Nick Hornby – 31 Canzoni (Guanda, 2003)

Se per molti Alta Fedeltà è il libro che parla della loro passione per la musica, per me non è stato per nulla così: Nick Hornby metteva in luce tutti i tic dell'appassionato di musica, tratteggiando un personaggio per nulla positivo. Insomma, mi sembrava che gli appassionati di musica, un po' tutti e non solo il protagonista, ne venissero fuori come degli egoisti sempre pronti a preparare un mix tape invece di affrontare sentimenti e problemi; in più il romanzo non mi faceva impazzire anche perché descriveva cose sentite, vissute e ancora vive per me: preferisco di gran lunga i ricordi delle mie emozioni alla scrittura di Hornby, un po' piatta per i miei gusti. E stavolta, con 31 Canzoni? Conferma piena dei miei pregiudizi.
Hornby è un appassionato di musica nel senso più hooligan del termine (forse dovrei dire da Febbre A 90): sale in cattedra a spiegare per bene cos'è la buona musica, come si ascolta, quali sono i meccanismi del ricordo applicati alla canzone… Il punto non è se mi trovo d'accordo o meno con i vari argomenti che affronta, alcuni in modo interessante (altri molto meno), ma il fatto che rispunta un bel po' di quel fastidio che provavo per il personaggio di Alta Fedeltà e ho capito che è Hornby che mi sta proprio antipatico: con prese di posizione del tipo "se non vi piace il gruppo tal dei tali è evidente che" si guadagna subito il mio malcontento, ma ci sono un paio di stilettate che non mi sono andate giù per niente.
Ogni capitolo è dedicato ad una canzone ed un paio di capitoli per me svettano su tutti: primo quello sul rock pesante, la "musica rumorosa", dove Hornby liquida almeno trent'anni di musica pesante con lo stereotipo del ragazzino che non intendendosene di musica ascolta "quella più rumorosa" convinto che così non potrà sbagliare, e ci dichiara che crescendo non ha più avuto tempo per "il rumore che fa Jimmy Page"… Perché sta parlando dei Led Zeppelin! Da lì a Burzum e quello che ci sta in mezzo messo alla porta in tre pagine come del resto il cinema sperimentale perché ora ha "più interesse per il buongusto"… Subito dopo mi è venuta voglia di ascoltare Fuck You degli Overkill e gli Slayer. In più poco dopo arriva ai Suicide: nonostante bolli il pezzo come capolavoro, descrive la musica sperimentale (tutta in blocco, naturalmente) come un genere che i critici repressi apprezzano perché loro nella vita non hanno mai vissuto, ma che lui non ha tempo per ascoltare, dato che non vuole "mai più essere terrorizzato dall'arte". Naturalmente tutti quelli che come lui hanno problemi veri nella vita non possono ascoltare questa musica perché hanno cose più importanti a cui pensare e cercano musica che sia svago; perché c'è un esagerato culto del "pericolo", dovuto "all'eccesso di cultura"… anche l'eccesso di cultura adesso! E conclude il capitolo con un "ma non provate a farmi sentire moralmente o intellettualmente inferiore". Come dice lo psicologo a Fantozzi: "Caro Fantozzi, la smetta con questo problema del sentirsi inferiore e si guardi allo specchio… lei è inferiore!".
E le canzoni scelte per i vari capitoli? Non abbiamo del tutto gli stessi gusti, ma non è questo il punto… Sembra che tutto questo pop leggero piazzato dappertutto serva a far dimenticare un passato più "estremo" di Hornby, come se se ne vergognasse. Il libro scorre liscio con quel pizzico di piattezza che mi infastidisce, e si risolleva solo nei momenti descritti sopra, in cui almeno mi ha fatto saltare il tappo.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Caligula031/Le Cose Bianche – Final Muzik CD-Singles Club 06 (Final…

Mancava ancora, al novero dei generi presi in esame dal single club della Final Muzik, la virulenza del power electronics;…

