Neunau – Il Ciclo Del Vuoto (Boring Machines, 2019)

In un mondo sempre più indistinto e superficiale un progetto come Neunau, che già avevamo conosciuto con l’EP di un paio di anni fa, svolge un compito essenziale: ridare vita e voce al genius loci, cogliere e trasmettere, attraverso il suono, la storia e lo spirito dei luoghi. Teatro dell’indagine de Il CIclo Del Vuoto è, ancora una volta, la natia Val Camonica, che ci parla attraverso le fasi di estrazione, produzione e utilizzo del cemento, dalla cava di Parzanica (BG), dove viene estratta la marna, fino alla diga del lago Pantano di Temù (BS), dove viene messa in opera. Sarà forse un materiale poco simpatico, ma segna il territorio e le nostre vite in molti modi ed è dunque un elemento privilegiato di lettura del presente, delle sue attività e dei suoi spazi. L’enorme lavoro di documentazione, svolto con tutta una serie di microfoni a contatto e panoramici, confluisce nello studio di registrazione dove il materiale prende forma fruibile, stavolta – grazie anche alla maggior lunghezza rispetto al 12″ d’esordio – con una varietà stilistica che va dalla techno all’industrial fino addirittura al noise-rock. Se non mi credete ascoltatevi la conclusiva Movimento II e ditemi se non la credereste eseguita con strumenti tradizionali (non chiedetemi però come sia effettivamente composta, non saprei rispondervi). Altrove, Il Ciclo Del Vuoto é pura pesantezza industrial(e) che non può non richiamare i Test Dept. – ma in una versione dove, senza perdere un grammo di forza, il taglio politico e sociale è sostituito dal quello culturale e sociologico – Nastro Trasportatore e Anomalia sono soundscape ambient con e senza battiti, Movimento I un dub che sarebbe piaciuto a Z’ev. Attraverso campioni raccolti in profonde gallerie, su impalcature metalliche e a contatto con attrezzature ciclopiche, si entra così profondamente nel processo produttivo che quasi ce ne si astrae, ma il rischio è scongiurato dalla consistenza fisica che il suono mantiene: il ritmo del lavoro, la grana dei materiali, la pesantezza dei macchinari rimangono chiaramente leggibili nelle composizioni. È un fatto fondamentale, caratterizzante della musica di Neunau: corpo e anima non sono mai scissi. Lo testimonia anche la particolare cura dedicata alla copertina dell’LP, dove ogni singolo pezzo è stato impresso a mano con un macchinario a caratteri mobili risalente al 1880 conservato presso il Museo della stampa di Artogne (BS). Il vinile che avete fra le mani viene così ad essere il punto di arrivo di un insieme di storie e pratiche che operano per portare la realtà locale su un palcoscenico più ampio, senza farle perdere il legame con delle radici che restano perfettamente evidenti e rintracciabili nei solchi e nelle grafiche del disco.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

M. Moynihan & D. Søderlind – Lords Of Chaos (Tsunami,…

Arriva anche in Italia, per meritoria opera della Tsunami Edizioni, la corposa inchiesta che indaga fatti e misfatti della scena…

08 Jan 2011 Reviews

Read more

Muviments Festival – 28-29/12/11 Itri (LT)

C’era bisogno, per chiudere decentemente un 2011 non propriamente esaltante sul fronte dei concerti, di un festival come si deve…

13 Jan 2012 Live

Read more

Nancy Elizabeth - Dancing (Leaf, 2013)

Già il genere folk attuale è sfuggente come l'acqua tra le dita ed in più i cantautori che vanno per…

27 Jun 2013 Reviews

Read more

Fenster - The Pink Caves (Morr Music, 2014)

Beh, se questo non è un disco giusto per un'estate solo di nome... I Fenster - quartetto con base a Berlino…

09 Sep 2014 Reviews

Read more

September Malevolence - After This Darkness, There's A Next (Tenderversion,…

Se subito dopo avere letto il nome di questo gruppo veniste a sapere che sono pure svedesi, pensereste subito ad…

26 Apr 2008 Reviews

Read more

Adamennon - Ades (Shove, 2015)

Riprende la marcia Adamennon. Dopo lo spilt con Altaj, che avevamo segnalato come percorso un po’ laterale, Ades è un…

30 Mar 2016 Reviews

Read more

Obsil - Vicino (Psychonavigation, 2011)

Esce per l'etichetta inglese Psychonavigation questo Vicino di Giulio Aldinucci, in arte Obsil, il terzo disco dopo un paio usciti…

09 Dec 2011 Reviews

Read more

Bulldozer - Unexpected Fate (Scarlet, 2009)

Era una vita che aspettavo il ritorno di Ac Wild ed Andy Panigada (Dove è finito Rob K Cabrini?!).…

13 Jul 2009 Reviews

Read more

Sleepmakeswaves - In Today Already Walks Tomorrow (Monotreme, 2014)

Tornano gli australiani già amati con ...And So We Destroyed Everything a stupire e ammaliare con le cinque meravigliose tracce che…

21 May 2014 Reviews

Read more

Confuse The Cat - Keryky (Zeal, 2008)

Una volta in Belgio c’erano i Kosier D e poi furono i Reiziger, erano entrambi ottimi gruppi, i primi avevano…

18 Dec 2008 Reviews

Read more

F:A.R./ODRZ/Mulo Muto – 28/10/2017 Spazio Ligera (Milano)

Una serata Luce Sia al sempre attento Ligera è una buona ragione per convergere su Milano, tanto più se il…

27 Dec 2017 Live

Read more

Agamotto - S/T (Cosmic Swamp, 2012)

Esordio per il duo italico Agamotto (dal nome di un personaggio Marvel) sulla nostrana Cosmic Swamp, etichetta dedita a stoner,…

13 Feb 2013 Reviews

Read more

Sonic Youth - Simon Werner A Disparu (SYR, 2011)

Come abitudine da qualche anno a questa parte i Sonic Youth, parallelamente alla loro discografia diciamo "ufficiale" e su major,…

07 Apr 2011 Reviews

Read more

Pain Of Salvation - BE (Inside Out/Audioglobe, 2004)

E' risaputo che se i musicisti hanno quasi sempre un ego grosso e turgido, i musicisti metal ce l’ hanno addirittura abnorme e sproporzionato.…

19 Jul 2006 Reviews

Read more

Mamuthones - Sator (Boring Machines, 2010)

Con colpevole ritardo mi appresto a recensire quest'ultima uscita Boring Machines, trattasi di uscita stampata con copertina digipack in rilievo,…

22 Mar 2010 Reviews

Read more

The Right Moves - The End Of The Empire (Ultramarine,…

Tra aprile e maggio ho passato per lavoro un intero mese  a Catania. Una città sonnolenta e meravigliosa che…

07 Jun 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top