Ovo – Abisso (Supernatural Cat, 2013)

Nonostante le numeroso uscite discografiche, anche su etichette di nome come Load e l’attuale Supernatural Cat e i palchi calcati ad ogni latitudine, gli Ovo hanno continuato ad essere uno dei segreti meglio custoditi dell’underground: al solito, troppo metallari per i punk, troppo punk per i metallari. Per tutti gli altri, probabilmente troppo e basta. Chissà che Abisso, dal suono rinnovato e arricchito da corposi inserti elettronici, a tutti gli effetti il loro album più accessibile, non permetta di aprire qualche porta.
Personalmente ho sempre considerato la miglior uscita del duo di Stefania Pedretti e Bruno Dorella l’eccellente disco di remix curato da Daniele Brusaschetto nel 2008, dove la musica del duo veniva innervata da massicce dosi di elettronica industriale: Abisso sembra ricollegarsi a quell’esperienza, pur senza trascurare quanto di buono maturato in questi ultimi anni, in special modo i progressi nella cura dei suoni. Proprio da questo punto di vista figura fondamentale, che agisce dietro le quinte ma fa sentire notevolmente il suo peso, è Rico Gamondi (Uochi Toki, La Morte), ormai indispensabile fonico dal vivo, praticamente il terzo Ovo, e qui nelle vesti di raccoglitore dei sampler che sono poi stati utilizzati nelle composizioni. A completare il quadro troviamo Giulio Favero al mixer e la masterizzazione di Giovanni Versari. Pur rimanendo riconoscibilmente un disco degli Ovo, Abisso ci mostra il gruppo in nuove e migliori vesti: abbandonati l’immagine e i residui di suono noise-freak si vira verso sonorità più monolitiche, dove i campionamenti, le drum machine e le chitarre maggiormente corpose creano un muro di rumore che non può non ricordare i Godflesh, come nella doppietta d’apertura Harmonia Microcosmica/Tokoloshi. Le atmosfere sofferte e il tribalismo post-atomico che già conoscevamo prendono così dimora in ambientazioni suburbane, mentre le strutture quadrate e i ritmi rallentati imbrigliano il caos improvvisativo che caratterizzava un tempo il suono del gruppo e che qui rimane una minaccia potenziale a cui solo raramente è concesso scatenarsi, come avviene nell’isterica e marziale Aeneis e in Pandemonio. Sono comunque molte le frecce nell’arco di questi nuovi Ovo: in A Dream Within A Dream la voce di Alan Dubin (OLD, Kanhate, Gnaw) si staglia su rarefatte ambientazioni post-metal prossimi agli Jodis, per poi duettare con quella di Stefania sul finale, Harmonia Macrocosmica è un’ipotesi di kraut-metal, Ab Uno accoglie, su una base melodica e dilatata, un campione di canto africano. Procedendo verso la fine il disco muta lentamente forma, perde un  po’ di pesantezza e guadagna pathos, così nell’ultimo pezzo in scaletta agli Ovo si uniscono Carla Bozulich e i suoi Evangelista per un blues lento e dolente distante dall’abituale suono del duo, ma vicino al loro spirito. Tutto sembra finito e invece una rumorosa ghost track, autentico fantasma del passato, irrompe a ricordarci che, sebbene si tratti di un album più accessibile dei precedenti (e a parere di chi scrive il migliore della discografia del gruppo), siamo pur sempre in ambito di musica estrema. Non c’è da stare tranquilli.

Tagged under: , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Billy Torello – Il Passato Ha Gli Zoccoli (Fumaio/Il Verso…

Avevo considerato Ultime Notizie Dalla Tartaruga, il precedente lavoro di Billy Torello (al secolo Angelo Bignamini di The Great Saunites…

20 Mar 2014 Reviews

Read more

Atomic Paracelze – Atomic Love (Invaders, 2011)

Invecchiando si dovrebbe diventare più o meno intolleranti? No, perché io lo sto diventando meno e non so se sia…

27 Oct 2011 Reviews

Read more

Sincope records: mamma mia quanto rumore!

Nei primi due anni di vita Sincope ha prodotto un buon numero di uscite, dedicandosi in primis alla musica che…

12 May 2012 Articles

Read more

Turner Schimana – Dope Beat Rosengarten (Chmafu Nocords, 2012)

Già un'altra volta, per il disco del Pivot Quartet, la Chmafu aveva dato alle stampe il lavoro di musicisti incontratisi…

04 Mar 2013 Reviews

Read more

Pontiak + Hell Demonio - 08/08/09 Malafly (Verona)

Per l'estate l'arci Kroen si trasferisce armi e bagagli alla periferia di Verona dove, in combutta con altre associazioni…

16 Sep 2009 Live

Read more

Adamennon – Le Nove Ombre Del Caos (Boring Machines/Arte Tetra/Weird…

MMXII sembrava aver chiuso un percorso di sofferta creatività nella carriera di Adamennon tanto che i dischi successivi, per non…

20 Feb 2017 Reviews

Read more

Dwarfs Of East Agouza / Chris Corsano & Bill Orcutt…

Dopo il recente e interessante Carte Blanche, continua la Saraswati Series della Unrock con il nuovo capitolo split Electric Smog,…

13 Jun 2019 Reviews

Read more

Ongaku2 – Short Stories (La Bèl, 2013)

Dire prolifico è dir poco per il duo di Elia Casu e Paolo Sanna (molto attivi anche in altri progetti),…

05 Aug 2013 Reviews

Read more

AA.VV. – Crepe (VacuaMœnia, 2014)

La pratica di field recordings è sempre più diffusa, dalle nostre parti. Certo, non è una cosa originale, ma il…

28 Jul 2014 Reviews

Read more

David Tangye/Graham Wright - How Black Was Our Sabbath (Pan,…

Il titolo e gli strilli sulla copertina promettono succosa ignoranza e lasciano presagire aneddoti da scambiarsi, la sera, di fronte…

22 Aug 2007 Reviews

Read more

Deison - Magnetic Debris vol.1 & 2 (Dissipatio, 2022)

Il passato che ritorno non è, in genere, una buona cosa: fantasmi, storie che credevamo dimenticate o, quando va bene,…

24 Mar 2022 Reviews

Read more

Obits - Bed & Bugs (Sub Pop, 2013)

Gli Obits non sono ragazzini da un pò, ma si ritrovano perfettamente a loro agio nell'essere etichettati come naviganti in…

09 Oct 2013 Reviews

Read more

Horace Pinker - Local State Inertia (Arctic Rodeo, 2011)

Accidenti da quanto non sentivo gli Horace Pinker, non è neppure così strano che finiscano per uscire per la Arctic…

21 Dec 2011 Reviews

Read more

Tupolev - Tower Of Sparks (Valeot, 2010)

Nome russo come pure uno dei componenti, ma equipaggio in prevalenza austriaco, tanto che si tratta di un disco fatto…

19 Jan 2011 Reviews

Read more

Sin Ropas – Holy Broken (Madcap, 2010)

I Sin Ropas sono forse il progetto minore ma che con maggiore continuità e linearità d'intenti prosegue l'eredità lasciataci dai…

11 Feb 2010 Reviews

Read more

Low Low Low La La La Love Love Love -…

Continua la carriera discografica di questa band inglese che risponde al nome bizzarro di Low Low Low La La La…

01 Dec 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top