Palumbo/Tommasini – The Hunting Dog Of Bootes The Hersman (Chew-Z, 2010)

Questo disco è quello che si suol dire una gran bella sorpresa, immagino che qualcuno di voi dirà che era anche auspicabile visto chi ci suona sopra, ma per me non era così scontata come cosa. Oltre a Tommasini e Palumbo (Larsen e (r)), Evor Ameisie, Paul Beauchamp (Black Cave Salamander) e vari ospiti fra cui Marco Milanesio, Andrew Liles, Johnny Cakes, ma resta che i titolari del progetto sono i due citati nel titolo della recensione.
Perché si tratta di una bella sorpresa? Perché seppur molte cose di Palumbo siano sempre su un ottimo livello, spesso mi colpivano fino ad un certo punto, de gustibus, resta che questo lavoro ha quel qualcosa che invece non trovavo in altri lavori che lo coinvolgevano. Seppur alcuni suoni di tastiera di Ameisie non mi esaltino e molte cose siano sempre molto spinte fino al confine col kitsch, in realtà l'equilibrio e l'ispirazione di cui è carico questo disco bilancia tutto in tracce che al di là dell'ottima registrazione, dell'esecuzione e della costruzione, regalano momenti davvero belli. Un pezzo come Trattato Sulla Natura Delle Stelle Per Voce Ed Harmonium ad esempio fra cantato recitato in stile documentario e apertura lirica, rischia parecchio l'azzardo ed invece proprio per questo finisce per trionfare dove molti altri si arenerebbero, ma ripeto l'atmosfera è davvero notevole. Si tratta di un disco molto particolare: romantico, fra venature dark, rock, wave e quasi classiche… malinconia grattuggiata su tutto ed un gusto che porta Palumbo, Tommasini e soci sempre in quel limbo post-industrial, post-dark dove giocano Current 93, Nurse With Wound e famiglia pasticciando con i generi le categorie e i deliri di chi suona nella linea d'ombra dell' "in the shadow of the sun" (e mi scuso per questa citazione da caciottaro pseudo-intellettuale). Un disco molto sopra le righe, in cui i remix risultano interessanti ma il grosso del lavoro è fatto dai protagonisti e nulla da dire. Tirate fuori cerone bianco e la foto di Marc Almond, è arrivato il tempo di attraversare la depressione dell'inv(f)erno.

Tagged under: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Andrea Giotto: With Love, Squadra Omega, Be Maledetto e molto…

Andrea Giotto non è un parente alla lontana del celebre pittore toscano e non è neppure famigliare del magnate dei…

09 Mar 2011 Interviews

Read more

Papier Tigre - Recreation (Africantape/Murailles Music, 2012)

Un amico entra in casa mentre ascolto Recreation ed esclama:"Ah. Sei nel periodo Shellac?". Ok. Magari non è proprio l'amico,…

03 Apr 2012 Reviews

Read more

Arrington De Dyoniso + Sabot – 20/03/10 C.S. Bruno (Trento)

Bella scoperta il Bruno, centro sociale anormalmente pulito e dagli orari di inizio e fine concerti insolitamente umani, sito in…

20 Mar 2010 Live

Read more

Donato Epiro – Fiume Nero (Black Moss, 2014)

Era un po’ che Donato Epiro, impegnatissimo coi suoi Cannibal Movie, non si faceva vivo con un disco a suo…

22 May 2014 Reviews

Read more

Mattia Coletti – The Land (Bloody Sound Fucktory/Town Tone/Wallace, 2011)

Verso l'opera di Mattia Coletti nutro sentimenti contrastanti: ho amato incondizionatamente ogni suo lavoro in duo, dai Polvere (con Xabier…

14 May 2012 Reviews

Read more

Sonic Wolves - Before the End Comes (Taxi Driver, 2016)

L'inarrestabile  Gianni "Vita" Vitarelli (Ufomammut, Rogue State) nonostante la prossima soglia delle cinquanta primavere non sembra patire il peso del…

07 Oct 2016 Reviews

Read more

Ed Wood Jr – Silence (Swarm Records, 2011)

"Inspired by Don Caballero, Battles or Monument To Masses", dicono le note stampa che accompagnano Silence e davvero questa recensione…

13 Dec 2011 Reviews

Read more

Corrado Altieri – Less (Azoth, 2019)

Con Less Corrado Altieri dismette i panni brutali del terrorista sonoro celato sotto il nome di Uncodified per esplorare territori…

01 Oct 2019 Reviews

Read more

Appunti per un'(auto)analisi del collezionista

Siamo una nicchia del mastodontico mercato del suono. Non siamo neanche un ingranaggio perchè i soldi che girano nel nostro…

09 Aug 2006 Articles

Read more

Red Sector A – Transients (Silentes, 2014)

La metà dei ’90 passati a riempire le piste da ballo alternative di mezza Europa, nascosto sotto vari pseudonimi, poi…

17 Jun 2014 Reviews

Read more

Vitas Guerulaitis – S/T (Cheap Satanism, 2011)

Tempo fa (quando? boh!) l'avrebbero chiamato art-rock, per dare un nome a certi ritmi sghembi e a voci storte e…

16 Dec 2011 Reviews

Read more

Movie Star Junkies - Son Of The Dust (Outside Inside,…

Mi piacerebbe parlare di questo nuovo recentissimo album dei Movie Star Junkies, fuori per Outside Inside Records esclusivamente in formato…

18 Apr 2012 Reviews

Read more

Impossible Hair - What Is The Secret Of Impossible Hair…

Pop rock molto semplice e vintage per gli Impossible Hair, e quando dico pop rock non parlo di qualcosa che…

17 Mar 2009 Reviews

Read more

The Caretaker – Patience (After Sebald) (History Always Favours…

Album ambizioso a nome The Caretaker, ovvero Leyland James Kirby. In un attimo Patience ti conduce ti trasporta in…

27 Aug 2012 Reviews

Read more

Attilio Novellino - Through Glass (Valeot, 2012)

Attilio Novellino abbandona il monicker Un Vortice Di Bassa Pressione e si presenta col proprio nome per il suo secondo…

24 Apr 2012 Reviews

Read more

Daniele Brusaschetto – Flyng Stag (Wallace/Bandageman/Bosco/Solchi Sperimentali, 2019)

Non c’è traccia di nostalgia nel ritorno metallaro di Daniele Brusaschetto. D’altra parte, perché averne? Lui il genere l’ha sempre…

05 Nov 2019 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top