Paolo Sanna – Oggetti Smarriti (Setola Di Maiale, 2011)

Un solo pezzo, di 28 minuti e 20 secondi, ma che scorre veloce, dinamico, ricco e vario, anche se scritto ed eseguito da un singolo musicista. Un solo, ma che non suona come un solo, perché le percussioni di Paolo Sanna sono una piccola orchestra di suoni e di strumenti percussivi. Strumenti che non suonano, come spesso accade, come un groviglio di suoni stratificati uno sopra l’altro, ma come un’esecuzione musicata da più persone con una partitura, con dei tempi e delle pause ben definite. Scordatevi però di sentire il rullante come lo avete sempre sentito, o una gran cassa o un timpano, niente di tutto ciò, ma ascolterete una serie di strumenti tra cui molle, corde, lamiere, ingranaggi che tramite la risonanza delle pelli e dei fusti prendono forma e vita. Sanna suona in solo ed è cooleader, insieme a Elia Casu, del duo OnGaku2, Collettivo di Resistenza Culturale. Collabora col Moex Ensemble e con altri progetti. Non un novellino, questo è certo, e lo si percepisce facilmente ascoltando la varietà dei colori sonori che riesce ad utilizzare e a modellare in tempo reale, ma soprattutto all’utilizzo delle pause, del vuoto, del silenzio. Improvvisazione come mezzo compositivo, come filosofia e infine come esecuzione. Pratica di molti, ma ben riuscita a pochi, come in questo caso.

http://myspace.com/paolosanna

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Glorytellers + Guapo - 26/09/08 Interzona (Verona)

L'abbinamento era parso anomalo fin dall'inizio: i paladini della nuova ondata prog coi reduci della più fertile stagione dell'indie, l'elettricità…

27 Sep 2008 Live

Read more

Great Lake Swimmers - Ongiara (Nettwerk, 2007)

Sempre in sordina, e non poteva essere altrimenti, i "nuotatori del grande lago" mi sono sempre piaciuti, sarà per il…

20 Jul 2007 Reviews

Read more

Dogs For Breakfast - Rose Lane Was Tucker’s Girlfriend (Subsoud,…

Nell'esplorazione del nuovo underground italiano i Dogs For Breakfast si incastonano perfettamente tra le facce più interessanti di quest'anno.…

25 Jun 2010 Reviews

Read more

Hanam Quintet Featuring Tristan Honsinger - S/T (Aut, 2013)

In quel confine tra jazz e contemporanea c'è un altro mondo musicale e in questa settima pubblicazione della Aut rec,…

15 Jan 2014 Reviews

Read more

German Army – Animals Remember Human (Arte Tetra/Crash Symbols, 2020)

Nonostante le oltre 80 uscite i German Army  non erano mai comparsi sulle nostre pagine; a sopperire alla mancanza ci…

10 Apr 2020 Reviews

Read more

Haulin'Ass - Towards Which Future (Vacation House, 2009)

Mutando appena-appena il campione (La Dolce Vita, direi) che chiude il disco, verrebbe da dire agli Haulin'Ass che “dovrebbero riuscire…

01 Jun 2010 Reviews

Read more

Koji Asano - Travel Coupons (Solstice, 2012)

Il compositore Koji Asano pubblica Travel Coupons, il suo primo disco dell'anno 2012, come sempre rigorosamente autoprodotto sulla sua etichetta…

28 Dec 2012 Reviews

Read more

Electric Electric - Discipline (Africantape/Herzfeld/Kythibong/Murailles Music, 2012)

Combo francese dedito ad un math rock sfrenato e contagioso questi Electric Electric, che con Discipline registrano un disco davvero…

07 Dec 2012 Reviews

Read more

Ultraviolet Makes Me Sick - Stuck In The Room Full…

In questo periodo tutto intorno a me parla di elezioni e divisioni varie tra buoni e cattivi, eppure io non…

15 Apr 2008 Reviews

Read more

The Haunting Green – Natural Extinctions (Hypnotic Dirge, 2019)

Al primo incontro con The Haunting Green, era l’epoca del single club della Final Muzik, il duo di Pordenone ci…

21 May 2019 Reviews

Read more

TV Buddhas – S/T (Troast, 2010)

Mickey Triest, batterista dei TV Buddhas, è una gran rompiballe, ci annuncia il comunicato stampa (redatto dal marito, nonchè chitarrista…

05 Apr 2010 Reviews

Read more

Helios - Eingya (Type, 2006)

Paesaggi dipinti da un piano, pizzicati dolcemente da una chitarra e che descrivono i cicli delle stagioni e degli stati…

21 Nov 2006 Reviews

Read more

M. Moynihan & D. Søderlind – Lords Of Chaos (Tsunami,…

Arriva anche in Italia, per meritoria opera della Tsunami Edizioni, la corposa inchiesta che indaga fatti e misfatti della scena…

08 Jan 2011 Reviews

Read more

Daniele Brusaschetto – Cielo Inchiostro (Bosco, 2012)

Daniele Brusaschetto è purtroppo uno dei segreti meglio custoditi della musica italiana. Non solo della musica underground, indie, indipendente o…

28 Jan 2013 Reviews

Read more

Deerhoof - La Isla Bonita (Clapping, 2014)

Nel bene o nel male i Deerhoof li abbiamo amati un po' tutti. O meglio: tutti abbiamo passato un periodo…

12 Feb 2015 Reviews

Read more

Attilio Novellino/Collin McKelvey - Hyperhunt (Random Numbers, 2017)

La Split Series della Random Numbers nasce con l’intento di documentare su nastro la scena italiana più sperimentale. Questo quinto…

02 Mar 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top