Psycho Kinder – Epigrafe (Fonetica Meccanica, 2020)

Da sempre aperto all’incontro fra parola e musica, con la prima alla continua ricerca di suoni che la veicolino, Psycho Kinder , progetto di Alessandro Camilletti, arriva con Epigrafe alla quinta uscita lunga e per l’occasione si circonda di musicisti, uno per traccia, dotati di spiccata personalità, eppure capaci di dar vita a un album che evita lo sgradevole “effetto compilation”, sempre in agguato in questi casi. Anche se la parola recitata rimane l’elemento centrale del lavoro, il valore musicale non viene meno grazie alla simbiosi che si crea fra il suono delle corde vocali e quello degli strumenti elettronici: se sintetici sono la maggior parte dei macchinari usati, sintetica si fa la parola, proseguendo sulla strada intrapresa con Diario Ermetico. Abbiamo così le crude analisi sul presente di Tape 2 e Tape 3, la prima in compagnia di Michele Caserta – con le frasi che si frazionano secondo gli schemi ritmici – la seconda sull’elettronica fredda e spettrale di Ge-Stell; le fulminee riflessioni di Tape 1 – per la quale Moreno Padoan squadra blocchi di noise espressionista sconnesso e spigoloso, a mio parere il momento più alto del disco – e di Tape 6, con l’ambient isolazionista elaborato da Deca; la narrazione cinematica di Celery Price in Tape 5 e lo stridente dub industriale di Tape 7, con Giorgio Mozzicafreddo alle macchine. Categoria a sé fa Tape 4, musiche di Giovanni “Leo” Leonardi (Carnera, Siegfried) e Valeria Cevolani alla voce (su testo ovviamente di Camilletti): un soundscape sporco che va via via addensandosi, mentre il sussurro sale di tono fino a diventare grido che rievoca, in chiave esistenzialista, i comizi dei Discipinatha (sì, un po’ di brividi vengono). Chiude la serie – aprendosi al futuro di una prossima collaborazione – un lungo brano di Maurizio Bianchi concluso da un aforisma del letterato goriziano Carlo Michelstaedter: “L’assoluto, non l’ho mai conosciuto, ma lo conosco così come chi soffre d’insonnia conosce il sonno, come chi guarda l’oscurità conosce la luce.” Una dichiarazione d’intenti, verrebbe da dire, per un artista che nella tensione fra un linguaggio attento al contemporaneo e una visione della realtà estremamente critica ma mai cinica né rassegnata, trova la sua cifra stilistica, cifra che un lavoro come Epigrafe mette in luce con grande chiarezza.

Tagged under: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Suzanne's Silver - The Crying Mary (Radio Is Down, 2007)

Sicilia, Uzeda, noise rock, post-rock... fin troppo facile dirlo visto che sono compari di etichetta dei Bellini e che il disco è…

16 Sep 2007 Reviews

Read more

Animal Farm Project - S/T (Autoprodotto, 2006)

Indubbiamente originale questo gruppo bolognese che prendendo come muse ispiratrici i Radiohead e i Rage Against The Machine, sa regalarci…

03 Dec 2006 Reviews

Read more

Get The People - S/T (Ruminance, 2006)

C’è gente che vive un drammi indicibili quando in fase post-adolescenziale vede crollare miserabilmente il proprio eroe e purtroppo è…

26 Feb 2007 Reviews

Read more

Cannibal Movie - Mondo Music (Yerevan Tapes, 2012)

Dopo l'acclamato Avorio in cui venivano tirati in ballo, in modo molto azzeccato, addirittura gli Oneida di Rated O (anche…

15 Jan 2013 Reviews

Read more

Green Beret - Part 1 & Part 2 (Sabbatical, 2008)

I tre berretti verdi sono stati assoldati per l'undicesima uscita Sabbatical probabilmente perché hanno le carte in regola per fare…

09 Nov 2009 Reviews

Read more

Giovanni Dal Monte – Visible Music For Unheard Visions…

Non so se avete ascoltato la puntata di Sodapop Fizz che aveva per ospite Alberto Boccardi (se ve la siete…

04 Aug 2015 Reviews

Read more

Antonio Raia & Renato Fiorito - Thin Reactions (Non Sempre…

Quando c’è da fare un passo avanti, ma anche solo rompere la noia di un periodo che, musicalmente parlando, non…

12 Dec 2021 Reviews

Read more

M+A – Things.Yes (Monotreme, 2011)

Quando metto su questo esordio degli M+A non posso fare a meno di fermarmi dal fare quello che sto facendo…

18 Jan 2012 Reviews

Read more

The Great Saunites – The Ivy (Neon Paralleli/HYSM?/Verso Del Cinghiale/Villa…

Torna a farsi sentire, con un vinile in tiratura limitata, il duo lodigiano, di cui avemmo modo di parlare un…

08 Apr 2013 Reviews

Read more

Runes Order - Re: Murders (Luce Sia, 2018)

Per la serie "recuperi e ricorsi storici" la Luce Sia si tuffa nelle tenebre del passato per riesumare un altro…

07 Feb 2019 Reviews

Read more

Squarcicatrici - Zen Crust (Escape From Today/Wallace/SGR/Eclectic Polpo, 2014)

Gli Squarcicatrici sono di nuovo tra noi, a cinque anni dal precedente, omonimo, lavoro; nel mezzo un live scaricabile gratuitamente…

11 Apr 2014 Reviews

Read more

Aetnea – S/T (Autoprodotto, 2012)

Gli Aetnea arrivano dal comune di Trecastagni, provincia di Catania, ma non immaginate le "solite" cose in stile Uzeda o…

06 Jul 2012 Reviews

Read more

Alley – 17 (New Model/Niafunken, 2018)

Sebbene le session di scrittura e registrazione dell’esordio di Alley, al secolo il musicista e produttore padovano Daniele Bogon, si…

30 Aug 2018 Reviews

Read more

Io, Monade Stanca – The Impossible Story Of Bubu (Africantape,…

Il primo scoglio da superare è il nome, più adatto a un romanzo di Susanna Tamaro che non a un…

29 Oct 2009 Reviews

Read more

Replace The Battery - Daily Birthday (In The Bottle, 2010)

Proprio dopo aver finito la recensione dei Ka Mate Ka Ora ecco che ci imbattiamo nei padovani Replace The Battery,…

27 Jan 2011 Reviews

Read more

Marnero – Naufragio Universale (Donna Bavosa/Sangue Dischi/InLimine, 2010)

Ritroviamo con un LP di cui sono unici titolari i Marnero, che avevamo conosciuto nell'impari split coi Si Non Sedes…

03 Oct 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top