Putan Club – 10/04/10 Le Tits (Brescia)

A un solo giorno di distanza da Amaury Cambuzat coi suoi Ulan Bator anche il cugino Francois (già Gran Teatro Amaro e L'Enfance Rouge) si trova a transitare per Brescia col suo Putan Club, progetto per musica e immagini (a cura dell'artista fancese Vincent Fortemps) che, secondo le loro stesse parole, "è stato ideato come una cellula di resistenza, caratterizzata da un modo di agire ispirato ai primi complotti di partigiani europei durante l'ultima guerra mondiale (azioni di forza in luoghi diversi e vari) e di partigiani irakeni, afgani o ceceni odierni". Il luogo prescelto stasera è l'arci Le Tits, a due passi dallo stabilimento Iveco. A dirla tutta il duo, affiancato a un certo punto da Gerth, sballatissimo sessantaseienne americano che canterà una Danny Boy splendidamente fuori tempo, più che un feroce manipolo di mujaheddin sembra una ristretta corte dei miracoli. Nulla di male, stasera è proprio quello che serve. Sul palco buio Cambuzat, voce, chitarra e loop station, prende posizione a sinistra, seduto, con alle spalle la proiezione curate da Fortemps, seminascosto dagli amplificatori e che putan_club-----------------------------le_titsconcluderà la serata sporco di colore nero fino ai denti, letteralmente. Questo perchè i disegni sono realizzati al momento su un foglio di acetato di cellulosa con inchiostro che viene steso e poi maneggiato, graffiato con delle punte, mosso con degli stracci, mischiato con materiali vari a seconda di ciò che la musica ispira. Così, il rude inizio Neubauteniano, fa vibrare la superficie cosparsa di grani di zucchero al ritmo dei battiti sintetici e della chitarra violentata, mentre a una blasfema narrazione di ambientazione invernale è accompagnata da un livido paesaggio espressionista che, a seconda del posizionamento della luce, varia da positivo a negativo e viceversa. Senza nulla togliere al cantautorato punk di Cambuzat, ricco di suggestioni che rimandano all'ultima produzione de L'Enfance Rouge a cui si sommano loop e campionamenti, è questo l'elemento di maggior interesse della serata, un po' per la curiosità che suscita e molto per la bontà con cui è realizzato. Il mutare delle immagini aggiunge profondità alla musica e ne moltiplica i significati, in una dialettica in cui nessuno dei due elementi è subordinato all'altro e finendo anzi per essere reciprocamente funzionali. Dopo la versione di Danny Boy di cui si è detto e un finale al limite del rumor bianco, dove frammenti di canzoni pop si accavallano a campionamenti di voci, battiti elettronici e distorsioni, il bis è appannaggio di un pezzo più canonico e di una lunga coda registrata del Canto V dell'Inferno, che scorre mentre gli artisti si ritirano dietro le quinte. Uno spettacolo raro e ispirante, a cui le parole, più del solito, non possono rendere giustizia.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

2000 - 2010: non è successo niente?

Ultimamente imperversa l'irritante campagna mediatica che accompagna l'uscita dell'ultimo libercolo del signor Simon Reynolds. Un critico, che nella musica di…

08 Oct 2011 Articles

Read more

Gesuco Razzati – S/T (Autoprodotto, 2013)

Manufatto di pregevole fattura, il CDr dei Gesuco Razzati, misterioso combo eporediese cultore del rumore prodotto con aggeggi elettronici e…

09 May 2013 Reviews

Read more

The Brain Washing Machine - Seven Years Later (Go Down,…

Rieccoli qui i The Brain Washing Machine, per l'appunto sette anni dopo la recensione della loro prima autoproduzione. E con…

13 Jun 2014 Reviews

Read more

Le Carogne - S/T (Autoprodotto, 2011)

Un terzo di beat, uno demenziale e uno rocchenrol. Certamente il vecchio Pierpaolo De Iulis li farebbe entrare…

21 Sep 2011 Reviews

Read more

Fuh – Dancing Judas (Smartz/Escape From Today, 2010)

I Fuh vengono da Canale, Cuneo, Piemonte. E’ necessario specificarlo perché la geografia riveste una certa importanza in questo caso.…

18 Mar 2010 Reviews

Read more

Tongs: le pinze e il megafono

L'ascolto di Jazz With The Megaphone, esordio discografico dei Tongs, è stato, per quanto mi riguarda, una delle migliori sorprese…

04 Apr 2010 Interviews

Read more

Splintered Man - S/T (Slow Release, 2014)

Gli Splintered Man sono Simon Kobayashi e Alex Carter, il primo dei due è attivo con gli Smallgang, su Damnably:…

29 Apr 2015 Reviews

Read more

Rainer Maria - Catastrophe Keeps Us Together (Grunion, 2006)

Even if Rainer Maria are an emo band, Catastrophe Keeps Us Together is not an emo album. Con questa citazione…

24 Jul 2006 Reviews

Read more

Amute - Infernal Heights For A Drama (Still, 2009)

Suoni francesissimi per gli Amute (...in realtà sono belgi), che con questo album escono per la belga Still records. Elettro-pop…

17 Mar 2009 Reviews

Read more

OvO, nel Cor della bestia

Abbiamo recensito i loro dischi, scritto dei loro concerti, passato le loro canzoni nel podcast: l'unica sezione del nostro sito…

18 May 2011 Interviews

Read more

Black Lava - Lady Genocide (Hellbones, 2019)

Schegge radioattive scagliate in una corsia d'ospedale e conficcate sulle pareti bianche. Questa è la perfetta sintesi del progetto condiviso…

05 Jul 2019 Reviews

Read more

Moe – Examination Of The Eye Of A Horse (Wallace/ConradSound,…

Ricordo Henry Rollins sparare in un’intervista che l’influenza del punk su di lui fosse stata nulla rispetto a quella del…

17 Oct 2016 Reviews

Read more

Balestrazzi, Eastley, Olla, Z'EV - Floating Signal (TiConZero, 2009)

Andando oltre le decine di migliaia di speculazioni che si possono fare sulla musica sperimentale, le performance e sull'improvvisazione, in…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

The Connie Capri Organ Chamber Orchestra - S/T (Wallace, 2008)

Che Mirco Spino nonostante un malcelato passato hardcore (e non per i film con Rocco e John Holmes) sia diventato…

07 May 2008 Reviews

Read more

Atomic Papas - The Invisible Man (Hellbones, 2020)

Rockabilly di ampio respiro quello proposto dal terzetto toscano che, benché di recente fondazione, dimostra un rilassato e disinvolto affiatamento…

27 Oct 2020 Reviews

Read more

Inferno/Ovo/Psychofagist - A Bullet Sounds The Same (In Every…

Ne avevo avuto notizia tempo addietro da Manuel ma come recitava High Caliber Consacrator dei Clutch: "Prostrate yourself, your time…

30 Sep 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top