Nevroshockingiochi – Scena 2 (Onlyfuckingnoise/Neon Paralleli/HYSM?/Il Verso Del Cinghiale e altre, 2013)

Quando sulla loro pagina avevo letto l’autodefinizione art-rock, instintivamente avevo messo mano alla fondina, non credo si ci sia bisogno di spiegare perchè. Ma poiché ci insegnano che con le armi da fuoco non si scherza, il dovuto ascolto del disco mi suggerisce di non sprecare l’intero caricatore: qualche colpo d’avvertimento dovrebbe essere più che sufficiente.
Fuor di metafora, i Nevroshockingiochi da Macerata, qui al secondo album, sfoggiano una buona tecnica e capacità di scrittura, alcune felici intuizioni e qualche retaggio prog che ne appesantisce le trame. Fra le note positive sono da annoverare i suoni (Fabio Magistrali alla consolle) e la struttura dei pezzi, all’insegna di un rock industriale rumoroso (si ascolti l’incedere dell’iniziale Piccoli Omicidi Fatti In Casa) che ben si fonde con chitarre noise: trame complesse ma mai gratuite, aiutate anche dalla concisione e linearità della scrittura. L’atmosfera richiama un po’ gli anni ’90, Bill Laswell e dintorni, ma senza evidenti scopiazzature e con anzi una capacità di sintesi e rielaborazione notevole. Meno convincente è l’uso del cantato, nel nostro idioma, che a tratti si adegua a cadenze da rock italiano che poco hanno a che spartire col lato musicale della faccenda (a volte ricordano, ahimè, gli orrendi C.S.I. di Tabula Rasa Elettrificata), mentre altre volte indugia in cantilene che cadono nelle ingenuità di molto prog made in Italy del tempo che fu. Non è forse un caso che un dei brani migliori sia RESET, uno strumentale in odore di jazz core che dà tranquillamente paga a tanta robaccia di genere in giro ultimamente. Comunque non tutto è da buttare anche dal punto di vista vocale: è il caso di Senza Lingua, dei toni filtrati di Le Regole Del Poker, o del brano conclusivo, La regola delle 3 “S” o dello SBIANCAMENTO DELL’ANima, che sovrappone toni recitati e declamatori, alla maniera dei Contropotere de Il Seme Della Devianza, e può indicare una via interessante da percorrere in futuro.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Kitchen Door - Sodapop Edition n.6

No, non è il caldo ad averci dato alla testa. L'ultima puntata della stagione è un mix di poesia aulica,…

08 Jun 2010 Podcasts

Read more

J Mascis - Several Shades Of Why (Sub Pop, 2011)

Finalmente J Mascis si mette a nudo, non solo col nome, e quindi ci fermiamo un attimino prima di liquidare…

01 Mar 2011 Reviews

Read more

Geoff Farina - The Wishes Of The Dead (Damnably, 2012)

Ispirato dalla nuova vita rurale presso il fiume Kennebck nel freddo Maine, torna in punta di piedi Geoff Farina (ex…

05 Apr 2012 Reviews

Read more

Haulin'Ass - Towards Which Future (Vacation House, 2009)

Mutando appena-appena il campione (La Dolce Vita, direi) che chiude il disco, verrebbe da dire agli Haulin'Ass che “dovrebbero riuscire…

01 Jun 2010 Reviews

Read more

AA.VV. - Funk In Italia (Funk In Italy, 2009)

Questa recensione è stata un parto lungo ma per nulla sofferto, il fatto è che recensirsi una doppia compilation funk…

10 Feb 2009 Reviews

Read more

Sparkle In Grey – Brahim Izdag (Old Bicycle/ Moving Records…

Con il ritardo che ultimamente mi contraddistingue, parlo umilmente dell'ultima fatica degli Sparkle In Grey. Un album che omaggia e…

07 Sep 2016 Reviews

Read more

Lonius - S/T (Setola Di Maiale, 2008)

Un sax tratteggia una melodia jazz, note si rincorrono, si perdono, si ritrovano, sembrano abbozzare una melodia. Sotto, in un…

30 Sep 2008 Reviews

Read more

Catlong - Out Of Control (Autoprodotto, 2007)

E’ bello, davvero bello, edulcorarsi tanto per il passo coi tempi che cavalcano oggi i gruppi nostrani, per poi essere…

02 Jun 2007 Reviews

Read more

RPWL - World Through My Eyes (SPV/InsideOut, 2005)

Pur continuando a turbinare nel girone progressivo scatologico, stavolta, ammetto di esser incappato in qualcosa di interessante ed anche prezioso.…

13 Sep 2006 Reviews

Read more

Aedi - Ha Ta Ka Pa (Gusstaff, 2013)

Secondo lavoro fresco di stampa per i connazionali Aedi (forse plurale di Aedo? sapete...i cantanti-compositori greci...). Maceratesi di origine, con…

13 Mar 2013 Reviews

Read more

St.Ride - Conquistare Il Mondo (Niente, 2013)

Due lembi di bandiere strappate attaccate ad un palo piantato nell'acqua, con il panorama del mare davanti a noi: ecco…

13 Jan 2014 Reviews

Read more

Erdem Helvacioglu & Ros Bandt - Black Falcon (Doublemoon, 2011)

Riecco Erdem Helvacioglu, che abbiamo già recensito a più riprese dai tempi del suo lavoro su New Albion; come per…

15 Sep 2011 Reviews

Read more

Killed By 9V Batteries – The Crux (Siluh, 2011)

Parlavo proprio del Flex di Vienna nella precedente recensione degli Squaramouche ed ecco che leggo sul flyer che mi è…

12 Jan 2012 Reviews

Read more

The Star Pillow/Larkian – Split Tape (Dead Vox, 2016)

Due uomini armati di chitarra si dividono i lati di questo nastro della svizzera Dead Vox e danno un saggio…

27 Feb 2017 Reviews

Read more

Valerio Cosi – Plays Popol Vuh (Dreamsheep, 2014)

Non si può dire che Valerio Cosi non ami il rischio: a misurarsi in maniera così scoperta con dei mostri…

02 Dec 2014 Reviews

Read more

16 Barre / Watch The Dog - Li Ho Visti…

Il problema principale di un certo di tipo di hip hop è la più completa e totale autoreferenzialità, benché…

11 Dec 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top