Peter Kernel – White Death Black Heart (On The Camper, 2011)

Dalla Svizzera con furore. E' proprio il caso di dirlo, visto che mi ero imbattuta in un live dei Peter Kernel un paio di anni fa in quel di Lugano e non mi erano sembrati una band così convincente come questo nuovo disco invece dimostra.
Dal 2005 la band cantonticinese – canadese per un terzo, per essere precisi – si cimenta in qualcosa che mette insieme arte e post punk. Per una mini etichetta che sforna poche cose, ma molto interessanti, i Peter Kernel fanno un passo a gamba tesa in casa indie, dove le fondamenta sono a cura dell'avantguarde dei bei tempi andati (ormai good oldies). Penso subito ai Sonic YouthI'll Die Rich At Your Funeral – o ai FevedreamHello My Friend – e non mi mi sembra che ci siano parole migliori per descrivere la tipologia di sonorità che i tre sparano in velocità tra ritmi serratissimi e fraseggi dissonanti – Make, Love, Choose, Take -.
Riesco anche a trovare un aggancio con la ruvida genialità blues di Jack White – ovviamente non quando suona con Meg White, cosa che gli perdono a fatica – in There's Nothing Left To Laugh About che mi pare tanto semplice quanto splendida. La voce di Barbara è quasi sempre improntata a seguire la strada disegnata da Kim Gordon, ossessionante e tagliente mentre snocciola anatemi – Panico! This is love o Want you dirty, want you sweet. La dozzina di tracce è una decisa botta energetica – e non solo musicale: "We don't care about having something fast, making something last…party drugs, fashion girls, power people" – che non abbassa mai la guardia The Peaceful e mi dà ragione di pensare che vale la pena divulgare il più possibile un lavoro come questo e cercare una loro data live nella speranza che sia godibile quanto questo secondo album.
La stima nei confronti dei Peter Kernel aumenta esponenzialmente anche pensando che Aris e Barbara, il grafico chitarrista e la videomaker bassista, fondatori del progetto, gestiscono On The Camper Records (la mini etichetta sopracitata) e, giusto l'anno scorso, hanno ricevuto un riconoscimento e un sostegno finanziario come terza etichetta musicale indipendente più interessante della Svizzera…Mah…sarà che, essendo diventata varesina, pare che dovrei snobbare il più possibile gli svizzeri, ma forse è da troppo poco che lo sono e non ho ancora imparato…o forse, a pensare a come gira in Italia, al massimo mi viene solo da essere positivamente invidiosa…meditate gente, meditate…

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Lule Kaine - Radiations From Futurist Furniture (Chew-Z, 2008)

Ricordavo di aver già sentito qualcosa di questi Lule Kaine anche se non ricordo esattamente cosa e dove, ma questo…

03 Apr 2008 Reviews

Read more

Live Footage – Plays Jay Dee (Autoprodotto, 2012)

I Live Footage sono Mike Ties, batteria e tastiere, e Topu Lyo, violoncello. E il Jay Dee del titolo è…

05 Jul 2012 Reviews

Read more

Kinetix/Pylone - Sonology (Sound On Probation, 2010)

L'etichetta francese Sound On Probation è il mezzo che il musicista elettronico Laurent Perrier usa per pubblicare in completa autonomia…

04 Nov 2010 Reviews

Read more

Nicola Guazzaloca/Tim Trevor Driscoe/Slizard Mezei – Underflow (Leo, 2011)

Dopo lo splendido debutto di One Hot Afternoon ritorna la coppia Nicola Guazzaloca - Tim Trevor Briscoe che per l'occasione…

17 Oct 2011 Reviews

Read more

9cento9 - Land3 - Lletor (Chew-Z, 2007)

Se 9cento9 ai più resta un nome nuovo ad onor del vero Marco Milanesio, il titolare di questo progetto, è…

30 Dec 2007 Reviews

Read more

Panel Of Judges + The Aesthetics + Zond + Hissey…

Serata di band locali assieme ai "cugini" neozelandesi The Aesthetics in uno dei locali con la più lunga tradizione per…

20 Sep 2010 Live

Read more

Psychofagist W/Napalmed – Songs Of Faint And Distortion (Fobofile, 2013)

Un occhio al cuore ed un occhio alla testa. I mangiatori di psiche non hanno mai perso di vista il…

29 Apr 2013 Reviews

Read more

The Poison Arrows - First Class, And Forever (File Thirteen,…

Bastano pochi istanti per riconoscere la voce, per me inconfondibile, di Justin Sinkovich, a suo tempo frontman degli Atombombpocketknife, autori…

05 Oct 2009 Reviews

Read more

Alcalde De La Noche - Fantasía Ibiza (Marsiglia, 2020)

La musica truzza ha un nuovo re, anzi un nuovo sindaco: Alcalde De La Noche, il progetto italo disco dei…

11 Aug 2020 Reviews

Read more

Ask The White - Sum And Subtraction (Ammiratore Omonimo /…

I componenti del duo Ask The White hanno già un notevole percorso artistico alle spalle. Isobel Blank, cantautrice e artista…

12 Oct 2018 Reviews

Read more

Buffalo Grillz - Manzo Criminale (Subsound, 2012)

Grind ad alzo zero, una linearità di esecuzione ed una fantasia negli arrangiamenti pari a quella di un gibbone chiuso…

20 Feb 2013 Reviews

Read more

Attilio Novellino - Strängar (Forwind, 2020)

Sicuramente per un musicista come Attilio Novellino l’aggettivo “poliedrico” non è usato a sproposito: da lui non si sa mai…

06 Oct 2020 Reviews

Read more

Turner Schimana – Dope Beat Rosengarten (Chmafu Nocords, 2012)

Già un'altra volta, per il disco del Pivot Quartet, la Chmafu aveva dato alle stampe il lavoro di musicisti incontratisi…

04 Mar 2013 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra - Tarlo Terzo (Wallace, 2008)

Nuovo Bachi Da Pietra, di cui immagino sentirete abbondantemente parlare visto che oltre a godere di una buona attenzione da…

16 Oct 2008 Reviews

Read more

My Dear Killer – The Electric Dragon Of Venus (Boring…

Sorprende vedere come un'etichetta nota per la musica di ricerca come la Boring Machines stia, col tempo, accogliendo sotto la…

13 Mar 2013 Reviews

Read more

The Magik Way - Il Rinato (My Kingdom, 2020)

Sono probabilmente un caso unico gli alessandrini The Magik Way, fazione fuoriuscita dallo storico ensemble metal dei Mortuary Drape per…

09 Feb 2021 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top