qqqØqqq – Burning Stones Of Consciousness (Casetta/DreaminGorilla e altre, 2017)

Sulla carta la proposta di qqqØqqq, il duo formato da  Tomaso Busatto e Carlo Mantione, sembra la perfetta somma dei progetti di partenza dei musicisti coinvolti, l’elettronica di Plasst e il chitarrismo post-rock dronante di Contemplatio; invece, all’atto dell’ascolto, la fusione fra digitale ed elettrico, col primo elemento che prende la forma di ritmiche e droni e il secondo di melodie dilatate, appare tanto felice da rappresentarne il prodotto. Di primo acchito questa musica stratificata ed evocativa potrebbe sembrare la versione italica di Harvestman; una definizione certamente semplicistica ma a ben vedere non così sbagliata, dato che i due progetti battono con evidenza strade affini, quelle di un folk che si avvia verso percorsi cosmici e nel farlo resuscita e porta con sé memorie ancestrali. Se e quanto il progetto di Steve Von Till abbia ispirato il più giovane combo italiano non so dirlo, quello che appare evidente è che siano in buona parte comuni le fonti d’ispirazione – anche extramusicali – che prendono poi toni personali a seconda della cultura dei musicisti. Il suono di qqqØqqq è dunque scevro di ruvidezze di natura post-core (rintracciabili in parte solo nella vorticosa All This Haviness Is Just My Monolithic Self) e tende piuttosto alla sfumatura, così come gli dei che evoca non sono rudi figure nordiche ma più raffinate e complesse divinità mediterranee (I Perceive The Peak So Clearly I Can Embody It, impreziosita dal flauto di Zyklus). Fondamentale è poi il sempre presente elemento ritmico che pone le composizioni in sospensione fra meditazione e antica cerimonialità, oltre che creare insoliti e potenti effetti ipnotici combinandosi con le melodie (Eternal Void In Which The Entirety Of Emptiness Is Summoned e Crumbling Plains And Burning Stones Of Consciousness, in collaborazione con H!U). Al quarto lavoro sulla lunga distanza (contando anche lo split con Murmur Mori e Yurugu’S Speech) qqqØqqq ci consegna un’opera matura e perfettamente a fuoco, un approdo sicuro e al contempo base di partenza per nuovi viaggi spazio-temporali.

Tagged under: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Lucertulas - Tragol De Rova (Robotradio, 2007)

Tempo fa qualcuno durante il concerto dei Botch mi bofonchiò: "e checcazzo questo è uno dei gruppi che ti riconcilia…

14 Dec 2007 Reviews

Read more

L'Altra - Telepathic (Acuarela Discos, 2011)

Il progetto L'Altra, con base a Chicago, torna dopo ben sei anni di silenzio, tanto che credevo che la band…

14 Apr 2011 Reviews

Read more

AA.VV. - Le Triomphe Dans L’Endroit De La Duperie (Eicool…

Terzo episodio della saga Eicoolsat e cioè una serie di installazioni che hanno per tema la fantascienza e il cui…

01 May 2011 Reviews

Read more

Trax - Notterossa/Rednight (Smallvoices, 2008)

Oggi da parte di molti rockettari si è risvegliato un interesse per la musica elettronica più rumorosa ed estrema, portando…

22 Feb 2009 Reviews

Read more

USA Out Of Vietnam - Crashing Diseases And Incurable Airplanes…

Gli USA fuori dal Vietnam: non saprei bene come spiegarmi la scelta di un cartello delle manifestazioni anni sessanta per…

27 Jun 2014 Reviews

Read more

Om – God Is Good (Drag City, 2009)

Con un titolo che li proietta di prepotenza nel pantheon del rock cristiano a fianco di nomi come Stryper e…

18 Dec 2009 Reviews

Read more

Vortice Di Nulla – I'm With Tortillas, Throwing Stones In…

Il post-rock strumentale (molto approssimativamente: quello d’impronta più psichedelica che math… diciamo tutto quello post-Come On Die Young) ha nel…

04 Jun 2010 Reviews

Read more

Chevreuil - Fils Unique 7" (Collectif Effervescence, 2007)

Math rock strumentale, un duo chitarra e batteria, per di più registrato al solito in modo impeccabile in presa diretta…

23 Jan 2007 Reviews

Read more

Jello Biafra/Guantanamo School Of Medecine + Panico - 27/08/09 Festa…

Serata punk revival alla festa di Radio Onda d'Urto, vecchie glorie in nuove forme per la gioia di grandi e…

27 Sep 2009 Live

Read more

Adamennon/Altaj – Turiya (Boring Machines, 2015)

Grande è la confusione sotto il cielo oggi che, per avere il patentino di magus della psichedelia occulta – almeno…

11 Sep 2015 Reviews

Read more

Elastic Society - Be Strong (Minus Habens, 2012)

Altro enfant terrible, Alberto Dati quanto il suo boss  Ivan Iusco torna sulla lunga distanza sotto l'incarnazione Elastic Society a…

08 Nov 2012 Reviews

Read more

Deison - Quiet Rooms (Aagoo, 2012)

A questo giro ritorna Cristiano Deison, che vanta una carriera solista di tutto rispetto divisa fra dischi in proprio e…

27 Nov 2012 Reviews

Read more

Enrico Ruggeri – IŪS (Neverlab Avant, 2013)

Di Enrico Ruggeri avevamo già fatto la conoscenza in occasione dell’esordio Musteri Hinna Föllnu Steina, un album che associava soundscapes…

24 Mar 2014 Reviews

Read more

Von Tesla - Raised By Clear Acid (Boring Machines,…

Von Tesla ovvero il nuovo progetto di Marco Giotto (già col moniker mondano e festaiolo di Be Invisible Now!), con…

21 Jan 2014 Reviews

Read more

The Lay Llamas - GOUD (Black Sweat, 2022)

Non credo che le droghe siano sorprendenti. Raggiunto il livello di stabile assuefazione od abitudine, intendo. Dopo anni di abitudine…

07 Apr 2022 Reviews

Read more

Camilla Pisani - Frozen Archimia (Midira, 2020)

Camilla Pisani approda sulla tedesca Midira con un nuovo lavoro che esprime bene la consapevolezza della sua visione. I sei…

17 Mar 2020 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top