13 Oct 2014 Reviews

Read more

AIDS Wolf - Cities Of Glass (Skin Graft, 2008)

Reduci da uno split con Athletic Automaton, con i quali spartiscono una incompromissoria propensione all’attacco sonoro, gli AIDS Wolf, da…

12 Nov 2008 Reviews

Read more

Ty Segall - S/T (Castle Face, 2008)

A volte è meglio tornare indietro, ma farlo davvero, senza tentare la strada della reinterpretazione in chiave moderna: niente paura,…

18 Jan 2009 Reviews

Read more

Noise Female

Breve escursione nell’affascinante stato dell’arte del suono femminile del 2018. Il breve percorso che stiamo per fare non vuole aggiungere nulla…

21 Dec 2018 Articles

Read more

Ensemble Uzi - S/T (Autoprodotto, 2009)

Fa uno strano effetto sapere che un terzetto del genere, musica improvvisata che evita accuratamente la struttura…

28 Jul 2009 Reviews

Read more

Vakki Plakkula - Babirussa Capibara (Le Arti Malandrine, 2009)

Altro cd ed altro supergruppo e porca troia piccoli musicofili del cazzo, non uso supergruppo a casaccio, mentre vi tenete…

06 Jun 2009 Reviews

Read more

Lazarus - The Trickster (St. Ives, 2009)

Trevor Montgomery, fuoriuscito dai Tarentel alcuni anni fa, ha imboccato il sentiero già battuto da altri (Steve Von Till e…

20 Nov 2009 Reviews

Read more

Mattia Coletti - Pantagruele (Wallace/Towntone, 2009)

Era da un po' che non sentivamo parlare di Mattia Coletti, o forse ero solo io che non ne sapevo…

23 Jul 2009 Reviews

Read more

666 - ...Perché In Fondo Lo Squallore Siamo Noi (Hellnation/Tuscia…

Soltanto loro potevano riuscirci. Solo il Plakkaggio e l'instancabile Roberto Gagliardi (Hellnation) potevano riuscire nell'intento di declinare in chiave oi/thrash…

22 Feb 2016 Reviews

Read more

Incoming Cerebral Overdrive - Controverso (SupernaturalCat, 2009)

La Supernatural Cat riesce a sorprenderci ancora una volta, rivelandosi come forse la più attenta ed intelligente etichetta di musica…

06 Dec 2009 Reviews

Read more

L'Uomo Di Vetro - A Merry Christmas (Autoprodotto, 2006)

Bellissime grafiche e tessiture strumentali ipnotiche opportunamente sporcate da impeti di batteria e da una foga non comuni. L'Uomo Di…

07 Jun 2007 Reviews

Read more

Guns Are For Kids - Too Much Red Not Enough…

 Inglesi nel suono ma australiani di origini, questi Guns Are For Kids potrebbero essere il risultato dato dalla formula:…

12 Dec 2007 Reviews

Read more

Rashad Becker - Traditional Music of Notional Species (Pan, 2013)

Titolo evocativo e assai appropriato quello dell’esordio del master of mastering Rashad Becker, titolare in quel di Berlino del Clunk…

20 Aug 2014 Reviews

Read more

Transition (Nils Gerold/Nicola Guazzaloca/Stefano Giust) - Arútam (Setola Di Maiale,…

Non è la prima volta che vediamo un "ingaggio" fra Nicola Guazzaloca e Stefano Giust, ma questa volta a rendere…

16 Oct 2012 Reviews

Read more

Bear Claw - Slow Speed: Deep Owls (Sickroom, 2007)

Ascoltando I Bear Claw come sempre ero ignaro di chi fossero e da dove venissero, perché se leggo i comunicati…

20 Oct 2007 Reviews

Read more

Delius/Pellegrino/Giust/Thomas/Heenan - Three Nights In Berlin (Setola Di Maiale, 2010)

Altro lavoro che coinvolge Stefano Giust oltre a ad una serie assortita di improvvisatori di livello, come al solito si…

02 Mar 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top