Pierre Bastienne – Visions Of Doing (Westernvynil, 2008)

Pensavo che la Westernvynil fosse per il pop di gusto o comunque per la musica easy listening e tutto sommato la era e la è, pensavo fosse per la melodia e infatti, nulla da dire, tutto vero e parliamo di un buon CD pur non trattandosi certo di un capolavoro. Pierre Bastiene è un buon musicista che stampa un lavoro di musica melodica e malinconica. Si parte con una "saudade" tutta francese eh sì, non so se il nostro Bastienne sia transalpino o no, ma il taglio della sua musica è quello di molto post-rock melodico e un po’ triste, che è un po’ lo stile della "repubblica baldracca" come la chiamava qualcuno. Canzoni "filmiche" anzi "cinematiche e sognanti" come scrive uno dei più autorevoli consociati di queste pagine e sfido chiunque a dire che non sia musica di questo tipo. Si tratta spesso di piccoli abbozzi suonati con una marimba o come diamine si chiama quel vibrafono di bambu che vostro fratello (quello che "afro anche io perché fa troppo multietnico") ha in casa, strumenti a corde assortiti (anche se in molti pezzi la marimba domina) e poco altro. Le tracce sono lasciate molto scarne il tanto che basta per fare una colonna sonora vagamente etnica. Il risultato a tratti non è male per nulla, ma a volte sembra un po’ accessorio, soprattutto se non corredato di immagine e questo là dove invece altri gruppi reggono anche da soli. Un tipo di atmosfera sonnolenta e annoiata mi ha ricordato un po’ alcune vecchie uscite Too Pure e Bristol in genere, quindi visto che non posso citare i Pram perchè sennò Casari mi cazzia, menzionerò solo la città e quel giro di gruppi anche se qui tutto è un po’ più ridotto all’osso e purtroppo meno incisivo. Il disco è piacevole e si fa sentire tranquillamente, mi ha fatto venire anche la curiosità di vedere i cortometraggi a cui si accompgnerebbero le tracce per capire se con il supporto della pellicola rendono di più, resta comunque una buona raccolta di estratti da colonne sonore "minimali" in piena linea con l’idea del lavorare in video8… certo poi se uno pensa che in video8 Derek Jarman ci ha fatto In The Shadow Of The Sun e compagnia bella… beh, viene da pensare "minimale un par de palle", ma questo l’ho scritto solo per farvi vedere che ho fatto il DAMS e che nel vostro salotto potrei pure citare tutti i titoli dei film di Godard ruttando. Nel calderone potrebbero starci anche dei Tortoise ridotti allo stelo, ma tutto sommato credo che il resto delle coordinate mettano già a fuoco le fotografie di Visions Of Doing.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Ffatso - Mano Nera (Setola Di Maiale, 2009)

Un nuovo disco targato Setola Di Maiale in ambito più marcatamente jazzistico: l’amore di Stefano Giust per il genere ed…

16 Jul 2009 Reviews

Read more

Peter Kernel - White Death Black Heart (On The Camper,…

Dalla Svizzera con furore. E' proprio il caso di dirlo, visto che mi ero imbattuta in un live dei Peter…

26 Oct 2011 Reviews

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 8 (27/11/14)

Ottava puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano in diretta da soli per la defezione dell'ospite,…

01 Dec 2014 Podcasts

Read more

Strongly Imploded - Why Use A Proxy? (Ikuisus, 2009)

Per quanto non ci sia alcuna specifica all’interno del cd se non delle sigle, guardando sulla loro pagina myspace ho…

23 Jul 2009 Reviews

Read more

Patrizia Oliva - Arberia (Setola Di Maiale, 2012)

Patrizia Oliva ha da qualche anno abbandonato il suo pseudonimo Madame P presentandosi con nome e cognome, continuando a pubblicare…

08 Jan 2013 Reviews

Read more

Chevreuil - Fils Unique 7" (Collectif Effervescence, 2007)

Math rock strumentale, un duo chitarra e batteria, per di più registrato al solito in modo impeccabile in presa diretta…

23 Jan 2007 Reviews

Read more

Seaside Postcards - Hope And Faith (Autoprodotto, 2012)

E di nuovo la formula 'Meglio tardi che mai', dettata da impegni e rompimenti irrinunciabili vari, mi porta a parlare…

10 Jan 2013 Reviews

Read more

Airchamber 3 - Crumble (Amirani, 2008)

L’approccio non è dei più semplici, i rumorismi e le frequenze gelide e austere di In A Foreign Land, il…

05 Jun 2009 Reviews

Read more

Luciano Maggiore & Francesco “Fuzz” Brasini - Chàsm Achanés (Boring…

Con la benedizione di Santandreadegliamplificatori e del giro bolognese più sperimentale Luciano Maggiore e Francesco Brasini, assistiti da Mattia Dallara…

16 Feb 2011 Reviews

Read more

Lucertulas – The Brawl (Robotradio/MacinaDischi, 2010)

E venne il giorno della Lucertola. Dal precedente Tragol Del Rova ci dividono due anni e mezzo e decine di…

30 May 2010 Reviews

Read more

Carver - Raw (Setola Di Maiale, 2010)

Strani casi di omonimia, infatti questo gruppo si chiama come un combo emo-core/indie rock che qualcuno ricorderà di spalla ai Locust.…

27 Jan 2011 Reviews

Read more

My Disco - Little Joy (Shock/Temporary Residence, 2010)

I melbournians My Disco con questo Little Joy rispettano in pieno la regola aurea del rock and roll: infatti, come…

10 Jan 2011 Reviews

Read more

3eem - Matilda (White Label Music, 2008)

Dopo un CD ed un 7" su Small Voices, i 3eem pubblicano adesso in UK per la label di un…

15 Apr 2008 Reviews

Read more

Ulna - Frcture (Karlrecords, 2008)

Se cercate questo disco su Google trovetere "A ulna fracture is an injury to one of the bones in the…

21 Sep 2008 Reviews

Read more

Kajsa Lindgren – WOMB (Hyperdelia, 2018)

Seconda uscita per l’etichetta berlinese Hyperdelia, WOMB, lavoro della sound artist Kajsa Lindgren, che partendo da una base di field…

01 Aug 2018 Reviews

Read more

Josco - Kahn Tam-ngan Roum Kan (Somehow, 2012)

Quando la situazione scappa di mano: l'irlandese Gerard McDermott aka Josco era intenzionato a pubblicare qualche remix del suo EP…

14 Jan 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top