Oxbow + Monsieur Gustavo Biscotti – 18/11/09 Arci Kroen (Villafranca – VR)

Può capitare che uno stato d'animo non proprio sereno modifichi la percezione delle cose, è normale. Quindi ci sta che in un periodo abbastanza… doom, un concerto la maggior parte dei presenti giudichi epocale, a me appaio "solo" molto bello. Ma trattandosi di gente della massima fiducia, mi limito quindi alla fredda cronaca, priva di giudizi troppo evidentemente alterati. Fidatevi di loro. Quando entro nel locale Eugene Robinson non c'è ancora; il soundcheck se lo sono fatti solo i tre strumentisti e hanno stipato il palco all'inverosimile, tanto da costringere i Monsieur Gustavo Biscotti, il gruppo di spalla, ad emigrare su una pedana nella stanza adiacente. Per loro quattro pezzi in venticinque minuti e un genere che, con l'inserimento di un chitarrista a fianco dei due bassi, aggiunge la particella -rock al prefisso post-, cancellando il precedente -core. Si è dalle parti dei Floor meno sludge, coi suoni che si fanno liquidi, trattenuti solo dalla batteria potente e accompagnati, novità, da qualche vocalizzo: si aprono nuove prospettive oxbow_______________oxbox___kroen02per il futuro, magari pure quella di un nome nuovo. Il batterista degli Oxbow dimostra di apprezzare. Intanto mr. Robinson ha fatto la sua comparsa: mi immaginavo una specie di Evander Holyfield, ma oltre ad essere più basso di quello che mi aspettassi, con una palandrana nera che lo fa apparire meno gonfio, la cuffia fin sugli occhi, il baffo sottile e la dentatura cavallina, mi ricorda piuttosto…cazzo, Eddie Murphy! È così che il nostro si presenta al prologo del concerto, un minuscolo set montato a pianterreno e tre canzoni cantate senza alcuna amplificazione, con chitarra, contrabbasso e batteria ridotta al minimo ad accompagnare. Nella suggestiva location, col pubblico stipato sulla scala e sulla balconata che si affaccia sulla zona bar, spicca su tutto un'Angel davvero suggestiva in queste vesti. Poi si sale, il gruppo prende possesso degli strumenti elettrici mentre Robinson, nascosto dietro la colonna di amplificatori del basso, si mette in ghingheri: capelli crespi pettinati all'indietro con sciccosa striatura grigia, giacca, cravatta e panciotto neri, pantaloni in tinta. Non che durino oxbow_______________oxbox___kroen01molto: giacca e cravatta spariscono alla fine del primo pezzo, la camicia nel secondo e alla volta del quarto la livrea è questa: panciotto indossato sul torso nudo, agghiaccianti slip aderenti bianchi con la scritta Israel sulle chiappe, scarpe e calzini; fortunatamente non si spingerà oltre. Sarà un caso, ma è a questo punto che il concerto si impenna: cadenze che si interrompono bruscamente, ritmi che si spezzano, il tutto sottolineato dal movimenti a scatti del frontman, ora nel suo ambiente naturale, alle prese con una musica che più che una mazzata, come mi aspettavo, è una rasoiata continua. Inevitabili le concessioni alla mitologia del gruppo: un concerto senza che Eugene si tocchi ripetutamente il pacco e non infili il microfono a far compagnia ai genitali sarebbe come se a uno degli AC/DC Angus non si esibisse nel suo proverbiale passo. La scaletta verte sul recente A Narcotic History, con qualche puntata nel passato e con Robinson che dà sfogo a tutto il repertorio, dalle moine agli urli belluini, entrando, dove la coolness newyorkese sembra prevalere, con la grazia di un elefante in una cristalleria. Va da sé che, col benestare degli strumentisti, la cristalleria si trasforma subito in una fonderia. Eppure è musica che, nonostante l'impatto puramente hardcore, rimane profondamente blues ed è capace di far cogliere molto al di là della violenza di facciata. Mi sa che i molti hanno ragione: concerto dell'anno.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Majak - Scavengers (Autoprodotto, 2014)

