Niton – Tiresias (Pulver Und Asche, 2015)

Mi ha fatto spolverare un po’ di mitologia greca il titolo del secondo album dei Niton: Tiresias. Un disco in cui gli opposti si attraggono e si respingono, in cui la band più che dare spazio alla voce preferisce suonare, o meglio documentare un suono quasi fosse una fluida comunicazione non verbale (questi almeno gli intenti del trio). Un suono caratterizzato da improvvisazioni create per lo più con strumenti analogici e con un ampio utilizzo di tastiere abbinato al violoncello e ai loops di Zeno Gabaglio.

 

Il musicista svizzero, si avvale del lavoro di due sound designer (la metto in inglese perchè fa effetto) elettronici, dagli strani pseudonimi: El Toxyque (Enrico Mangone) e Xelius (Luca Martegnani). Il loro apporto risulta in questo caso determinante, dai ritmi subacquei di Päto, alla rarefazione della lunga Bewno in cui la fanno da padrone gli oggetti sonori (oscillatori e theremin pe lo più) di El Toxyque rispetto ai synth di Xelius che ritornano a fare timidamente capolino con l’aliena Had Is The Weakest Point, dai toni quasi ambient. Un lavoro decisamente cerebrale, cupo ed ostico in cui tutto questo ben di dio di apporti sonori sembra eternamente trattenuto, quasi pronto ad una esplosione che in realtà non avverrà mai. Rimangono solamente le avvisaglie, fatte di rintocchi di strumenti a corda o di scricchiolii generati da minuscoli frame sottotraccia (Kalle). Le tastiere di Unsacred Ground, forse uno dei pezzi più notevoli del lotto, creano la giusta eco, come il suono spettrale di un organo dentro una cattedrale deserta. Chiudono il battito oscuro di Moto Ignoto e il deserto spaziale di Kogiidae. Il fascino di Tiresias è fatto di non-musica e di particolari, mentre l’insieme è volutamente cupo e incomprensibile come un salto in un buco nero.

 

 

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Petrolio - Di Cosa Si Nasce (Taxi Driver/Brigante/Dio Drone e…

Enfatico industrial primi anni novanta per la creatura di Enrico Cerrato (Infection Code) che rispolvera per l'appunto un genere a…

15 May 2017 Reviews

Read more

Acid Mothers Temple & Melting Paraiso UFO - Interstellar Guru…

Ma quant’è bello essere hippie? Insomma uno può prendere una di queste belle patatone anti-anoressiche in pieno stile Settanta, metterla…

15 Apr 2009 Reviews

Read more

Mingle – Static (Kvitnu, 2015)

Viaggia solo stavolta Andrea Gastaldello, in arte Mingle, dopo le ottime uscite in compagnia di Andrea Faccioli e Deison (ben…

09 Oct 2015 Reviews

Read more

Encode – Core (Ghost, 2011)

Incollati a piedi saldi negli anni '90 ma con voglia di rimettersi in pista, dopo un esordio  di ben 8…

20 Apr 2011 Reviews

Read more

Il Conte è tornato, intervista a Varg Vikernes

Ebbene sì, lui. Il vostro incubo peggiore, il Freddy Krueger dei microsolchi, Varg Vikernes, il celeberrimo one-man-band di Burzum è…

04 Mar 2011 Interviews

Read more

Lucas Abela: venti anni di talento e fantasia al servizio…

Lucas Abela, noto soprattutto con il suo pseudonimo di Justice Yeldham, ha appena celebrato il ventennale della sua attività; è…

30 Nov 2013 Interviews

Read more

Irata – S/T (Silber, 2010)

I comunicati stampa talvolta sono davvero fuorvianti; questo, che parlava di una commistione di drone, postrock e metal, mi aveva…

27 Jun 2010 Reviews

Read more

St.Ride – Deutschland Femdom (Solar Ipse, 2016)

Il corpus immenso della discografia degli St.Ride (tredici album, se non ho contato male), coi suoi continui mutamenti stilistici ed…

21 Sep 2016 Reviews

Read more

MojaSfera - Equilibrio Infranto (Autoprodotto, 2008)

A volte è davvero difficile. L'incomprensione, la poca disposizione all'analisi e spesso una buona dose di convinzioni dure a morire.…

17 Nov 2008 Reviews

Read more

Disco Doom – Trux Reverb (Defer/Static Cult, 2011)

Gli svizzeri Disco Doom li ricordavo di spalla ai Built To Spill nella loro data veronese del 2008: indie rock…

01 Apr 2011 Reviews

Read more

Low + Pikelet + Ponzu Island - 21/10/10 The Forum…

L'ultima delle tre serate che dedichiamo al Melbourne festival è quella dei Low ed è per me quella con le…

16 Sep 2010 Live

Read more

Daniele Santagiuliana – Jeremiad (Looney-Tick, 2014)

Da queste parti Daniele Santagiuliana l’abbiamo ascoltato per la prima volta sui dischi del duo Deison & Mingle: esoterico in…

22 Jul 2014 Reviews

Read more

Andrea Tich - Una Cometa Di Sangue (Snowdonia, 2014)

In periodo sanremese casualmente ci capita tra le mani il lost album del veterano Andrea Tich che, nonostante sia pubblicato…

18 Feb 2015 Reviews

Read more

Josco - Kahn Tam-ngan Roum Kan (Somehow, 2012)

Quando la situazione scappa di mano: l'irlandese Gerard McDermott aka Josco era intenzionato a pubblicare qualche remix del suo EP…

14 Jan 2013 Reviews

Read more

Wound/Keziah Mason – Split Tape (Teen Action, 2016)

La perseveranza, quella di stampo prettamente diabolico, è certamente l’elemento che più caratterizza il progetto Wound di Massimo Onza (anche…

24 Feb 2017 Reviews

Read more

Eniac - Camera 121 (Many Feet Under, 2013)

Nell'attesa della pubblicazione dell'album registrato a partire dalla sua residenza d'artista americana ad I-Park, il nostro Fabio Battistetti aka Eniac…

15 Jul 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top