Neptune – Gong Lake (Table Of Elements, 2008)

Attivi addirittura dal 1994, i Neptune si dice stupiscano  per le loro performance dal vivo. Se, come me, non li avete ancora visti vi invito a dare un'occhiata a qualche video che gira in rete  per capirci. Come per Oneida o Liars, credo che ci siano gruppi che per essere compresi e apprezzati appieno prima debbano essere visti dal vivo. Poi nel religioso silenzio della propria camera, si colgono le sfumature di un disco, per poi rendersi conto, come succede in gruppi come quelli citati, che il percorso del disco o la strada del concerto spesso portano a mondi antitetici che solo poche volte si toccano (un riff o un suono che ti è rimasto impresso, poco più). Non si tratta tanto di due percorsi che vogliono sopraffarsi, ma di due modi di intendere il suono, a seconda del contesto. E ciò più si nota nelle band dove l'approccio diventa più sperimentale, dove per forza di cose l'ascoltatore ha meno appigli e meno certezze e dove è più difficile riprodurre suoni se ai tuoi piedi non hai loop station e altre diavolerie. E' qui che la sorpresa può diventare anche grande. I Neptune, dal Massachussets, sono inventori di strumenti da materiali di scarto (tubi, laminati, fusti d'olio, bandita ogni forma di elettronica che non sia un mangianastri) e cercano dei suoni immergendosi in pieno nell'avanguardia dell'industrial quanto del noise punk. Come se gli Einsturzende Neubauten dovessero riarrangiare dei pezzi di Nick Cave per poi abbandonare la cosa e tornare a fare di testa loro, mandando a quel paese anche il re inchiostro. Rispetto alla lunga premessa fatta, per ora sono a metà del guado e sto apprezzando solo l'album Gong Lake, immagino però che l'attesa sarà  breve: stasera li vedrò e penso che qualcosa si scuoterà se eseguiranno a modo loro brani come Copper Green o la cavalcata che non fa prigionieri di Red Sea.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Ovo/Rocchetti - Split 7" (Wallace/Holiday, 2009)

Più che di "clash of the titans" parlerei di "riunione di condominio" visto che Rocchetti si è trovato non solo…

15 May 2009 Reviews

Read more

Dope In The Pig Bags - The Guide For The…

Il nuovo parto di Andrea Prevignano con il monicker di Dope In The Pig Bags guarda agli orrori politici e…

07 Feb 2020 Reviews

Read more

Sparkle In Grey & Tex La Homa – Whale Heart,…

Questo disco è uno split tra Sparkle In Grey e Tex La Homa, italiani i primi, inglesi i secondi, due…

07 Mar 2011 Reviews

Read more

Ivan Iusco - Water (Minus Habens, 2012)

Il percorso creativo di Ivan Iusco, patron della Minus Habens da oltre venticinque anni, continua a stupirci. Se ci aveva…

31 Oct 2012 Reviews

Read more

Berserk! – S/T (Rare Noise, 2013)

È un disco di non facile collocazione l'esordio dei Berserk! di Lorenzo Esposito Fornasari (Transgender, Owls e colalboratore in molti…

22 Jul 2013 Reviews

Read more

Runes Order - Re: Murders (Luce Sia, 2018)

Per la serie "recuperi e ricorsi storici" la Luce Sia si tuffa nelle tenebre del passato per riesumare un altro…

07 Feb 2019 Reviews

Read more

Shiver/Sterile Garden – Candle Burning Magic (Diazepam, 2014)

L’estate può essere il tempo giusto per guardarsi indietro e magari rimediare alle negligenze dei mesi passati, come ad esempio…

07 Sep 2015 Reviews

Read more

Astral Brew - Red Soil (Macina Dischi, 2018)

Navigatori di lungo corso intrecciano le trame di questa sorta di concept spaziale a metà strada tra l'impro jazz colto…

25 Oct 2018 Reviews

Read more

Nicola Di Croce - Fieldnotes (Oak, 2014)

“Geografia” è il termine intorno a cui ruota il progetto Walkingsoundtracks di Nicola Di Croce,  che di recente abbiamo visto…

30 Apr 2014 Reviews

Read more

Babau – Papalagi (Arte Tetra/Narvalo, 2015)

Arte Tetra, piccola etichetta marchigiana devota al nastro magnetico (ha in catalogo non solo cassette ma anche un VHS) si…

16 Sep 2015 Reviews

Read more

WOW - Falene (Maple Death, 2021)

Gli WOW, dacché li conosco e li ascolto, sono stati sempre portatori di due principi, stile ed eleganza. Progetto che…

16 Jan 2022 Reviews

Read more

Tonaliens - S/T (Edition Telemark, 2018)

I Tonaliens sono una compagine musicale dal suono veramente alieno, basato tutto sulle variazioni microtonali ottenute con il programma Tuning…

09 Apr 2018 Reviews

Read more

Darkthrone - Underground Resistance (Peaceville, 2013)

E' un bel traguardo per un artista non aver più nulla da dimostrare e, nel caso specifico del terribile duo,…

08 Mar 2013 Reviews

Read more

Spraydog - Karate Summer Camp (Ferric Mordant, 2007)

Nostalgici amanti dell'indierock anni '90 fatevi sotto... questo disco fa per voi. Gli Spraydog sono rimasti ancora quello che erano…

25 Dec 2007 Reviews

Read more

The Ladybug Transistor - Can't Wait One Minute More (Mondo…

Se solo fossi un giornalista (cosa che per fortuna non sono) alzerei il culo per andare a vedere se si…

17 Dec 2007 Reviews

Read more

Black Moth - The Killing Jar (New Heavy Sounds, 2012)

Non partivo affatto prevenuto. Sebbene non ascolti molti gruppi con una donna alla voce, sono pronto a valutare con grande…

15 Jan 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top