Pink Mountaintops – 21/05/09 Interzona (Verona)

Dopo i recenti fatti di cronaca a Verona, se per strada uscendo da un pizzeria ti chiedono una sigaretta, un po' di disagio lo percepisci nel rispondere: "Mi dispiace, non fumo… ehm, non le ho". Soprattutto se poco prima hai fumato una sigaretta scroccata al tuo amico in parte. L'Interzona era ancora semideserto, ne ho approfittato per prendere una maglietta, visto che i CD  di Outside Love, il nuovo bellissimo album dei canadesi Pink Mountaintops, (capitanati da Stephen Mc Bean, con un buon 2/3  dei Black Mountain), erano già esauriti. Rimane solo qualche copia del precedente Axis Of Evol. La maglietta era semplicissima: tre lettere gialle sul petto, "PMT". Troppo da hippie l'altra, invece, con un bel 69 a caratteri cubitali. Acquistandola in fretta e furia, mi sono reso conto solo dopo che quel 69 che non volevo sul petto me lo sono ritrovato, ancora più grande, stampato sulla schiena. Pace fratelli, oramai l'acquisto era fatto e il concerto stava iniziando. Dentro Interzona non si poteva proprio respirare, colpa di un caldo anomalo. La band inizia con una lunga intro per poi attaccare sul serio con il brano Axis: Throne Of Love, la prima track del nuovo disco. Il gruppo ha qualche problema coi volumi, il violino e la voce della vocalist –  Amber Webber? Mi è montato qualche dubbio in proposito –  praticamente non si sono  sentiti per un paio di brani. Poi arriva la farfisa, che non vuole accendersi e le due ragazze, sul palco a piedi nudi, si guardano smarrite mentre gli altri quattro continuano a suonare. A ciò, e considerate le temperature infernali, si aggiunge una continua quanto inascoltata supplica del gruppo per far abbassare i faretti che stavano per cuocere lentamente bassista e vocalist: "killer lights" dirà alla fine il bassista esausto, indicandoli.
La parte centrale del concerto prende la sua buona rivincita, i suoni si fanno più hard rock, più dilatati senza mai ammiccare allo stoner. I 40/50 presenti cominciano ad apprezzare.  Non mancano le sensazioni di trovarsi in una immaginaria jam session tra pink______________mountain______________interzonaBlack Crowes e Arcade Fire, per i violini e le voci angeliche. Speravo in qualche svarione di chitarra nei pezzi più tirati, sullo stile dei possenti Black Mountain, ma in effetti il gruppo non è questo. Passati in rassegna i brani dell'ultimo disco, il cantante tra una canzone e l'altra sembra divertirsi a prendere in giro il giovane batterista, o perlomeno gli invidia l'età (anche se con la barba a me sembrava molto più vecchio):  ‘sti kids con "twentyfuckingthreeyears" fanno quel cazzo che vogliono sembrava dire, ridendo come un maiale.
Insomma il gruppo c'è, ma è un po' moscio come presenza e alla fine, non dà quella scossa che ti saresti aspettato e tra il pubblico un paio di "butei" gridano alle ragazze per tutto il concerto "nude, nude!" con delle urla davvero disumane. Se una delle ragazze fosse inavvertitamente caduta dal palco, non sarebbe risalita viva, credo. Un po' come capitò a un concerto dei Death SS, mi hanno raccontato. In fase conclusiva arriva il pezzo più bello mai scritto da un po' di tempo a questa parte: Outside Love con la sua giusta carica di pathos. Peccato che l'altro bellissimo brano contenuto nell'ultimo lavoro della band While We Were Dreaming (quasi un pezzo dei Low per intensità e bellezza cristallina) non sia proprio stato inserito in scaletta. Un breve bis di routine e tutti a casa che il giorno dopo si lavora. Molto amaro in bocca,  c'è la sensazione che qualcosa sia mancato o forse le aspettative erano diverse, colpa di un disco che, ripeto, è uno dei più belli ascoltati in questo strano 2009.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Mulo Muto & Black/Lava – Worlds Corroding Under Xenomorphs’ Ejaculations…