Hardcore apocalittico e senza compromessi per questa agguerrita pattuglia genovese. Un brillante esordio dove scorgiamo tanto i cicloni ascensionali dei…

04 Nov 2014 Reviews

Read more

Plasma Expander - S/T (Wallace/Here I Stay, 2007)

L'ennesimo frutto del sottobosco che esordisce su Wallace? Degli esordienti?...direi che sì per la prima, visto tratta di un esordio,…

31 Jan 2007 Reviews

Read more

Luca Sigurtà - Bliss (Fratto9 Under The Sky, 2012)

Luca Sigurtà pubblica per la Fratto9 di Gianmaria Aprile il disco solista Bliss, che va ad aggiungersi ad una folta…

24 May 2012 Reviews

Read more

Neal Morse - One (InsideOut, 2004)

Vi interessa un parere sul Prog da profana? Dio esiste. Non me ne ricorderò più solo quando bestemmio. Per chi…

25 Sep 2006 Reviews

Read more

The Asstemians – S/T (Neonparalleli/HYSM?, 2014)

Il nome prometteva male, le facce in copertina pure peggio. L’ascolto… Dio ce ne scampi! Mirko Spino, braccio e mente…

24 Jun 2014 Reviews

Read more

Kongrosian - The Exit Door Leads In (Aut, 2012)

Non sempre quando si mettono assieme personaggi/musicisti importanti e con una lunga storia di collaborazioni la ciambella deve per obbligatorietà…

09 Jan 2013 Reviews

Read more

Liars - Liars (Mute, 2007)

Liquidare questo quarto album dei Liars come il loro album più pop sarebbe fin troppo facile, però essendo questo…

17 Sep 2007 Reviews

Read more

Guided By Voices - The Bears For Lunch (Fire, 2012)

Parlare del nuovo disco dei Guided By Voices vuole dire percorrere una strada insidiosa, infatti quando sto per scrivere da…

06 Feb 2013 Reviews

Read more

Wound - Breathing The Void (Teen Action, 2014)

Dopo l'esordio nel formato DVD-R a nome Wound, Massimo Onza torna con questo suo monicker per una seconda uscita, questa…

08 May 2014 Reviews

Read more

M'Ors – Anima Nera (Alka, 2009)

Il destino sorriderà alla carriera di Marco Orsini, in arte M'Ors. Per come si pone, cito testualmente le parole della…

19 May 2010 Reviews

Read more

Cagna Schiumante - S/T (Tannen, 2014)

Scorticare fino a raggiungere l'essenza stessa. Le tracce di questo lavoro sono canti di muezzin ubriachi e storti declamati sbavando…

26 Sep 2014 Reviews

Read more

AA.VV. – Crepe (VacuaMœnia, 2014)

La pratica di field recordings è sempre più diffusa, dalle nostre parti. Certo, non è una cosa originale, ma il…

28 Jul 2014 Reviews

Read more

Luca Sciarratta + Tiziano Milani - Spatial Impulse Response Rendering…

Gran bella collaborazione questa in cui sono coinvolti il boss della rudimentale con Milani, di cui abbiamo recensito l’ultimo lavoro…

26 Mar 2009 Reviews

Read more

Betzy - Romancing The Bone (Lady Lovely, 2010)

La profezia che preconizzo a Fabio Cussigh è predestinazione al successo per tutta una serie di buoni motivi. Pur…

12 Feb 2010 Reviews

Read more

Paolo Sanna – Improvvis(e)azioni (TiConZero, 2009)

Che questo del batterista Paolo Sanna sia un lavoro fatto col cuore lo si capisce, prima ancora che ascoltandolo, dalla…

11 Mar 2013 Reviews

Read more

Miss Massive Snowflake - Queen's Headache (Northpole, 2008)

Proprio di recente ho avuto il grande piacere di ascoltarmi in anteprima l'ultimo Rollerball e per l'ennesima volta mi sono…

20 Mar 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top