New Processean Order – Hymns To The Great Gods Of The Universe (End Of Kali-Yuga, 2014)

Pare che sia l’Italia il nuovo centro d’irradiazione della Chiesa Del Giudizio Finale, meglio nota come The Process, culto fondato da Robert De Grimston verso la metà degli anni ’60 ed estintosi una decina di anni più tardi. Dopo la pubblicazione della raccolta di documenti The Process – Archives, Documents, Reflections and Revelations (End Of Kali-Yuga Edizioni) curata da Alessandro Papa e del saggio The Process E La Riconciliazione Degli Opposti (Off Topic/Italia Storica) di Federico Esposito (Ur, Den LXV, Kapalika) è ora la volta di questo disco dei New Processean Order, nome collettivo che cela alcuni nomi storici della scena industriale in un progetto affatto originale.
Non è nuova la fascinazione dei musicisti per la filosofia di The Process: già al tempo i Funkadelic aevano incluso alcuni scritti processiani negli album Maggot Brain e America Eats Its Young e i Changes si erano esibiti presso il capitolo di Chicago; più recentemente gli Integrity hanno pagato tributo con l’EP Humanity Is The Devil e Genesis P. Orridge, che all’esperienza di The Process aveva guardato nel fondare The Temple Of Psychic Youth, ha presieduto un’assemblea/revival svoltasi a New York nel 2009. Nel nostro caso il discorso è tuttavia diverso, trattandosi di musica che sembra essere pensata con una funzione propria, mi verrebbe da dire cerimoniale, non una semplice celebrazione o tributo al vecchio culto. Hymns To The Great Gods Of The Universe è un lavoro collettivo strutturato in maniera simmetrica: all’inizio e alla fine di ogni lato del vinile un brano dedicato ad ognuno dei quattro dei del pantheon processiano, nel mezzo un inno che accomuna le due divinità evocate su ogni facciata. Stilisticamente siamo dalle parti dell’industrial vecchia scuola nelle sue varie sfumature, ma qui il discorso sulla presunta o meno attualità ha poco valore, tanto più che per simili pratiche nessun linguaggio mi pare più adatto di questo. Abbiamo così i Kirlian Camera che prendono le parti di Cristo -salutato come signore dell’Inferno- sfoderando uno dei brani più scuri del proprio repertorio, sensuale e sinistramente chiesastico al tempo stesso, mentre DBPIT & Xxena e i Dolpo, coadiuvati da Alessandro Papa alla voce, invocano la discesa di Lucifero con un mantra da brivido per voce, chitarra, soundscapes e percussioni; a metà della facciata, i suoni etno-esoterici di The Christian-Luciferian Pattern avevano associato droni, campane e cimbali tibetani alla voce campionata dello storico adepto, nonché autore di un libro sulla setta, Timothy Willie. Il lato B si presenta ancora più cupo: nell’organico che aveva celebrato Lucifero escono i Dolpo ed entra Davide Tozzoli, alias N., per invocare Jehovah, dio della guerra e della vendetta, col brano più oscuro e pesante di un disco che, dopo l’intermezzo rumoroso di The Jehovian-Satanic Pattern, si accomiata col Teatro Satanico: Devis Granziera e Kalamun, nel loro stile synth-anti-pop DAFiano e indemoniato, danno voce a una serie di scritti di Robert de Grimston onorando, è inevitabile, Satana. Hymns To The Great Gods Of The Universe è affascinante ed evocativo, ma in esso permangono delle zone d’ombra che rendono difficile dare un giudizio definitivo: chiaramente non si tatta di semplice musica d’ascolto, ma davvero il culto sta rinascendo? Nei solchi ci arrivano echi di cerimonie ancora a venire? Tutte domande che non hanno risposta. Tuttavia, per il prossimo anno, è annunciata la pubblicazione del libro Spiritual Guidance By New Processean Order: forse allora ne sapremo di più.

