Pierre Bastienne – Visions Of Doing (Westernvynil, 2008)

Pensavo che la Westernvynil fosse per il pop di gusto o comunque per la musica easy listening e tutto sommato la era e la è, pensavo fosse per la melodia e infatti, nulla da dire, tutto vero e parliamo di un buon CD pur non trattandosi certo di un capolavoro. Pierre Bastiene è un buon musicista che stampa un lavoro di musica melodica e malinconica. Si parte con una "saudade" tutta francese eh sì, non so se il nostro Bastienne sia transalpino o no, ma il taglio della sua musica è quello di molto post-rock melodico e un po’ triste, che è un po’ lo stile della "repubblica baldracca" come la chiamava qualcuno. Canzoni "filmiche" anzi "cinematiche e sognanti" come scrive uno dei più autorevoli consociati di queste pagine e sfido chiunque a dire che non sia musica di questo tipo. Si tratta spesso di piccoli abbozzi suonati con una marimba o come diamine si chiama quel vibrafono di bambu che vostro fratello (quello che "afro anche io perché fa troppo multietnico") ha in casa, strumenti a corde assortiti (anche se in molti pezzi la marimba domina) e poco altro. Le tracce sono lasciate molto scarne il tanto che basta per fare una colonna sonora vagamente etnica. Il risultato a tratti non è male per nulla, ma a volte sembra un po’ accessorio, soprattutto se non corredato di immagine e questo là dove invece altri gruppi reggono anche da soli. Un tipo di atmosfera sonnolenta e annoiata mi ha ricordato un po’ alcune vecchie uscite Too Pure e Bristol in genere, quindi visto che non posso citare i Pram perchè sennò Casari mi cazzia, menzionerò solo la città e quel giro di gruppi anche se qui tutto è un po’ più ridotto all’osso e purtroppo meno incisivo. Il disco è piacevole e si fa sentire tranquillamente, mi ha fatto venire anche la curiosità di vedere i cortometraggi a cui si accompgnerebbero le tracce per capire se con il supporto della pellicola rendono di più, resta comunque una buona raccolta di estratti da colonne sonore "minimali" in piena linea con l’idea del lavorare in video8… certo poi se uno pensa che in video8 Derek Jarman ci ha fatto In The Shadow Of The Sun e compagnia bella… beh, viene da pensare "minimale un par de palle", ma questo l’ho scritto solo per farvi vedere che ho fatto il DAMS e che nel vostro salotto potrei pure citare tutti i titoli dei film di Godard ruttando. Nel calderone potrebbero starci anche dei Tortoise ridotti allo stelo, ma tutto sommato credo che il resto delle coordinate mettano già a fuoco le fotografie di Visions Of Doing.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Sinistri/Ovo - Phonometak Series #3 (Phonometak/Wallace, 2007)

Nuovo capitolo Phonometak e nuova accopiata di nomi conosciuti e, per questa volta, duo tutto tricolore. Partono gli Ovo, ormai…

27 Dec 2007 Reviews

Read more

Marc Urselli ovvero il fonico di John Zorn, Laurie Anderson,…

Negli ultimi anni è apparso con sempre maggiore evidenza quanto sia importane il ruolo del fonico per la riuscita di…

28 Mar 2009 Interviews

Read more

Father Murphy - 19/12/08 Morya (Cellatica - BS)

Mancando pochi giorni al Natale sta a Father Murphy fare gli auguri di buone feste al pubblico intervenuto al Morya…

29 Dec 2008 Live

Read more

Tronco - Primo Annuale E Mezzo Resoconto (Sincope, 2011)

I Tronco escono con Sincope che ha in catalogo pacchi di roba harsh, noise, hardcore ed experimental e va detto…

06 Mar 2011 Reviews

Read more

The Giant Undertow - The Weak (InTheBottle/Shyrec/Indipendead/PopeV, 2016)

Obliquo e un po' sbronzo il folk di Lorenzo Mazzilli è ricco di un mood irresistibile e coinvolgente. A cercar…

21 Oct 2016 Reviews

Read more

AA.VV. - Art Detox 2010 (Ethereal Open Network, 2011)

Disintossicarsi dall'arte: questo l'obiettivo del progetto Art Detox 2010, parte una catena di incontri e iniziative che si svolgono ogni…

22 Dec 2011 Reviews

Read more

Inferno - The Fall And Rise And Fall Of Inferno…

Ritornano per il canto del cigno i capitolini più simpatici degli ultimi anni. Da una parte è un vero peccato…

29 Jan 2013 Reviews

Read more

Bemydelay – Hazy Lights (Boring Machines, 2013)

Dopo le atmosfere eteree e la chitarra in loop di To The Other Side, torna Marcella Riccardi (già in Franklin…

17 Apr 2013 Reviews

Read more

Mamuthones – S/T (Boring Machines, 2011)

Continua il cammino dei Mamuthones che da progetto del solo Alessio Gastaldello (ex Jennifer Gentle) diventa ora un vero gruppo…

05 Mar 2011 Reviews

Read more

Maria Assunta Karini/Francesco Paolo Paladino/Simon Fisher Turner - Ghosts Of…

Terzo volume della serie 13 private sounds per la Silentes, dedicata a soddisfare anche la vista oltre che l'udito: questa…

19 May 2014 Reviews

Read more

Sparkle In Grey - Two sing too swing (Grey Sparkle…

Un album lungo vent’anni. Questo è per me il sunto dell’ultima fatica degli Sparkle In Grey che sono tornati con questo…

04 Nov 2021 Reviews

Read more

Hazardous Waste - Double Penetration (Autoprodotto, 2013)

Ancora loro. Dopo lo sfacelo a tutta velocità del Coche Boogalero dopo solo pochi minuti ritornano gli Hazardous Waste con…

28 May 2013 Reviews

Read more

Lilies On Mars - Wish You Were A Pony (Elsewhere…

Vivono a Londra, ma i due terzi femminili dei Lilies On Mars sono italiani. Lisa e Marina hanno collaborato con…

05 Jun 2011 Reviews

Read more

Vanessa Van Basten - 29/04/10 Locanda di Campagna (Lonato -…

Ritornano a farsi vivi, nell'amata Locanda di Campagna, i Vanessa Van Basten, dopo un anno sabbatico speso a migliorare la…

07 May 2010 Live

Read more

Firetail - Nylon (VeniVersus, 2018)

Particolare interessante come Vittorio Veneto sia un luogo speciale per la musica: gruppi ed etichette di quella città hanno sempre…

07 Mar 2018 Reviews

Read more

Maria Jikuuuuuuuuu – Level 7 (Spettro, 2012)

Dietro al nome d'arte di Maria Jikuuuuuuuuu si nasconde, chi l'avrebbe mai detto, Maria Jiku, ma il numero della vocale…

30 Oct 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top