Quasiviri – The Mutant Affair (Wallace, 2009)

Ecco una super band, infatti mette assieme Roberto Rizzo dei R.U.N.I., Chet Martino (Pin Pin Sugar, Ronin) e Andrè Arraiz-Rivas che a quanto pare ha registrato con varie formazioni sia quando abitava in Canada che quando è tornato “in the land of pizza”. Il suono di Rizzo pesa enormemente sul risultato globale del trio, quindi il riferimento più ovvio che si può fare è proprio quello che rimanda ai Runi, ma sbrogliare “l’affair” in questo modo sarebbe anche troppo semplicistico. La sezione ritmica formata da Martino e Arraiz-Rivas spesso si muove su linee apprantemente semplici e molto quadrate su cui Rizzo usa le tastiere in modo ritmico ma allo stesso tempo pratica dei ghirigori quasi-prog, o che per lo più rimandano a degli Yes impallati di disco Settanta-Ottanta e che sono entrati dentro ad un cartone animato.
Ecco il punto, i Quasiviri sono i più degni rappresentanti di una musica che sta a metà fra Pacman, della prog con del senso dell’ironia (quasi un contraddizione in termini, vero?) e del rock figlio di Trans Am, musica tetesca, e punk. Grafica superlusso in cui i collage fra arte classica e rielaborazioni alla Winston Smith ci consegnano l’immagine di gente che ha fatto dell’ironia un vero e proprio ariete (e se non vi bastano titoli come Superlando, Paradisco Inferno e Italia Forza, considerate che i testi vanno di conseguenza). Un gruppo a più voci visto che cantano un po’ tutti e lo fanno usando i cori ed ottenendo uno splendido effetto folk-coro a tappeto che avrete sentito in molti gruppi indie, il tutto servito su delle basi che sono ancora più strampalate. Il disco, oltre ad essere suonato con una perizia tecnica che visti i band members era lecito aspettarsi, è decisamente impostato su dell’ironia-intelligente ed è per questo che per l’ennesima volta mi trovo a pensare: “ma perché in un paese della minchia, dove Elio e Bugo arrivano in classifica (e credo che se lo meritino, soprattutto il primo), loro vendono solo la tiratura di un disco se hanno la fortuna di avere il vento in poppa?”. Dato che nessuno di voi può rispondermi nell’immediato, mi risponderò da solo (che così mi sentirò capito): bastano delle lunghe parti strumentali a giutstificare una così grande disparità di vendite? Il problema sta mica nel fatto che si tratti di musica che pur sembrando cazzona non lo è e quindi è difficile mettere assieme tecnica-scrittura ed ironia? Quindi Devo sì, ma Don Caballero ironici no? Oppure Elio sì, ma Area con una risata stampata in volto no? La cosa triste è che in realtà, come per i Runi ,il problema è un altro e cioè che si tratta di ironia e di musica quel tanto intelligente che basta per squalificarli dai grandi giri e per renderli indegesti pure al ragazzino da circuito indie-punk che “sì gli X-Mary mi fanno ammazzare dal ridere” (senza nulla togliere ai lombardi che fanno ride tambièn), ma loro: “minchia ma sono complicati”. E dulcis in fundo, chi non si è mai sentito Quasiviro una volta nella vita? Un po’ come quella volta che vi siete sentiti Quasihomo e spaventandovi vi siete rifugiati in un’omofobia che vi ha segato le gambe.

Tagged under: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Dad They Broke Me – Rot (We Empty Rooms, 2010)

Fine della corsa per uno dei gruppi preferiti dal nostro amabile Radu Kakarath: il batterista va a vivere in Giappone…

25 Jan 2011 Reviews

Read more

I Camillas - Le Politiche Del Prato (DischidiPlastica/MarinaioGaio/Wallace/Tafuzzy, 2009)

I Camillas portano bene! Ma dico sul serio. Qual' è la linea di confine tra un pugno di canzoni demenziali…

09 Dec 2009 Reviews

Read more

Celtic Frost - Monotheist (Century Media/Prowling Death, 2006)

Quante volte Thomas G. Warrior ci avrà rimuginato sopra negli ultimi dieci anni? Me lo sono spesso domandato. Molte volte…

29 Jul 2006 Reviews

Read more

Larva 108 - 99.09 Inside The Stones (Greytone, 2010)

Dopo dieci anni di registrazioni Greytone pubblica una raccolta di Larva, al secolo Guido Bisagni, dando l'opportunità di ascoltare pezzi…

09 Feb 2011 Reviews

Read more

Mark Putterford - Phil Lynott: The Rocker (Omnibus Press, 2002)

La fascinazione per i Thin Lizzy mi ha preso così per caso, un mattino di settembre. E' una di quelle…

19 Nov 2006 Reviews

Read more

The Hand To Man Band - You Are Always On…

La sola parola supergruppo credo faccia mettere mano alla fondina a più di un lettore... e invece questa volta dietro…

06 Nov 2012 Reviews

Read more

Robert Lepenik - Postepeno (God/Entr'acte, 2012)

Robert Lepenik è un musicista austriaco attivo da parecchio tempo in diversi ambiti: partendo dal suonare la chitarra nel gruppo…

27 Nov 2012 Reviews

Read more

Lakes - Blood Of The Grove (Avant!, 2013)

Dietro la sigla Lakes si nasconde nell'oscurità goth Sean Bailey, australiano che ruota dalle parti di Melbourne. In Blood Of…

16 Sep 2013 Reviews

Read more

OvO - Cor Cordium (SuperNaturalCat, 2011)

Non so davvero se o cosa possa definirsi queer metal (in riferimento alle recenti interviste cartacee rilasciate dal gruppo):…

18 Apr 2011 Reviews

Read more

Obits - Bed & Bugs (Sub Pop, 2013)

Gli Obits non sono ragazzini da un pò, ma si ritrovano perfettamente a loro agio nell'essere etichettati come naviganti in…

09 Oct 2013 Reviews

Read more

Murcof + Duke Garwood – 12/10/12 Teatro Smeraldo (Valeggio Sul…

L'associazione Humus di Valeggio sul Mincio (VR) inizia la stagione del decennale con un concerto del messicano trapiantato in Europa…

26 Oct 2012 Live

Read more

All Leather - When I Grow Up, I Wanna Fuck…

L'ironia ed il cattivo gusto ricordano qualcuno?...che poi sarà così ironico essendo Justin Locust gay? E il fatto che lo…

30 May 2010 Reviews

Read more

Melampus - Hexagon Garden (Riff/Sangue Disken/Old Bicycle, 2015)

Il terzo disco dei Melampus pecca nell'artwork: pulito, essenziale, ben fatto, chiaro. Tutto perfettamente in regola, se non fosse che…

30 Apr 2015 Reviews

Read more

Massimo Olla – Structures (Azoth, 2017)

Le strutture che Massimo Olla costruisce col suono in questo disco sono esattamente come quelle che vedete sulla copertina (che…

21 Feb 2018 Reviews

Read more

Forever Idle Forever Idol - Volume Two (Kosmik Elk Mind,…

Altra cassetta Kosmik Elk Mind, altro bel reperto ed anche in questo caso si tratta di un lavoro semplice, ruvido…

14 Jan 2009 Reviews

Read more

Soft Black Star & Zeno Gabaglio/Mike Cooper – The Good…

Incidenti a catena sulla strada della Old Bicycle: con questa cassetta siamo giunti alla settima uscita della serie Tape Crash,…

17 Feb 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top