Polaris – s/t (Gringo, 2006)

Siamo degli ignoranti. Sappiamo tutto e rimaniamo degli ignoranti. Per qualche strana ragione qui da noi siamo obbligati a conoscere qualunque uscita, qualunque gruppo, qualunque side project. Per anni abbiamo vissuto conoscendo la strada che porta da Louisville a Chicago, tutti i sobborghi e le scuole d'arte, meglio quasi di chi ci abitava. Sapevamo a quali campanelli suonare, a chi chiedere, dove trovare la famiglia Kinsella piuttosto che i luoghi dove Grubbs aveva passato la sua adolescenza. E guai a non saperlo.
"Si sente che ascoltavi il grunge!". E poi via via così a sorbirci solo e unicamente ciò che i distributori locali imponevano alla stampa et viceversa. Scelta monopolistica di campo. E, intanto, intorno, intensamente, intonsamente crescevano scene interamente indipendenti di cui non sospettavamo neanche l'esistenza. Quella facente capo alla Gringo records in Inghilterra non è diversa da mille altre storie che probabilmente da noi non saranno mai abbastanza trendy o "investimento" da smobilitare le penne di decine di wannabe giornalisti. Rimando ad altro luogo una eventuale discussione sul "e tu chi cazzo saresti allora?". So solo che la scena che unisce Leeds a Nottingham, il nord dell'Inghilterra che sta prima della Scozia, sempre così a-la-page, si nutre di miti e di nomi storici che compaiono e scompaiono e ricompaiono. Le linee guida sono quelle di un rock piuttosto sostenuto, come quello dei nostri Three Second Kiss, che lambisce i territori più melodici delle filiazioni chicagoane sopracitate, tra Owls, Joan Of Arc e Gastr Del Sol. Con squisite melodie screziate di accenti jazzati e irruenza controllata, i Polaris sono una delle eminenze più grige del firmamento locale, due dischi in tredici anni di carriera, membri presenti anche nei monolitici Bilge Pump e nella new sensation Quack Quack, sorta di Sorts evoluta. Il disco nuovo li avvicina a tratti ai nostrani Deep End, sorte simile, importanti quanto fuori dal tempo. Un disco che forse non apporterà nulla nell'evoluzione continua degli stili e delle mode, ma che sa comunicare qualcosa, che riesce a parlare direttamente all'ascoltatore. Sarà forse ora che qualcuno punti qualche soldo e qualche riflettore anche su questa scena? Sarebbe decisamente una buona cosa.

Tagged under: , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Matmos + M.uto - 15/03/13 Interzona (Verona)

La prima tranche della stagione 2013 di Interzona è ricca di bei nomi: si è iniziato con Jon Spencer, che…

22 Mar 2013 Live

Read more

Black Mountain - Wilderness Heart (Jagjaguar, 2010)

Spinto da un grande sforzo pubblicitario arriva il terzo disco dei rcanadesi Black Mountain, ormai consolidati come uno dei più…

14 Oct 2010 Reviews

Read more

R.U.N.I. - Fula Fula Fular (Wallace/Megaplomb/Motograffo Society, 2008)

Una volta c'erano Skiantos e Squallor, poi Elio E Le Storie Tese, oggi anche se su una dimensione molto più…

20 Jan 2008 Reviews

Read more

Daniele Santagiuliana – Jeremiad (Looney-Tick, 2014)

Da queste parti Daniele Santagiuliana l’abbiamo ascoltato per la prima volta sui dischi del duo Deison & Mingle: esoterico in…

22 Jul 2014 Reviews

Read more

Vs. Rome - The End Is Important In All Things…

Chissà che età hanno i Vs. Rome...farà ridere, ma è la prima cosa che mi sono chiesta mentre ascoltavo il…

05 May 2011 Reviews

Read more

You Are Here - As When The Fall Leaves Trees…

Ispirato dai suoni di band a mente unica quali M83 e Apparat, il trio romano You Are Here cerca…

27 Mar 2012 Reviews

Read more

Gil Hockman - Dolorous (Self Released, 2015)

A volte la semplicità paga, come nel caso di questo disco fatto di niente, nato quasi per caso attraverso un…

28 Oct 2015 Reviews

Read more

Dead Meadow + Stigmata + Blarke Bayer/Black Widow - 14/10/10…

La nostra seconda serata al Melbourne festival vede un menù interessante: come portata principale gli americani Dead Meadow con due…

10 Sep 2010 Live

Read more

Pain Of Salvation - BE (Inside Out/Audioglobe, 2004)

E' risaputo che se i musicisti hanno quasi sempre un ego grosso e turgido, i musicisti metal ce l’ hanno addirittura abnorme e sproporzionato.…

19 Jul 2006 Reviews

Read more

Parlor Walls - EXO (Northern Spy, 2018)

Con Opposite i Parlor Walls ci avevano raccontato di una band con qualcosa da dire all’interno di un contesto che…

12 Jul 2018 Reviews

Read more

666 - ...Perché In Fondo Lo Squallore Siamo Noi (Hellnation/Tuscia…

Soltanto loro potevano riuscirci. Solo il Plakkaggio e l'instancabile Roberto Gagliardi (Hellnation) potevano riuscire nell'intento di declinare in chiave oi/thrash…

22 Feb 2016 Reviews

Read more

Picore - Assyrian Vertigo (Jarring Effects, 2012)

Concettuale e ostico, il sestetto francese Picore si immerge con l'album Assyrian Vertigo in una sorta di delirio in…

03 May 2012 Reviews

Read more

Aucan + Cheap Orchestra - 27/03/10 Interzona (Verona)

Non è molto che abbiamo avuto occasione di parlare degli Aucan dal vivo: circa otto mesi, solitamente insufficienti a registrare cambiamenti…

28 Mar 2010 Live

Read more

Scum From The Sun - S/T (Afe, 2009)

Mettete insieme uno street rocker, Black Mickey dei Long Dong Silver e un musicista industrial/EBM, Cash dei Filthy Generation, aggiungete…

27 Oct 2009 Reviews

Read more

Presi Per Caso - S/T (Autoprodotto, 2006)

La loro storia è molto rock. Un gruppo formato da detenuti che hanno unito le loro passioni musicali e, anche…

07 Nov 2006 Reviews

Read more

Loimann - Towards Higher Consciousness (One Voice, 2010)

A dispetto dell'artwork gotico e post-industriale, il combo torinese, ormai attivo da diversi anni, presenta una sorta di sludge/stoner che…

26 Oct 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top