Persian Pelican – How To Prevent A Cold (Autoprodotto, 2012)

Placidamente pop. Indie pop. Elettroacusticamente indie pop. Questo giusto per tentare di riassumere in maniera funzionale il secondo lavoro, dopo quattro anni dall’esordio, di questo progetto. Il classico album-gioiellino che mi fa sorridere nelle fredde mattinate in cui il sole scioglie la – poca per fortuna – neve sui prati. Melodie semplici – ma solo in apparenza… basta ascoltare la sbilenca Overcast Sky o la splendida title track tutta arpeggi che si trasformano in riff quasi elettronici e cambi di tempo improvvisi per rendersene conto – e di forte impatto emotivo. Un Vic Chesnutt nostrano – trasferitosi momentaneamente in quel di Barcellona – che mette mano al songwriting tipicamente prodotto negli States per innestarlo con un neofolk che risulta sempre leggero e ottimamente suonato da Andrea Pulcini che si avvale di preziosi arrangiamenti con alla fisarmonica Paolo Testa e al violoncello Francesco Testa. I testi dei Persian Pelican sono cuciti attorno a tristi storie che parlano del famigerato gioco al massacro di alcuni rapporti sentimentali e prendono spunto da eventi autobiografici, citazioni cinefile (a quanto pare Pulcini è appassionato di cinema iraniano) e un certo crepuscolarismo – Gozzano soprattutto -. Spesso però, devo dire, questa dichiarazione di intentata tristezza cozza con la melodia che invece, almeno per me, profuma di delicata positività (certo, avrei dovuto capire che Glass Fragments In The Soup o There’s No Forever For Us non parlavano di niente di buono, ma insomma…)- Little Red Riding Hood, Indian Ink -. Sottoscrivo la definizione di How To Prevent A Cold come un insieme di paesaggi sonori, dodici tracce che, al contrario di come recita il titolo dell’album, non forniscono nessuna ricetta nè soluzione. Raccontano solo a chi ascolta, ma lo fanno egregiamente. E che siano storie piacevoli o meno, sono proprio ben raccontate.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Larkin Grimm con Rosolina Mar - 25/07/08 Arci Kroen (Villafranca…

Chi si aspettava la "solita" esibizione dei Rosolina Mar sarà rimasto deluso: stasera niente cavalcate hard blues, niente rock strumentale,…

10 Aug 2008 Live

Read more

Nytt Land – 14/09/2019 VII Midgard Viking Folk Fest (Viadana…

Sono insolite connessioni culturali quelle che portano, in questa notte di luna piena e rossa, i siberiani Nytt Land (quattro…

17 Sep 2019 Live

Read more

Langhorne Slim - 25/06/09 Arci Kroen (Villafranca - VR)

Il maltempo, che ha caratterizzato l'inizio dell'estate, segna profondamente anche questa serata: prima un forte acquazzone respinge il tentativo di…

02 Jul 2009 Live

Read more

David Tangye/Graham Wright - How Black Was Our Sabbath (Pan,…

Il titolo e gli strilli sulla copertina promettono succosa ignoranza e lasciano presagire aneddoti da scambiarsi, la sera, di fronte…

22 Aug 2007 Reviews

Read more

Suzanne's Silver - The Crying Mary (Radio Is Down, 2007)

Sicilia, Uzeda, noise rock, post-rock... fin troppo facile dirlo visto che sono compari di etichetta dei Bellini e che il disco è…

16 Sep 2007 Reviews

Read more

The Star Pillow – 12/11/2016 Olandese Volante (Gazzuolo – MN)

È davvero un caso più unico che raro che qualcosa di veramente interessante passi dalla provincia mantovana, specie per la…

18 Nov 2016 Live

Read more

Daniel Lercher - Missa Brevis (Chmafu Nocords, 2015)

Continuano le uscite interessati dell'austriaca Chmafu, questa volta si tratta del disco di Daniel Lercher Missa Brevis, tratto da una…

05 Sep 2016 Reviews

Read more

Vanessa Van Basten - Ruins: Sketches And Demos (Solar Ipse,…

Superbo atto che chiude una fase per una delle più importanti e sottovalutate band indipendenti del panorama italiano. Il CD,…

03 Apr 2015 Reviews

Read more

Khem - Magma 4 (Luce Sia, 2019)

Seppure in eterno ritardo temporale rispetto all' uscita, è doveroso segnalare questo lavoro altamente concettuale: la band, o forse per…

16 Jan 2020 Reviews

Read more

Snail Mail - Lush (Matador, 2018)

Quanti dischi indierock avete sentito in questi anni che avevano tutto al posto giusto ma non vi dicevano in realtà…

03 Jul 2018 Reviews

Read more

Acid Baby Jesus - Selected Recordings (Slovenly, 2014)

Interessantissima seconda uscita per questa bizzarra formazione greca che all'occasione si è rifugiata in un'isoletta dell' Egeo al fin di…

27 Jan 2015 Reviews

Read more

Port Of Souls - The Life And The Damage Done…

Ancora garage roll al fulmicotone. Dopo qualche assestamento nella formazione ritorna il quartetto meneghino più californiano della barriera di…

23 Nov 2011 Reviews

Read more

La Morte + Valerio Cosi – 27/04/2014 Santa Maria In…

Una notte di freddo e acqua a catinelle che più della fine di aprile pare annunciare l’inizio dell’autunno, l’Adige gonfio,…

16 May 2014 Live

Read more

Ka Mate Ka Ora – Entertainment In Slow Motion (Deambula,…

Dopo l'esordio elogiato da parecchi Thick As The Summer Stars e recensito su queste pagine, tornano i pistoiesi Ka Mate…

17 Jan 2011 Reviews

Read more

Zu – 20/08/10 Festa di Radio Onda d’Urto (Brescia)

Riprende la stagione concertistica dopo un'estate trascorsa senza grandi sussulti. Sarà che sono ancora in clima da giorni vacanzieri, ma…

04 Jul 2010 Live

Read more

Dao De Noize - Ishtar Voice (Sincope, 2012)

Sincope pubblica il CD dell'ucraino Artem Pismenetskii aka Dao De Noize, progetto attivo solo da un paio di anni ma…

25 Jul 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top