualche modo complementari…

09 Jun 2020 Reviews

Read more

Julia Ensemble – S/T (Altrove, 2011)

Pianoforte, chitarra, batteria e contrabbasso, questo il nucleo sonoro centrale dei Julia Ensemble, a cui si aggiungono una pletora di…

11 May 2012 Reviews

Read more

St.Ride - Onde (Niente, 2009)

E così in un batter d'occhio la Niente è arrivata al Volume 4, spirito punk con grafiche ultra spartane (a…

11 Feb 2010 Reviews

Read more

Ovo – Creatura (Dio Drone, 2016)

Gli Ovo se ne escono dall’antro della Supernatural Cat lasciandosi alle spalle quel processo di relativa normalizzazione metal a cui…

11 Jan 2017 Reviews

Read more

White Hex - Heat (Avant!, 2012)

I White Hex sono un duo australiano composto da Tara Green e Jimi Kritzler, per un po' di tempo di…

11 Jan 2013 Reviews

Read more

Fabio Orsi - The New Year Is Over (Silentes, 2012)

Mastodontica uscita per Fabio Orsi, infatti questo The New Year Is Over è addirittura un triplo: genericamente sono molto scettico…

09 Jul 2012 Reviews

Read more

Tsigoti – The Imagination Liberation Front Thinks Again (Autoprodotto, 2012)

The Imagination Liberation Front Thinks Again è un disco dalla storia complessa. Uscito solo in digitale e attualmente reperibile su…

05 Dec 2012 Reviews

Read more

Scarnella/Fluorescent Pigs - Phonometak Series #8 (Phonometak/Wallace, 2010)

Nuovo vinile per la label di Iriondo coadiuvata dalla Wallace di Mirko Spino e ancora una volta si tratta di…

01 Oct 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top