Tagged under: , , , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Three Second Kiss - Long Distance (Africantape, 2008)

Formazione nuova, vita nuova, ma pur sempre vecchi Three Second Kiss, sia nel bene che nel male. Il gruppo non…

16 Mar 2008 Reviews

Read more

Tristan Da Cunha – Soçobrar (Taverna/Delphic/Cruel Bones, 2017)

Italianissimo nonostante l’uso del portoghese nella ragione sociale e nei titoli, Tristan Da Cunha è un duo formato da Francesco…

26 Jul 2017 Reviews

Read more

The Tall Ships – On Tariffs And Discovery (Minority, 2011)

That's only post-rock, but I like it. Ecco cosa ho pensato qualche minuto dopo aver iniziato ad ascoltare On Tariffs…

04 Apr 2011 Reviews

Read more

Airportman - David (Lizard, 2014)

Atmosfere di cupo minimalismo accompagnano David, concept degli Airportman legato al tema della morte, in particolare alla storia di un…

24 Feb 2015 Reviews

Read more

G. C. Neri - Logos (Black Widow, 2008)

Forse un po' in anticipo sui tempi di uscita, segnalo comunque questo nuovo progetto del polistrumentista genovese Giorgio C.…

11 May 2008 Reviews

Read more

Kongrosian Meets Oreste Sabadin - Bootstrap Paradox (Aut, 2010)

Oltre ad Oreste Sabadin al clarino, dietro al nome Kongrosian compaiono Alberto Callodei al clarino basso, Alessio Faraon alla tromba,…

24 Jul 2010 Reviews

Read more

Mai Mai Mai – Theta (Boring Machines, 2013)

Tre anni fa, quando esplose la bomba, non mi impressionò praticamente nulla del giro della famigerata Borgata Boredom, né il…

08 Jan 2014 Reviews

Read more

Valla II – Lullabies (Autoprodotto, 2012)

Capita a volte, rovistando a caso nel ciarpame della rete, di pescare qualche perla. Così, poco tempo fa, ci è…

31 May 2012 Reviews

Read more

Me Raabenstein - R (Nonine, 2012)

L'eterno ritorno di Me Raabenstein, ma non in senso ebraico e neppure in termini di tematiche, è semplicemente che questo…

04 May 2012 Reviews

Read more

Centauri - S/T (Lepers, 2014)

In un periodo in cui persino i beniamini Woods non danno le stesse identiche sensazioni di una volta, in zona,…

16 Jul 2014 Reviews

Read more

Dyskinesia - L'Ultimo Giorno (Centre Of Warm/Frohike/Creative Fields, 2008)

In tutta onestà sulle prime avevo un po' snobbato i Dyskinesia, credendo si trattasse del solito combo hardcore che si…

19 Jun 2010 Reviews

Read more

Doppler - Songs To Defy (SK, 2008)

Fa piacere notare che sotto il profilo musicale Lione non si sia mai addormentata. Se negli anni novanta ne…

21 Nov 2008 Reviews

Read more

MINIM – Construct (Kasuga Records, 2019)

Devo essere sincero, quando leggo che un disco è pubblicato in SD card metto mano alla pistola. Diciamo che, fuor…

09 Jul 2019 Reviews

Read more

Beats Me! - Out Of The Box (Autoprodotto, 2011)

Frizzantissimo trio romano dedito sia stilisticamente che propositivamente al punk rock settantasette americano con una strizzatina di Buzzcocks. Considerdando…

12 Dec 2011 Reviews

Read more

The Rambo – The Stabbing (Wallace/Il Verso del Cinghiale/Villa Inferno/Cloudhead,…

In due, una chitarra e una batteria e a peggiorare la situazione due maschere che ricordano i wrestler messicani calate…

09 Dec 2016 Reviews

Read more

Slobber Pup – Black Aces (Rare Noise, 2013)

È ancora tempo di supergruppi? Se quella di associare grossi nomi è pratica mai invalsa (e anzi vitale) in ambito…

10 Jan 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top