Dal confine italo-svizzero - ideale punto d’incontro fra le due entità che collaborano in questo progetto – allo spazio profondo…

31 Mar 2022 Reviews

Read more

Md. After Hussain & Paq – Matir Gaan: Songs From…

La musica è sempre fatta da incontri. Che siano due persone, oppure una corda con un dito. Md. After incontra Andrea…

12 Apr 2022 Reviews

Read more

Mattia Coletti – The Land (Bloody Sound Fucktory/Town Tone/Wallace, 2011)

Verso l'opera di Mattia Coletti nutro sentimenti contrastanti: ho amato incondizionatamente ogni suo lavoro in duo, dai Polvere (con Xabier…

14 May 2012 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 26 (23/04/15)

Puntata numero ventisei della terza stagione di The Sodapop Fizz, questa volta l'ospite di Emiliano e Stefano è Attilio Novellino con la…

27 Apr 2015 Podcasts

Read more

Toni Bruna - Fogo Nero (autoproduzione, 2021)

La mente fa strani, stranissimi collegamenti. Evoca piccole cose che, anni fa, hanno lasciato un segno. Formigole. Nel 2011 a Trieste accadde…

14 Feb 2022 Reviews

Read more

VV. AA. - Éxotic Ésoterique Vol. 2…

Mi allineo totalmente ai Bloody Riot (e ai Colonna Infame Skinhead, Pinta Facile, Tear Me Down): odio i freakkettoni e…

26 Apr 2017 Reviews

Read more

Marvin – Hangover The Top (Africantape, 2010)

Continua da parte dell'Africantape l'esplorazione del suono post in tutte le sue sfaccettature. Quello che propongono i Marvin, terzetto francese…

01 May 2010 Reviews

Read more

Giovanni Dal Monte – Visible Music For Unheard Visions…

Non so se avete ascoltato la puntata di Sodapop Fizz che aveva per ospite Alberto Boccardi (se ve la siete…

04 Aug 2015 Reviews

Read more

Firetail - Nylon (VeniVersus, 2018)

Particolare interessante come Vittorio Veneto sia un luogo speciale per la musica: gruppi ed etichette di quella città hanno sempre…

07 Mar 2018 Reviews

Read more

St.ride - Microstorie (Torto Editions, 2021)

Sorprendente ritorno per i genovesi St.ride, arrivati a quello che potremmo definire l'album definitivo. Un disco accessibile (si fa per…

03 Jun 2021 Reviews

Read more

My Dear Killer/Tettu Mortu – Cinque Pezzi Facili, Volume 3…

Due gruppi, cinque pezzi a testa, cinque uscite programmate: torna a distanza di otto anni la serie di split della…

16 Jan 2013 Reviews

Read more

Ufomammut & Lento - Supernaturals Record One (Supernaturalcat, 2007)

Ritornano carichi pesanti e carichi liquidi: una metafora da broker navale che ben sintetizza questo felicissimo connubio. E ancora una…

26 May 2007 Reviews

Read more

Klasse Kriminale – Vico dei Ragazzi (Randale Records, 2020)

Tenere botta per 35 anni, suonando musica senza futuro come il punk è già di per sé qualcosa di incredibile.…

18 May 2020 Reviews

Read more

Shonen Knife – Pop Tune (Damnably, 2012)

"Quando le vidi la prima volta dal vivo, mi trasformai in una isterica ragazzina ad un concerto dei Beatles". Queste…

12 Sep 2012 Reviews

Read more

Skrima - Tapes (Disasters By Chioce, 2018)

Debutto che viene da lontano per Skrima, progetto di Salvo Pinzone in cui come dichiarato dal titolo sono proprio i…

25 Jun 2018 Reviews

Read more

Bluermutt - Decivilize After Consumption (Nexsound, 2008)

Bluermutt ha venticinque anni, vive a Barcellona, ed è la nuova uscita della Nexsound: arrivata alla numero quattro, l'etichetta di…

28 Feb 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top