Nicola Boari – Wakamatsu Koji, Il Piacere Della Distruzione (Falsopiano, 2012)

Già è raro che su queste pagine si recensiscano libri: forse per un testo di cinema è la prima volta in assoluto. Mal al di là del fatto che l’autore sia Nicola Boari della Spettro Records, l’argomento è comunque tangente ai nostri ambiti, è interessante in sé e merita sicuramente almeno una segnalazione. Il recentemente scomparso Wakamatsu Koji è stato un regista giapponese che, in un periodo di forte tensione politica e sociale per il suo paese (gira intensamente per tutti gli anni ’60 e ’70), si è dedicato a generi di confine che vanno dall’erotico al poliziesco, fino addirittura al documentario di propaganda: il libro ne analizza la figura collocandola nel suo tempo.
Giustamente, la prima preoccupazione dell’autore è quella di contestualizzare il regista nell’ambito culturale e nel periodo storico all’interno dei quali si trova ad agire: tutta la prima parte è densa e non di facilissima lettura, dovendo districarsi fra vicende personali, fatti di cronaca e storia dell’industria cinematografica giapponese, oltre che in una cultura per noi inevitabilmente lontana, ma è indispensabile per darci una visione a tutto tondo di un personaggio che vede il cinema come arma di lotta politica, seppure volta nichilisticamente alla messa a ferro e fuoco e distruzione del reale. Essendo la ricostruzione socio-politica piuttosto accurata, al lettore appassionato di musica non sarà difficile intuire come, dallo stesso humus culturale, siano potute nascere esperienze musicali estreme come quelle che ancora oggi ci giungono dal Giappone e che, in qualche caso, hanno incrociato la stada del nostro. È il caso di Keiji Haino, che compare in Endless Waltz, lungometraggio sulla drammatica vicenda umana del sassofonista free jazz Abe Kaoru, figura di culto dell’improvvisazione radicale nipponica, o del giapponese d’adozione Jim O’Rourke, che ha composto la colonna sonora di United Red Army. Nella seconda parte, per schede, vengono analizzati alcuni film, evidenziando come quelli di Wakamatsu sia un cinema che è un pugno nello stomaco, dove il sesso e i rapporti umani in generale sono quasi sempre violenti e votati alla sopraffazione e l’atto di ribellione contro la società inesorabilmente destinato al fallimento. Interessante anche il capitolo Conclusioni che, ben lungi dal chiudere il discorso, mette in evidenza molti possibili punti d’approfondimento dell’opera del maestro. Wakamatsu Koji, Il Piacere Della Distruzione è un libro che, se vorrete leggerlo, non mancherà di incuriosirvi, sebbene tale curiosità sia destinata a rimanere in larga parte inappagata, a causa della difficile reperibilità delle opere, almeno in Italia. Qualcosa si può ottenere, pare, rivolgendosi al mercato francese.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Corpoparassita - Inesorabile (Final Muzik, 2007)

Le mille etichette con cui si elencano, suddividono e catalogano i dischi a volte lascia interdetti, soprattutto nel caso di…

01 Oct 2008 Reviews

Read more

Nadja + Whitehorse + Ivens + MV - 15/10/10 The…

Arriviamo giusto in tempo all'ultima data disponibile nel continente australiano per vedere i Nadja, che hanno accompagnato i Dead Meadow…

12 Sep 2010 Live

Read more

Papiro - Automare (Muscut, 2017)

Marco Papiro arriva al settimo disco e si accasa presso la ucraina Muscat con questo Automare che continua la sua ricerca…

27 Mar 2018 Reviews

Read more

M.B. - I.B.M. (Final Muzik, 2012)

Continuano le ristampe della serie Final Muzik Eighties e per la terza uscita arriva in catalogo addirittura Maurizio Bianchi con…

03 Apr 2013 Reviews

Read more

Pinback - Autumn Of The Seraphs (Touch & Go, 2007)

I Pinback potremmo tranquillamente definirli un "superduo" risultato dell'unione creativia di Rob Crow (ex Heavy Vegetable, Thingy, Optiganally Yours, collaboratore…

25 Aug 2008 Reviews

Read more

The True Endless – Blacklight Inferno (Asgard Hass, 2017)

Avendo ricevuto il nuovo capitolo della saga di The True Endless a un po’ di tempo dall’uscita ed essendo cronicamente…

29 Nov 2017 Reviews

Read more

Persian Pelican - How To Prevent A Cold (Autoprodotto, 2012)

Placidamente pop. Indie pop. Elettroacusticamente indie pop. Questo giusto per tentare di riassumere in maniera funzionale il secondo lavoro, dopo…

23 Jan 2013 Reviews

Read more

Johnny Mox - Obstinate Sermons (Woodworm/Audioglobe, 2014)

Ci sono voluti due anni al reverendo Johnny Mox per dare fare uscire il nuovo disco, ma sono stati anni…

22 Jan 2015 Reviews

Read more

Lords - This Ain't A Hate Thing, It's A Love…

Bisogna essere piuttosto intelligenti per non capire le operazioni intellettuali. Il concetto stesso di liberatorio pare essere più legato al…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Autocancrena – Homo Sacer (Diazepam, 2012)

Altra oscura uscita per la Diazepam: stavolta è il turno degli Autocancrena (il romano Lorenzo Chiarofonte) con un CD 3"…

03 May 2013 Reviews

Read more

Vincenzo Ramaglia - Formaldeide (Autoprodotto, 2007)

A volte mi stupisco del potere del caos mediatico, della scarsa attenzione che viene prestata a certi generi e della…

29 Apr 2008 Reviews

Read more

Anthony Cedric Vuagniaux - Le Clan Des Guimauves (Plombage/Suisa, 2014)

Il compositore svizzero Anthony Cedric Vuagniaux arriva alla terza uscita sulla lunga distanza, sempre restando nel genere della colonna sonora,…

31 Mar 2015 Reviews

Read more

Es - Tutti Contro Tutti Portiere Volante (Fosbury, 2011)

Italico rock che tanto potrebbe esser caro agli amanti dei Numero 6 quanto dei Virginiana Miller. Evocativi fin dal titolo…

01 Mar 2012 Reviews

Read more

Mingle &The Land Of The Snow -Vuoto/Leere (Luce Sia, 2016)

C’è in rete un video di Giovanni Lindo Ferretti girato sulle sue montagne, pochi secondi di ripresa e una breve…

20 Jan 2017 Reviews

Read more

Weeping The Black - Meanings In Lacrima (Autoprodotto, 2007)

Ancora metal. Ovviamente. Anche perché: "Heavy Metal will never die!" diceva un caro amico metalmeccanico di Spinetta Marengo. E se…

20 Aug 2007 Reviews

Read more

New Jooklo Age – 16/11/10 Circolo Creassant (Brescia)

È ancora il Creassant, nel mortorio omologato della tanto a sproposito decantata scena bresciana, a offrirci una serata di musica…

07 Oct 2010 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top