Pontiak + Hell Demonio – 08/08/09 Malafly (Verona)

Per l'estate l'arci Kroen si trasferisce armi e bagagli alla periferia di Verona dove, in combutta con altre associazioni della zona, continua a deliziarci con proposte musicali di alto livello (olte che con ottime cene). Stasera, ospiti del palco del Malafly (questo il nome del festival) sono i Pontiak, terzetto virginiano che incide per la storica Thrill Jockey.

Preceduti dalla trascurabile versione acustica degli Hell Demonio, noiosi strumentali coi soliti giri postrock che girano, al solito, a vuoto, gli americani sono l'ennesima ma sempre benvenuta conferma di come il seme dei Black Sabbath sappia attecchire  nei terreni rurali. Vediamo cosa sarà fra trenta anni dei semi dei Radiohead
In realtà, da un veloce ascolto pre-concerto (sì, dal solito, infido Myspace) trapelava una certa, inquietante "hippietudine", che mi faceva avvicinare al palco con sospetto e la mano alla fondina, ma bastavano poche note per fugare ogni dubbio: i Pontiak sono in realtà una macchina ammazza-hippie, che li attira con l'illusione della psichedelia e lipontiakhelldemoniolive schiaccia sotto tonnellate di decibel. Perché sì, nella musica di questi tre contadinotti, tutti con barbe incolte, cappellini da baseball e jeans consunti d'ordinanza, s'intravede un che di freak, ma ampiamente bilanciato da un ruvido spirito sudista (sarà forse per questo che il negretto al mio fianco si defila dopo poche canzoni). I Pontiak, sul palco, sembrano la versione giovanile di zio Jesse moltiplicata per tre: stesso look, stessa aria bonariamente burbera; partono con un pezzo dal sapore indie-pastorale, ma ben presto il suono si dilata, disfacendo la forma canzone in un mare di wah-wah. Il basso, pesante e preciso, in genere traccia il solco che chitarra e batteria si guardano bene dal difendere, preferendo svisare negli ampi spazi che la scrittura del gruppo prevede; lunghe strade in mezzo a campi di grano, ecco l'immagine che evocano. La voce compare solo nei rari momenti in cui la musica si incarna in canzoni propriamente dette, tra l'altro orecchiabili e a loro modo, pop: sanno essere leggeri anche nella pesantezza della proposta musicale. Sarà anche per questo che il tempo pare volare e una volta terminato il set, il pubblico ricaccia i nostri, a forza, sul palco per i bis. Un paio di canzoni e poi è davvero finita. Mi piace pensare che i tre, a questo punto, risalgano sulle loro motozappe e proseguano il tour, seguendo il percorso degli astri.
Ma perché i contadini di qui ascoltano, al massimo, Ligabue?

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Stinking Lizaveta - Sacrifice And Bliss (Monotreme, 2009)

Non che sia una novità assoluta il fatto che la 5 Roses curi la promozione per un gruppo "non strictly"…

31 Jan 2009 Reviews

Read more

Lyke Wake & Noise Cluster - Let The Universe Fall…

Ritroviamo due vecchie conoscenze della label elvetica questa volta coese per celebrare l'inesorabile declino del mondo attraverso traiettorie siderali tracciate…

30 Aug 2020 Reviews

Read more

Talibam! – 19/10/12 Carmen Town (Brescia)

"Cagata pazzesca" o "merda d'artista", questi i due poli fra cui mi immaginavo potesse oscillare la versione 2.0 dei Talibam!…

02 Nov 2012 Live

Read more

NOFest! 2011 - 17-19/06/11 Spazio 211 (Torino)

Ancora il No Fest, ancora un weekend di giugno in quel di Torino, stavolta assistiti da tempo favorevole, con gli…

31 May 2011 Live

Read more

Pinback - Autumn Of The Seraphs (Touch & Go, 2007)

I Pinback potremmo tranquillamente definirli un "superduo" risultato dell'unione creativia di Rob Crow (ex Heavy Vegetable, Thingy, Optiganally Yours, collaboratore…

25 Aug 2008 Reviews

Read more

Le Singe Blanc - Strak! (Magdalena/Keben, 2006)

In questo disco la scimmia bianca (questa la taduzione del mome Le Singe Blanc) sembra davvero "stracca", che esattamente come in…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

The Rust And The Fury - See The Colors Through…

Piove. Ultimamente non è strano per niente, no? Comunque, siccome, secondo me, il caso esiste fino a un certo punto,…

19 Sep 2014 Reviews

Read more

Raccoo-oo-oon - Behold Secret Kingdom (Release The Bats, 2007)

Qualche nota per cominciare, i Raccoo-oo-oon provengono da Iowa City, Iowa, USA. Raccoon invece è il procione, l’orsetto lavatore americano,…

16 Aug 2007 Reviews

Read more

Doppler - Songs To Defy (SK, 2008)

Fa piacere notare che sotto il profilo musicale Lione non si sia mai addormentata. Se negli anni novanta ne…

21 Nov 2008 Reviews

Read more

March Of RaDOOM - Volume 000/666

Era inevitabile, ora è successo. L’orribile Radu Kakarath rompe il silenzio e con voce sibillina, presenta una serie di brani…

22 Nov 2009 Podcasts

Read more

Stefano Giorgianni, Christian Falch, Fredrik Horn Akseslen – Blackherts (Tsunami,…

Dei documentari sul black metal, norvegese ma non solo, ormai credo si sia perso il conto: il genere attira -…

15 Aug 2019 Reviews

Read more

Gurubanana – Karmasoda (Shyrec, 2011)

Se uno dice "pop rock", voi cosa pensate? Possono due paroline così generiche inquadrare la sostanza di un disco? Non…

11 Oct 2011 Reviews

Read more

Lucertulas + Kelvin + Putiferio | Robot Macina Fest -…

Partiamo dalla fine: come concludere meglio una serata di musica se non beccando Max Pezzali all'autogrill, per di più accompagnato…

08 May 2011 Live

Read more

Passo Uno - Tartuff (Trazeroeouno, 2009)

Per coincidenza astrale o per semplice combinazione pare che in Italia questo sia l'anno del postrock come colonna sonora: tra…

03 Sep 2009 Reviews

Read more

Ronin – 14/02/10 Arci Dallò (Castiglione Delle Stiviere – MN)

Per pochi gruppi, credo, il suonare dal vivo è necessario come per i Ronin. Necessario per testare e sviluppare i…

26 Feb 2010 Live

Read more

St.Ride - Conquistare Il Mondo (Niente, 2013)

Due lembi di bandiere strappate attaccate ad un palo piantato nell'acqua, con il panorama del mare davanti a noi: ecco…

13 Jan 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top