since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Pepper And Bones – _one (Nonine, 2009)

Per la serie meglio tardi che mai, eccomi qui a recensire altro materiale su Nonine e non posso che suggerirvi nuovamente di andarvi a fare un giro sull’etichetta e ad assaggiare i gruppi, soprattutto se l’elettronica di classe e la roba molto melodica non vi lascia insensibili. Si tratta nuovamente di un progetto che vede coinvolto Me Rabenstein, patron dell’etichetta e primo motore di quasi tutti i gruppi della scuderia. A quanto pare di Rabenstein non mi sono accorto solo o qualche altro sfigato, infatti è appena uscita una compilation di classica moderna in cui oltre a Murcof, Alva Noto, Philip Glass, Gavin Bryars ed altri pezzi da novanta compare anche lui con il suo progetto Slowcream che abbiamo recensito su queste stesse pagine.
Il taglio vagamente notturno di Rabenstein rimane, ma i Pepper And Bones non sono per nulla immuni da un gusto molto nero, quasi soul-funk per il tipo di impostazione tanto da piacere al nostro Bobby Soul, il groove quando deve uscire esce e senza troppa vergogna, invece nel caso di altre tracce si tratta comunque di atmosfere raffinate e molto black. Dura fare degli accostamenti, dato che certe cose potrebbero ricordare gli ultimissimi Telefon Tel Aviv se fossero stati meno R&B e più jazz, lounge certe cose del giro delle compilation The Future Sound Of Jazz della Compost per chi se lo ricorda. Come è lecito aspettarsi c’è la voce, ma non si tratta di una voce invasiva, come in molta musica elettronica naviga sulla traccia ma non la guida a mo’ di dittatore, si tratta di uno degli elementi che compongono l’immagine del quadro. Se l’elettronica da club per voi ha rappresentato una delle migliori alternative per l’evoluzione di un certo jazz-funk melodico, se DJ Shadow e molti di quelli che abbiamo menzionato non vi hanno lasciato impassibili il catalogo Nonine riserva delle chicche notevoli. Sorprende pensare che un gusto così pieno di patos soul-lunge provenga da un tedesco di Berlino, come a dire che la terra forse non è così rotonda e grande come sembra.

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

Back to top