Nero And The Doggs – Death Blues (Rocketman, 2013)

Probabilmente è vero che di musica non capisco un emerito cazzo. Ma allo stesso tempo credo che non serva un dannato pedigree da critico blasonato per riconoscere un bel disco, quando qualcuno te lo mette sotto il naso. L’altro giorno, per esempio, nella cassetta delle lettere mi è arrivato, dentro una busta gialla in posta prioritaria, l’ultimo lavoro di Nero And The Doggs, che volendo fare i precisini è anche il primo inciso con questa nuova ragione sociale.  Già perché fino all’album precedente la band in questione – originaria dei bassifondi di Milano – si chiamava semplicemente The Doggs, mentre adesso – un po’ com’era accaduto a Iggy And The Stooges, ma il copyright di questo accostamento è di Andrea Valentini – i nostri hanno deciso di mettere in prima linea il loro leader e cantante. Anzi forse è stato lo stesso Nero che, in qualità di anima oscura della band, ha voluto rimarcare a ferro e fuoco il proprio ruolo di trascinatore. Comunque: fatte le dovute presentazioni ed entrando nel vivo di questo torrido album intitolato guarda caso Death Blues bisogna ammettere che l’accostamento con l’Iguana e i suoi compagni di sconfitte è più che mai azzeccato, anche sul fronte musicale. Il garage rock sferraggliante del cd precedente è solo un ricordo. Non troppo sbiadito, sia chiaro, ma neppure così evidente. Adesso Nero e i suoi cani rabbiosi hanno deciso di incanalare la loro furia iniziale dentro una manciata di liriche tossiche e malate, regalandoci, sul fronte sonoro, dieci pezzi di rock’n’roll triste e amaro, fatto di ballate elettriche e molto blues (più nell’anima che nei suoni). E così questo disco assomiglia più alla colonna sonora di una sconfitta, che a una raccolta di canzoni rock per giovani ribelli. Un lamento per chitarra, basso e batteria, che ti prende alla bocca dello stomaco e che ti esplode nella testa. Ogni canzoni è un funerale punk (provare per credere Feel The Death e il suo rantolare ossessivo). Anche quanto i suoni diventano più robusti e la ferocia della band esplode in mille rivoli di dolore (Sweet Confusion) la sensazione di inadeguatezza e frustrazione che fuoriesce dalle casse dello stereo è piuttosto lampante. E’ quasi impossibile restare indifferenti a questa decadenza senza fine, a questo vicolo cieco di suoni. Pezzi come la conclusiva Back To The End e il lentone (come potrebbe esserlo un lentone dei Saints) Damadeg Love sono coltelli affilati che ti entrano dentro la carne. I riferimenti italiani che mi sembrava di aver colto un paio d’anni fa, sono finiti nel cesso. E questo disco potrebbero averlo partorito in qualsiasi epoca e in qualsiasi continente. Un  sorta di garage della crisi, esistenziale ed economica. Anche se, a parte le solite chiacchiere, Death Blues è sostanzialmente un gran disco.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Mortification To The Flesh - Le Trésor Maudit (Final…

La Final Muzik inaugura una nuova collana significativamente intitolata Eighties che si propone di rimettere in circolazione titoli di quel…

26 Jan 2012 Reviews

Read more

Boris Hegenbart And 19 Artists - Instrumentarium (God/Staubgold/Monotype, 2012)

Boris Hegenbart ha all'attivo un bel numero di dischi e collaborazioni, infatti è attivo sin dal 1996 e da sempre…

16 Jan 2013 Reviews

Read more

Ronin – 14/02/10 Arci Dallò (Castiglione Delle Stiviere – MN)

Per pochi gruppi, credo, il suonare dal vivo è necessario come per i Ronin. Necessario per testare e sviluppare i…

26 Feb 2010 Live

Read more

Sebi Tramontana - Unfolding To be You (LP/CD We Insist!…

Il trombone è uno strumento dannatamente materico. Sbuffi, grugniti, strilli, roba selvatica e di pancia, di sudore e di forza.…

06 Jun 2022 Reviews

Read more

Flying Disk - Circling Further Down (Taxi Driver/Rude/Tadca, 2015)

Dinamico e giovane trio follemente innamorato di Jesus Lizard e primi Therapy?: e questa come presentazione del lavoro già potrebbe…

28 Mar 2015 Reviews

Read more

Gay Beast - Second Wave (Skin Graft, 2009)

Partiamo dai Devo. La loro Timing X, da Duty Now For The Future, è ripresa per intero dai Gay Beast…

16 Oct 2009 Reviews

Read more

BIP - The Autumn EP (Tafuzzy, 2009)

Mini album di esordio a nome BIP, collettivo non ben definito prima noto col nome Bancali In Pietra, all'insegna di…

13 Mar 2010 Reviews

Read more

Anne-James Chaton + Andy Moor – Heretics: Tout Ce Que…

Di Andy Moor, storico chitarrista degli Ex, mi è sempre piaciuto il suo saper essere tremendamente efficace nelle collaborazioni, la…

23 Jun 2018 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra – Insect Tracks (Wallace/Boring Machines/Bronson, 2010)

Tempo di disco dal vivo per i Bachi Da Pietra dopo tre album in quattro anni e un'attenzione crescente da…

22 Jun 2010 Reviews

Read more

Massimo Falascone - Works 05-007-2008 (Setola Di Maiale, 2008)

Questo cd di Massimo Falascone mi è arrivato proprio insieme ad un vagonata di materiali della Creative Sources, ed è…

14 Oct 2008 Reviews

Read more

Wound/Keziah Mason – Split Tape (Teen Action, 2016)

La perseveranza, quella di stampo prettamente diabolico, è certamente l’elemento che più caratterizza il progetto Wound di Massimo Onza (anche…

24 Feb 2017 Reviews

Read more

Paolo Cantù/Xabier Iriondo – Phonometak Series #10 (Phonometak/Wallace, 2012)

Decima uscita e capolinea per la serie in 10” di Wallace Records e Phonometak. Per il commiato le due anime…

21 Sep 2012 Reviews

Read more

The Way Of Purity - Crosscore (Aural Music, 2010)

A dispetto della puerile presentazione da cospiratori e sovvertitori dell'ordine mondiale, alla fin fine, questi The Way Of Purity…

11 Jul 2010 Reviews

Read more

Tender Trap - Ten Songs About Girls (Fortuna POP!, 2012)

Parte la prima traccia - che, manco a farlo apposta si intitola Train From King's Cross Station- ed è subito…

19 Feb 2013 Reviews

Read more

A Sphere Of Simple Green - With An Oblique Glance…

Gli A Sphere Of Simple Green sono un trio formato da Adriano Orrù al contrabbasso, Silvia Corda al piano preparato…

05 Feb 2018 Reviews

Read more

MU (Gian Luigi Diana, Jimmy Johnsen) – S/T (Setola Di…

UIl terremoto, lo tsunami e il conseguente incidente nucleare di Fukushima devono aver colpito l'immaginazione di molti musicisti, se, dopo…

28 Nov 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top